Pesche al vino rosé con lamponi: un dessert intrigante

Pesche al vino rosé
Stampa

Pesche con lamponi: un dessert alla frutta bagnato col vino rosé

Pesche al vino rosé con lamponi: un dessert intrigante. Il dolce che abbiamo in mente quest’oggi è una leccornia che potremmo definire per adulti, intinta com’è in un litro di delizioso vino rosé. Lasciamo dunque da parte, per una sera, le esigenze dei più piccoli e dedichiamoci a noi con una portata interessantissima di sapori e nutrimento a base di frutta e vino. Organizzate una cena e divertitevi a servire a termine di tutto queste speciali pesche al vino rosé con lamponi ed in un sol colpo servirete frutta e dessert!

Forse lo avrete già provato sorseggiando una gustosa sangria spagnola, ma l’abbinata frutta e vino è tutt’altro che forzata. Anzi, proprio con le pesche e le pesche noci, il matrimonio col vino può dirsi particolarmente felice. Non a caso, potrete trovare diverse versioni di queste pesche col vino, in alcuni casi col rosso o col bianco. Noi abbiamo deciso di osare un buon rosé e di abbinare inoltre i lamponi, per un tocco ulteriore di sapori e vitamine. Questo dessert, un po’ atipico, è sfiziosissimo e leggero, capace di offrire una nota dolce in chiusura di serata, senza ulteriori appesantimenti. Una specialità che fa sempre felici i nostri ospiti.

Sapori d’estate

Le pesche al vino rosé con lamponi sono un dessert che ci ricorda le serate d’estatate, quando apparecchiamo direttamente in giardino, sotto le stelle e con gli amici chiacchieriamo fino a tarda notte del più e del meno. I ricordi scorrono veloci assieme alle parole ed ai sorrisi, quando tra le mani abbiamo questi bei piattini ricchi di frutta e vino rosé. Una cucchiaiata dopo l’altra assaporiamo il dolce, l’aspro, la succosità ed il profumo del vino che esalta e valorizza il sapore della frutta.

Pesche al vino rosé

Con questo espediente mangiamo anche tanta frutta senza rendercene conto e possiamo godere degli straordinari effetti benefici che la caratterizzano. Le pesche godono di tanta vitamina C e sono particolarmente rinfrescanti e dissetanti, oltre ad avere significativi effetti benefici su diuresi e digestione. E potrebbero essere da meno i lamponi? Acido citrico, vitamine, fibre e fruttosio, rendono i lamponi un frutto d’inestimabile valore a livello nutrizionale. Antiossidanti, astringenti, antinfiammatori e diuretici, tra gli effetti principalmente ascrivibili ai lamponi.

Le pesche da accompagnare con un calice di vino!

Lo abbiamo detto e lo ribadiamo, questa idea dolce non è adatta i bambini. Per questo dessert l’accompagnamento ideale è un buon calice di vino fresco, sempre rosé.

Vedrete che abbinata e che piacere! I sorrisi con queste pesche al vino rosé con lamponi saranno la portata principale!

Ed ecco la ricetta delle pesche al vino rosé con lamponi:

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 lt. di vino rosé
  • 6 pesche
  • 150 gr. di lamponi
  • 200 gr. di zucchero di canna finissimo
  • il succo e la scorza di un limone biologico

Preparazione:

Lavate con cura la frutta e tagliate a metà le pesche, estraendo il nocciolo. Mettete un pentolino a scaldare sul fuoco con vino, zucchero, succo e scorza di limone, fino ad ebollizione. Mettete le pesche nel pentolino avendo cura di non sovrapporle. Ricopritele di liquido e lasciate cuocere lentamente, girandole 1 volta, fino a completo ammorbidimento. Saranno necessari circa 10 minuti o poco meno.

Una volta completata la cottura, estraete le pesche e posatele in un piattino per farle raffreddare. Continuate a ridurre il liquido di cottura fino a che non avrà la consistenza di uno sciroppo. Spegnete a questo punto il fuoco e lasciare raffreddare. Servite versando lo sciroppo sulle pesche ed aggiungendo i lamponi. Accompagnate il tutto con un bicchiere di vino fresco.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


04-08-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti