Gualtiero Marchesi: una grande testimonianza

Gualtiero Marchesi
Commenti: 0 - Stampa

Chi non conosceva Gualtiero Marchesi? Chiunque, amanti della buona cucina e non, ha sentito parlare di lui. Per chi non lo sapesse è lo chef che ha aiutato a diffondere i sapori della gastronomia italiana in giro per il mondo, e che purtroppo dal 26/12/17 ci ha lasciati all’età di 87 anni.

Riconosciuto internazionalmente come il fondatore della nuova cucina italiana, ha portato nel Bel paese la rivoluzione della nouvelle cuisine, creando uno stile completamente unico e personale della gastronomia nostrana, aprendo la strada a molti giovani chef contemporanei.

A testimonianza delle sue capacità, è stato omaggiato con una grande carrellata di premi italiani ed esteri. Eppure, Marchesi ha sempre prestato maggior attenzione alle critiche e agli elogi dei suoi clienti. Nonostante sia stato il primo chef italiano a ricevere tre stelle Michelin, nel 2008 decise di restituirle perché non aveva più intenzione di essere giudicato da una guida.

Un grande coraggio, dentro e fuori dalla cucina.

Ai fornelli sapeva essere un’artista, un rivoluzionario e un grande innovatore. Non a caso, lui stesso intendeva la cucina come una forma d’arte, facendosi ispirare anche dalle opere provenienti da altre discipline come la musica o la pittura. Una connessione sviluppata e confermata nel suo libro “Opere” in cui gastronomia e arte diventano un tutt’uno.

Per poter ottenere questa grande trasformazione della cucina italiana, ovviamente, Marchesi aveva una conoscenza profonda degli ingredienti, punto di partenza per creare piatti unici e per poter approfittare di poche materie prime essenziali con cui elaborare grandi pietanze. Tutto ciò è stato frutto non solo dell’intuizione e della sua creatività innata ma anche dello sforzo e di uno studio costante sin dai suoi primi passi nel ristorante “Mercato”, dove iniziò, fin da subito, a trasformare i grandi classici della cucina italiana.

Negli anni, libri, mostre, ricette hanno dimostrato non solo la sua professionalità ma anche il suo carattere sia come uomo che come insegnante dei giovani cuochi.

Lo dico per esperienza, già che ho avuto la fortuna di poterlo incontrare in diverse occasioni, avendo l’opportunità di conoscere anche la persona Gualtiero al di là del cuoco Marchesi. Fra i vari incontri che si sono succeduti nel tempo, sceglierei senza dubbio quella volta che mi invitò a cena. In quell’occasione, mi colpì molto sia la sua vasta esperienza sia la sua umiltà. Durante la cena, mi ha intrattenuto leggendomi il libro che ha scritto per la moglie. Alla fine del nostro incontro, decise di regalarmelo e mi raccontò la vita dei suoi figli, dei quali molti hanno seguito le orme del padre nel campo artistico.

Gualtiero Marchesi : un mito italiano

Oltre ai fornelli, Marchesi aveva un grande amore per la musica, passione che condivideva con sua moglie, la pianista Antonietta Cassisa, scomparsa anche lei pochi mesi fa.

Un uomo di una grande cultura oltre di umiltà, ricordo che preferiva essere chiamato “cuoco” e non “chef”, parola con cui molti lo definivano ma che lui non amava troppo, nonostante la sua fama mondiale. Addirittura mi chiese anche un giudizio su un piatto che stava per inserire nella sua carta, un risotto mantecato al profumo di tartufi bianchi e neri. In questa e in altre occasioni ha dimostrato la sua stima per me e per il mio lavoro.

Gualtiero Marchesi ci ha lasciati, eppure se n’è andato lasciandoci un grande bagaglio. La sua testimonianza, le sue ricette, la sua forza saranno presenti per sempre nella storia italiana e nella gastronomia internazionale. Per confermare la sua grande influenza a livello mondiale, è stato girato “Gualtiero Marchesi the Great Italian”, un film sulla sua vita presentato già al Festival di Cannes e poi a New York. “Marchesi si nasce”, come diceva il titolo di un suo libro, e il suo “testamento gastronomico” continuerà a vivere per sempre.

Un abbraccio e un saluto di cuore, ciao Gualtiero!

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Giornata mondiale contro il cancro

Cancro, la giornata mondiale contro questa malattia!

L’importanza della giornata mondiale contro il cancro Il 4 febbraio, come ogni anno, ricorre la giornata mondiale contro il cancro. Il tema è molto delicato, apparentemente lontano dai temi che...

Unica

Unica – La Scienza per tutti: un trionfo...

Una giornata UNICA, che merita il bis! Siamo di ritorno da una meravigliosa esperienza della quale desideriamo parlarvi in dettaglio, ancora carichi di entusiasmo per il sostegno ricevuto: Unica –...

NonnaPaperinaalTG

TG1: Nonna Paperina in diretta web, ricordi ed...

Nel 2015 ed anche oggi: sempre in prima fila contro le intolleranze alimentari TG1: Nonna Paperina in diretta web, ricordi ed emozioni. Ogni anno che si conclude è un anno in più in cui attestiamo...

Food blogger

Food blogger: l’importanza di uno scatto

Sempre connessi in un mondo di immagini e sapori Non è sempre facile la vita da food blogger, ci si rende presto conto di quanto siano importanti le parole, le immagini, i contenuti. Ogni elemento...

nutri la tua voglia di riso

Nutri la tua voglia di riso: una campagna...

Un evento…con il riso Cari lettori, questo non sarà un post come gli altri. Non scriverò ricette, non vi proporrò piatti particolari con cui deliziare familiari e amici. Piuttosto, voglio...

Con Exquisa e Tania Cagnotto agli internazionali di tuffi

Con Exquisa e Tania Cagnotto agli internazionali di...

Un tuffo in cucina con Tania Cagnotto Dal 14 al 16 giugno a Bolzano si è tenuto un evento capace di unire la bellezza dello sport e la bontà della buona cucina. Stiamo parlando della...

06-01-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti