Insalata di pasta con gamberi e fagioli per il picnic

insalata di pasta con gamberi
Commenti: 0 - Stampa

Un picnic con l’ insalata di pasta con gamberi e fagioli dall’occhio… Avete già organizzato la Pasquetta? Farete un picnic o un pranzo a casa? Qualunque sia la vostra scelta, ho deciso di proporvi qualche piatto perfetto per l’occasione e uno di questi è l’ insalata di pasta  con gamberi e fagioli dallocchio. Avreste mai pensato di unire tutti questi ingredienti in un unico pasto? Probabilmente no, ma vi assicuro che vale la pena di provare!

Infatti, si tratta di un primo fresco, senza glutine, privo di lattosio e senza uova, che però ci offre un gran nutrimento e un mix di gusto da non sottovalutare. Questa è una ricetta particolare, ideale per la Pasquetta, per le gite fuori porta e per tutte le giornate di sole che ci aspetteranno in questa primavera oramai in arrivo… Ma perché optare per una combinazione di alimenti così particolare?

Iniziamo dalla pasta…

Ho scelto la pasta fatta con la farina di piselli, in quanto è priva di glutine e, nel contempo, dona colore e allegria ad ogni pasto. Inoltre, a livello nutrizionale è davvero speciale e, unita agli altri ingredienti, può persino creare un delizioso piatto unico. Grazie ad essa, nella nostra insalata avremo il verde accompagnato dall’arancione, dal rosso, dal verde più scuro e da un beige rosato con alcune piccole picchiettature di nero: un mix di colori perfetti per un picnic in famiglia e per le feste!

La pasta preparata con la farina di piselli propone un notevole apporto di proteine di qualità, e ottime dosi di minerali e vitamine che nella pasta tradizionale non potremo trovare così facilmente. Per merito di questo alimento, l’insalata di pasta di piselli con gamberi, fagioli dell’occhio, fragole e pistacchi può regalarci un pasto ricco di magnesio, zinco e ferro, rivelandosi utile persino per chi soffre spesso di stitichezza.

insalata di pasta con gamberi

Gli altri ingredienti dell’ insalata di pasta con gamberi e fagioli dall’occhio

Oltre ai tanti colori offerti dagli altri ingredienti di questa ricetta, non dobbiamo sottovalutare l’apporto nutrizionale di ognuno di essi. In particolare, potrete contare sulle valide dosi di omega 3 proposte dai gamberi; sulle fibre e le proteine date dai fagioli; e su innumerevoli antiossidanti offerti dagli altri principali alimenti di un buon piatto di insalata.

In pratica, abbiamo a che fare con un pasto nutriente e goloso sotto ogni punto di vista… Vi è venuta voglia di assaggiarlo e/o di inserirlo nel vostro menu di Pasquetta? Se avete risposto sì, sappiate che l’ insalata di pasta  con gamberi e fagioli dall’occhio si prepara in 15 minuti più 10 minuti di cottura circa. Buon appetito e buone feste in famiglia!

Ed ecco la ricetta dell’ Insalata di pasta con gamberi e fagioli

Ingredienti per 4 persone

  • 250 gr di Fusilli di Piselli verdi consentita,
  • 20 code di gamberoni o mazzancolle sgusciate,
  • 12 fragole abbastanza grandi,
  • 3 cucchiai di pistacchi,
  • 1 manciata di fagioli dall’occhio,
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco,
  • q.b. olio extravergine d’oliva,
  • 3/4 foglie di basilico

Per la vinaigrette di condimento:

  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe nero macinato al momento
  • q.b. aceto balsamico

Preparazione

Lessate i fagiolini dell’occhio dopo averli lasciati in ammollo in precedenza, come da istruzioni; scolateli e lasciateli raffreddare.

Lavate le fragole e fatele a pezzetti regolari; mettetele da parte per poi condire l’insalata di pasta.

In un vasetto a chiusura ermetica, preparate la vinaigrette versando 5 cucchiai d’olio, aggiungete un pizzico di sale e pepe ed un goccio di aceto balsamico, chiudete e agitate ben bene per emulsionare il tutto.

Mettete a bollire dell’acqua salata e cuocete la pasta per il tempo riportato sulla confezione; nel frattempo, in una padella antiaderente unta con un goccio d’olio scottate le code di gambero (o mazzancolla) a fiamma vivace, sfumandole col vino bianco e salando a piacere; dopo qualche minuto, una volta cotte, toglietele dal fuoco e mettete da parte.

Una volta cotta la pasta, scolatela, amalgamatela con un cucchiaio d’olio, e stendetela poi su una teglia per farla raffreddare.

Una volta fredda, mettetela in una ciotola, aggiungete i gamberi, i fagioli, le fragole ed i pistacchi; irrorate con la vinaigrette e condite il tutto, mescolando ben bene.

Unite le foglie di basilico spezzettate a mano e mettete in frigo a raffreddare ulteriormente per almeno un’oretta prima di servire, affinché la pasta si insaporisca bene.

5/5 (421 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale. Le uova sono uno degli alimenti simbolo della Pasqua, tanto che molte...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti