Detersivi per piatti : proteggersi in caso di allergia

detersivi per piatti
Commenti: 2 - Stampa

I detersivi per piatti possono causare allergia?

Purtroppo si, i Detersivi per piatti sono ricchi di componenti che possono causare allergia, in alcuni casi questa può essere causata da un fattore professionale, in altri però è dovuta a intolleranze già pregresse. L’allergia professionale di solito prevede sfoghi come le dermatiti ed è dovuta all’uso costante di detersivi, quindi colpisce principalmente le casalinghe a tempo pieno oppure i lavapiatti, i cuochi, baristi oppure i parrucchieri. In questo caso l’uso costante dei detersivi porta la pelle dopo ripetuti contatti a non sopportarlo più e quindi a manifestare una reazione allergica.

Molto più comuni però sono le allergie che esulano dalla professione e che portano a non tollerare il detersivo dei piatti, come ad esempio quella al nichel. L’allergia al nichel è molto fastidiosa in quanto questa comporta una modifica totale della propria alimentazione, e determina anche la necessità di fare attenzione a tutto ciò che può contenere questo metallo.

Chi è allergico al nichel quindi può non riuscire a sopportare l’uso dei detersivi per i piatti, ed è costretto o all’impiego di mascherine e guanti, oppure all’uso di prodotti nichel tested.

Quindi in definitiva è possibile essere allergici al sapone per i piatti. Ma vediamo insieme come si manifesta quest’allergia e quali sono le soluzioni alternative al detersivo tradizionale.

Detersivi per piatti

Come riconoscere l’allergia ai detersivi?

L’allergia ai detersivi per piatti non è così rara come si può pensare, anzi sono diversi i soggetti che scatenano all’improvviso, a causa delle sostanze chimiche in esso contenuto, un’intolleranza verso il prodotto, nel momento in cui questo viene a contatto con la pelle.

Nella maggior parte dei casi coloro che sono allergici ai detersivi manifestano sintomi da contatto come la dermatite allergica. Tra le manifestazioni principali dati da questa allergia troviamo comunque diverse eruzioni cutanee come: rigonfiamenti (come i ponfi), le ragadi (ossia delle spaccature sulla pelle), strisce rosse come le scottature, o vesciche. A questi sintomi è accompagnato sempre l’arrossamento della cute e un senso di bruciore e prurito.

L’infiammazione determinata dall’allergia ai detersivi per piatti può portare anche a desquamazione della pelle ed estrema secchezza. Alcuni soggetti oltre che al contatto con il detersivo presentano delle problematiche anche a livello respiratorio nel momento in cui inalano il prodotto. In questo caso si può andare incontro a crisi d’asma e disturbi respiratori di altro genere.

Alternative al detersivo per i piatti e prodotti ideali per chi soffre di allergie

Quando si diventa intolleranti al detersivo per i piatti, oppure lo si è a causa di un’altra allergia come quella al nichel, non la si può più utilizzare è necessario trovare delle alternative. La prima soluzione è proteggersi con guanti e mascherina per evitare sia il contatto sia l’inalazione dei componenti chimici contenuti.

Per evitare qualsiasi contatto anche fortuito con il detersivo però, il mio consiglio è di optare per l’impiego di sistemi di pulizia completamente naturali, che garantiscono l’igienizzazione delle stoviglie senza causarti problematiche di alcun genere.

Ad esempio, si può utilizzare l’aceto bianco per lavare e igienizzare le pentole e i monili d’acciaio. Oppure al posto del detersivo puoi optare per una miscela di aceto e bicarbonato di sodio da applicare con un erogatore spray sui piatti prima di lavarli con acqua bollente.

Infine, chi è allergico al sapone per i piatti può optare per i prodotti anallergici, come ad esempio quelli nichel tested e nichel free. Fra i vari, io mi trovo bene con i detersivi per piatti Winni’s Naturel che è un prodotto testato per il nichel e che presenta una composizione con materie di origine naturale. Questo è uno tra i tanti che si trovano in commercio e che garantiscono protezione a coloro che sono allergici al nichel o in generale ai componenti chimici dei detersivi per piatti tradizionali.

 

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Detersivi per piatti : proteggersi in caso di allergia

  • Ven 21 Mag 2021 | Mariagela ha detto:

    Detersivo piatti allergia cosa usare per le mani crema pomata consigli

    • Sab 22 Mag 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve, solitamente chi ha problemi di allergia indossa i guanti a fare queste operazioni. A me quando capitavano bolle e rossori mettevo Polidal. E’ una crema con cui mi trovo bene per problemi di pelle.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...

come proteggere la pelle

Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle

Intolleranze e allergie: un rischio per la pelle Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle. Se soffri di intolleranze e allergie, avrai sicuramente già sperimentato gli effetti che...

bigiotteria

Allergia al nichel, attenzione ai gioielli e bigiotteria

Quando gioielli e bigiotteria possono causare allergie al nichel L’allergia al nichel può svilupparsi in seguito al contatto prolungato con oggetti contenenti nichel, come anche  gioielli e...

allergia a chiavi e monete

Allergia a chiavi e monete : il responsabile...

Allergia a chiavi e monete : perché succede?. Allergia a chiavi e monete : il responsabile è il nichel. Ultimamente si riscontra sempre di più l'insorgenza di allergia al nichel, dovuta in...

calze anallergiche

No al silicone e nylon: indossiamo calze anallergiche!

Come evitare la dermatite allergica da nylon e silicone? Hai comprato delle calze bellissime che non vedevi l’ora di indossare sotto quella gonna con cui si abbinavano perfettamente ma la tua...

Sensibilita al nichel da cibo

Sensibilità al nichel da cibo: insidiosa, come riconoscerla

Cos’è la sensibilità al nichel da cibo La sensibilità al nichel da cibo è una condizione molto diffusa e potenzialmente invalidante. Con sensibilità, in questo caso, si intende lo spettro di...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti