Colazione da Tiffany: per sentirti un po’ Audrey Hepburn.

Colazione da Tiffany
Commenti: 0 - Stampa

Colazione da Tiffany: la ricetta per sentirti un po’ Audrey Hepburn. Chiudete un attimo gli occhi e provate a farvi trasportare dalle dolci e romantiche note di Moon River di Henry Mancini…

Non vi ricorda niente? Allora pensate a un tubino nero di Givenchy, una collana di perle e un bocchino. Ancora nulla? Ma sto parlando del film considerato uno dei più famosi del Novecento: Colazione da Tiffany! Un film da vedere !

Un film che nel 1962 alla serata degli Oscar ha avuto 5 canditure ma ne vinse solo due: una per la colonna sonora; l’altra per la miglior canzone. Fra le più nominate furono la Candidatura come migliore sceneggiatura non originale a George Axelrod e Candidatura come miglior attrice a Audrey Hepburn . Non vinse l’Oscar che gli soffiò sotto il naso Sofia Loren per l’intepretazione nella “la Ciociara”.

Audrey Hepburn

Tratto dall’omonimo libro di Truman Capote, il film concentra in Holly Golightly (Audrey Hepburn) la figura della ragazza di umili origini e dallo spirito libero che raggiunge New York, la città simbolo della fortuna e delle grandi opportunità, per arricchirsi traendo vantaggi da uomini facoltosi che accompagna in lussuosi ristoranti e locali notturni. Insomma ritrae la figura di quella che Capote chiamava “American gheisha”, ovvero escort, molto diffusa nella New York degli anni sessanta.

Colazione da TIffany : un sogno che diventa realtà

A tal fine lo scrittore avrebbe voluto Marilyn Monroe come protagonista, dati i suoi tratti sensuali e sfacciati. Quando la Hepburn venne scelta allora la trama fu modificata e smorzata non solo per renderla più consona al gusto di quel tempo ma anche per adattarla meglio alla graziosa Audrey.

Ed è lei ad aver reso il film un successo strabiliante. E il film ad aver reso lei un’icona di stile ed eleganza… Chiunque infatti avrà visto la sua celebre immagine con i capelli raccolti e gli occhiali da sole e una cascata di perle sopra un vestito nero su borse, poster e… caffetterie!

Ma torniamo un attimo indietro e soffermiamoci sul significato che la lussuosa Tiffany assume nel film. “Io vado pazza per Tiffany… specie in quei giorni in cui mi prendono le paturnie”, così Holly parla mostrandoci come per lei sia un tempio, un rifugio, “dove non può succederti nulla” con tutto lo scintillio ed eleganza maestosa.

Però, nonostante il nome, solo nella scena iniziale si vede la protagonista davanti alla celebre gioielleria sulla Fifth Avenue far colazione all’alba in perfetto stile Newyorkese: croissant e caffè americano, tenuti tra i lunghi guanti neri.

Come sarebbe eccitata Holly Goligthly se fosse una ragazza del 2017 e sapesse che da oggi è possibile fare colazione dentro Tiffany dove è stato aperto, al quarto piano del negozio di New York, il Blue Box Cafè.

Entrando sembra di essere in una delle scatole del celebre gioielliere dato che è tutto arredato in azzurro, dalle poltroncine alle pareti, dai piatti ai tovaglioli, e rifinito nei minimi dettagli.

Il menu, nonostante prezzi non troppo economici (a cui Holly però non avrebbe fatto caso visto che aveva le mani piuttosto bucate…), prevede piatti semplici e stagionali sia per la colazione che per il pranzo ispirati ai classici newyorkesi come la “Fifth Avenue Salad” con aragosta e avocado.

Colazione da Tiffany

Perché allora non portiamo anche noi un po’ di Colazione da Tiffany sulle nostre tavole? In occasioni speciali come un Baby Shower, una colazione tra amiche o una mattina di coccole solo per noi concediamoci il lusso di sentirci come Holly Goligthly.

Colazione da Tiffany per un’occasione speciale

Le parole d’ordine devono essere eleganza, delicatezza, lusso e azzurro Tiffany! Iniziamo con la tavola e facciamo in modo che tutto sia apparecchiato a regola d’arte usando quegli accessori che ci faranno sentire dentro al film come le perle, accessori preziosi e tovaglie light-blue.

Pianificate poi un menù che sia il più raffinato possibile, proprio come Audrey Hepburn.

Nel mio, i croissant sfogliati e fragranti non possono di certo mancare: potete servirli dolci, se farciti con una semplice marmellata di semi di chia e fragole fatta in casa, oppure salate, con ricotta insaporita all’erba cipollina, salmone e ravanelli tagliati fini.

Queste ultime possono essere sostituite con il bagel ricoperto con semi di papavero per portare una nota di New York alla nostra tavola.

Preparate poi usando pane a fette, meglio integrale per garantire un corretto apporto di fibre, dei colorati vegan toast senza glutine, che oggi sono molto chic.

Io li ricopro con crema di avocado, uovo alla benedict e germogli di alfalfa che hanno un sapore molto delicato e sono ricchi di vitamine C, D, E, K, del gruppo B e minerali come zinco, selenio, magnesio, calcio e fosforo. L’uovo può essere sostituito con frutta molto colorata ad esempio i lamponi che donano contrasto alla composizione.

Restando sulla frutta Holly di certo non poteva mantenere la sua linea filiforme senza mangiare una bella macedonia ricca e dolce ogni giorno. Allora sbizzarriamoci e usiamo frutti esotici come il suo amante brasiliano José da Silva Pereira: mango, papaia, banana, kiwi e fragole sono la combinazione perfetta e toglietevi lo sfizio di accompagnarli con un ciuffo di soffice panna montata.

Colazione da Tiffany

Colazione da Tiffany una ricetta per tutta la famiglia

Non dimenticate però di portare soprattutto il lato giocoso e innocente della nostra protagonista, che infondo è ancora bambina. Io vi suggerisco un’idea che piace molto anche ai bambini: ricoprite metà banana di cioccolato fondente fuso e granella di frutta secca e riponete in frigo finchè il cioccolato non indurisce. Otterrete così un mix proteico ed energetico che vi manterrà sazie durante le vostre lunghe ore di shopping!

Provate ora a pensare alla delicatezza e ai dolci che ve la ricordano…. La mia mente e il mio stomaco sono rivolti verso la pasticceria mignon francese e in particolare ai macarons.

I macarons sono composti da due dischi preparati con albume, zucchero e farina di mandorle riempiti in origine con crema al burro. Oggi se ne trovano di tutti i colori e gusti: scegliete quelli dai colori più tenui e dal gusto più innovativo come zenzero e lampone o matcha.

matcha!! Già perché in una tavola così raffinata non può di certo mancare il tè. Io mi sbizzarrisco con diversi gusti e colorazioni a seconda del momento della giornata ma utilizzando sempre le foglie secche reperibili in erboristeria.

Il mio mix preferito e il più adatto ad una degna colazione da Tiffany è floreale e a base di menta, lavanda, ibisco, petali di rosa e fiori di camomilla. Il colore rossiccio che si ottiene ha un effetto cromoterapeutico senza eguali per questo consiglio di servirlo in una tazza trasparente e di accentuare l’effetto addolcendo con miele di acacia.

colazione da tiffany

Infine, rendiamo omaggio alla semplicità e spontaneità di Holly sorseggiando anche noi una tazza di caffè fumante per risvegliare i nostri sensi e ripartire con una marcia in più. Tutto si puo’ fare senza glutine e senza lattosio!

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Migliori piatti stranieri

I migliori piatti stranieri più apprezzati al mondo

Perché un focus sui piatti stranieri? I migliori piatti stranieri fanno parte delle abitudini alimentari degli italiani. E’ una verità scontata, ma che dimostra come la cucina italiana non sia...

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

colazione per gli studenti

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-01-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti