Galanga: radice benefica dal sapore inconfondibile

Galanga
Commenti: 0 - Stampa

Galanga: una radice dal sapore intenso e dalle numerose proprietà salutari

Il sapore della galanga è inconfondibile: appena le papille gustative entrano in contatto con questa radice il pensiero corre subito allo zenzero.

Le similitudini sono numerose, ma si può dire a ragione che la galanga sia unica e caratterizzata da proprietà benefiche che l’hanno resa un punto di riferimento per chiunque voglia cucinare tenendo d’occhio la salute.

Le conoscete già? Se non ne avete mai sentito parlare e avete voglia di scoprire i segreti di un ingrediente a dir poco speciale non vi resta che seguirmi!

Proprietà e caratteristiche della galanga

La galanga è una radice che cresce nella zona della Thailandia. Esattamente come lo zenzero, fa parte della famiglia delle zingiberaceae. Sul suo arrivo in Europa si hanno diverse notizie: alcune teorie affermano che sia arrivata nel Vecchio Continente nel Medioevo e altre, addirittura, che fosse conosciuta e utilizzata come rimedio naturale già dagli antichi Egizi, che ne facevano ricorso per preparare fumenti curativi.

Nel Medioevo veniva invece chiamata in causa per la preparazione di un liquore molto apprezzato negli ambienti dell’aristocrazia.

Esistono due tipi di galanga, la maggiore e la minore. Sono strettamente imparentate anche se la minore è la più importante. La galanga maggiore appartiene alla famiglia dello zenzero ed è originaria dell’Indonesia. Le radici piccanti, più grosse di quelle della minore, sono nodose e sebbene entrambe siano di un colore marrone rossiccio esternamente, all’interno la galanga maggiore è di colore giallognolo oppure bianco. L’aroma assomiglia a quello dello zenzero.

La galanga minore è il rizoma di una pianta originaria della Cina meridionale, dove è adoperata fin dall’antichità. Se ne parla anche nelle vecchie scritture indiane. Si tratta d’una pianta perenne, con grappoli di fiori appariscenti. Le radici sono piccole, marrone rossiccio all’esterno e rosso pallido all’interno. L’aroma sta fra quello del pepe e quello dello zenzero. Un tempo in Europa era una spezia importante, e viene ancora impiegata nei liquori e nei bitter. Però anche attualmente trova largo impiego in molti piatti piccanti dell’Asia sudorientale, a esempio in Malesia e Indonesia.

Oggi è una vera e propria manna per chi vuole cucinare in maniera creativa ma soprattutto salutare. Ovviamente può essere presa in considerazione quando si cercano soluzioni gustose da portare in tavola

La galanga in cucina: dai piatti orientali ai secondi di pesce

Gli impieghi della galanga in cucina sono davvero numerosi! Questa radice viene infatti utilizzata nella cucina orientale e in particolare in quella indonesiana, ma anche per insaporire secondi a base di pesce.

Per via del suo sapore pungente è molto apprezzata anche quando si tratta di dare carattere a primi piatti come le zuppe, per le quali si sceglie spesso di far incontrare sapori tra loro contrastanti.

C’è anche chi la sceglie per rendere più saporita la carne rossa o piatti di verdure! Davvero le alternative sono numerose ed è affascinante scoprire le più apprezzate, per evolvere creativamente e riuscire a rendere i piatti per intolleranti e non solo delle vere e proprie delizie!

Avete già provato la galanga in cucina? Come vi siete trovati? Se non l’avete mai utilizzata per i vostri piatti vi assicuro che è il caso di provare! Non ve ne pentirete e gli ospiti delle prossime cene che organizzerete vi ringrazieranno!

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Ginkgo Biloba

Ginkgo Biloba: una lunga storia di salute

Il Ginkgo Biloba è noto come un “fossile vivente” Il Ginkgo Biloba è un albero dalle grandi potenzialità, che ha una storia lunga secoli e secoli. Infatti, è una delle specie di alberi più...

Shatavari

Shatavari: una pianta che regala giovinezza e salute

Qualche cenno di storia e alcune curiosità sullo Shatavari Lo Shatavari è una pianta molto particolare, il cui nome scientifico è Asparagus Racemosus. è stata usata per secoli come un rimedio...

Tribulus

Tribulus: tutte le potenzialità di questa pianta

Tante spine e altrettante proprietà: ecco il Tribulus Il Tribulus è una pianta fuori dal comune, sia per quanto riguarda il suo aspetto che per le sue potenzialità. Infatti, è quasi...

He Shou Wu Fu Ti

He Shou Wu Fu Ti: giovinezza e longevità

Un nome particolare per una pianta dalla radice molto speciale: He Shou Wu Fu Ti La pianta He Shou Wu Fu Ti è molto utilizzata nell’ambito della Medicina Cinese. È usata da migliaia di anni e...

Epimedium

Epimedium (Horny Goat Weed): una pianta afrodisiaca

Un vegetale davvero speciale: l’ Epimedium L' Epimedium , chiamato anche Horny Goat Weed o Yin Yang Huo ,  fa parte della numerosa famiglia del Berberidaceae. Chi sa cosa significa “Horny Goat...

Chaga

Il Chaga, un fungo unico e speciale

Un fungo strano, ma importante per la salute: il Chaga Ultimamente, si sente molto parlare di funghi benefici e sicuramente il Chaga è uno di questi. Non è molto affascinante e a prima vista non...

09-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti