Miyagawa, dalla Cina l’agrume perfetto?

Miyagawa
Stampa

Cos’è il miyagawa? Informazioni e caratteristiche generali

Il miyagawa non è certo l’agrume più famoso della cucina italiana, ma da qualche anno si sta diffondendo anche nel nostro paese. E’ infatti un agrume originario della Cina, ma molto consumato anche in Giappone e in Corea. E’ un frutto molto particolare, che potrebbe stupire per sapore e consistenza, ma che regala grandi soddisfazioni a tavola. Tra le sue caratteristiche peculiari spicca la precocità della maturazione, che batte sul tempo arance, mandarini etc.

Può essere colto, infatti, già a metà settembre. E’ proprio questa caratteristica che, tra le altre, ha fatto la fortuna del miyagawa. Altri elementi particolari, oltre al sapore (che tratterò nel prossimo paragrafo) riguardano l’impatto estetico. A differenza di molti altri agrumi, se si escludono il lime e il bergamotto, il miyagawa presenta spesso una buccia verdognola, anche quando è completamente maturo. Anzi, la buccia arancione indica uno stato di maturazione estremamente avanzato, e una quasi totale assenza di succo.

L’albedo, ovvero la parte bianca che separa la polpa dalla buccia, è estremamente sottile. Ciò incide sia sulle proprietà nutrizionali, come vedremo più avanti, sia sul sapore. La polpa è molto morbida, quasi tenera, priva di filamenti. Inoltre, il numero di semi è estremamente esiguo. Anzi, nella maggior parte dei casi è assente.

Il sapore di un agrume davvero particolare

Se dovessimo paragonare il miyagawa ad un altro agrume, la scelta ricadrebbe sul mandarino. Infatti, essi hanno molto in comune. In primis la forma e la dimensione, che sono praticamente identiche. Secondariamente, una certa facilità di rimozione della buccia (derivante da un albedo sottile). Questo non è un dettaglio da poco, dal momento che attorno a questa caratteristica si è formata, ovviamente in oriente, una certa tradizione proprio nel trattamento della buccia.

Miyagawa

Il colore, lo abbiamo già accennato, è di norma diverso, con il miyagawa spicca per il colore verdognolo, il quale si trasforma in arancione solo quando il frutto è estremamente maturo e quasi inutilizzabile. Nella fase mediana della maturazione, che è forse la migliore in termini di resa ed equilibrio, il colore si avvicina a un giallo brillante. Cosa si può dire sul sapore del miyagawa? Premesso che i gusti sono soggettivi, il sapore di questo agrume non ha pari nella sua categoria.

E’ infatti estremamente dolce, molto più dei mandarini, che vengono percepiti come gli agrumi più zuccherini dai consumatori italiani. Va detto, però, che l’abbondanza dei sentori dolci non compromette in alcun modo la piacevolezza, ed anzi amplia ancora di più lo spettro dei possibili usi. Tutto ciò permette al miyagawa di essere un frutto estremamente versatile. Anche perché, in realtà, può essere coltivato anche nei climi mediterranei.

Miyagawa, quali sono le proprietà nutrizionali

Una delle caratteristiche degli agrumi consiste nella somiglianza delle varie specie dal punto di vista nutrizionale. In quanto a benefici e apporto nutritivo, un’arancia non è dissimile da un mandarino o da un mandarancio. Il miyagawa non fa eccezione, sebbene si segnalino alcuni elementi particolari, delle caratteristiche esclusive che ne giustificano il consumo, casomai ce ne fosse bisogno. Dunque anche nel miyagawa troviamo la consueta concentrazione di vitamina C, un apporto calorico molto basso e quasi trascurabile, la tradizionale abbondanza di potassio, calcio e fosforo (nonché di altre preziose sostanze).

Tra le caratteristiche peculiari del miyagawa spicca l’incredibile concentrazione di sostanze detossificanti quali l’esperidina, narirutina, la rutina e flavonoidi di vario genere. Tra l’altro, proprio la presenza di flavonoidi contribuisce a ridurre lo stress ossidativo e svolge una funzione di prevenzione rispetto ai tumori, in modo del tutto simile a quanto fa il pomodoro. Nella medicina orientale il miyagawa non è solo un alimento gustoso, ma anche terapeutico. E’ reputato essere un rimedio contro il rischio infarto, come anche un coadiuvante del sistema immunitario.

Miyagawa, quali sono i suoi impieghi

In genere, il miyagawa viene consumato fresco, come qualsiasi altra frutta “dolce” del resto. Il suo sapore leggermente zuccherino, e a basso grado di acidità, lo rende perfetto per il consumo a crudo. Proprio per lo stesso motivo, è apprezzato anche sotto forma di succo. Tra l’altro, ricavare del succo dal miyagawa è un’operazione molto semplice. Come ho già accennato, infatti, la polpa è molto tenera, quasi per nulla filamentosa, dunque la spremitura avviene senza intoppi o difficoltà. Anche lo spessore (minimo) dell’albedo dà un contributo in tal senso.

Ovviamente, il miyagawa è anche un ottimo alimento da marmellata. Anzi, le marmellate di miyagawa sono in grado di valorizzare il momento della colazione. In oriente, oltre al già citato consumo fresco, si segnalano usi diversi, anzi estranei alla cultura gastronomica italiana. Il miyagawa, proprio per l’equilibrio che è in grado di fornire, viene spesso impiegato per la realizzazione di salse agrodolci, o quale alimento di guarnizione per piatti a base di crostacei. Un contrasto che è tipico della cucina cinese e, in misura minore, di quella giapponese, ma che in Italia stenta ancora a prendere piede.

CONDIVIDI SU
22-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Ma da sola non potevo farcela!

Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono oggi il Presidente. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro incredibile. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

limone

Il limone, i suoi usi nell’alimentazione e nella...

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

melanzane

La melanzana, un ortaggio molto versatile

Le proprietà nutrizionali delle melanzane Oggi vi parlo della melanzana, uno degli ortaggi più apprezzati in assoluto, protagonista di molte ricette, specie se afferenti alla tradizione...

cime di rapa

Le cime di rapa, quali sono le varietà...

Le principali proprietà delle cime di rapa Attorno all’espressione cime di rapa aleggia un po’ di confusione. C’è chi la considera un sinonimo di broccoli, chi crede corrisponda alle foglie...

fave

Le fave, alleate della buona cucina e del...

Le principali caratteristiche delle fave Le fave sono tra i fondamenti della dieta mediterranea. Sono un alimento che arricchisce l’alimentazione europea da millenni, molto apprezzato già...

curry

Tutto sul curry, le differenti varietà e gli...

Una delle spezie più apprezzate in cucina Attorno al curry aleggia un po’ di confusione, infatti alcuni credono che questa spezia coincida con la curcuma, mentre in realtà è solo uno dei tanti...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti