Colazioni : dall’Arabia all’India passando per il Vietnam!

colazioni israele
Commenti: 0 - Stampa

Continua il nostro giro di colazioni dal mondo senza sosta! In questo breve capitolo assaggeremo alcune specialità Asiatiche e più precisamente in Israele, Iran e in India. E vi dobbiamo avvertire: sarà un viaggio estremamente goloso!

Scopriremo un pane a lievitazione naturale tradizionale e tante altre specialità salate e dolci a base di carne e spezie!

puri bhali

Iran e Israele: un misto tra colazione mediterranea e asiatica

Cominciando con Israele non può mancare la frittata accompagnata con dell’insalata di pomodori e cetrioli, carote e cipolle, pane, per i carboidrati, e formaggi spalmabili; la bevanda con la quale si accompagna questo piatto variegato è il caffèirrinunciabile per ogni israeliano!

Anche in Iran il pane è protagonista della colazione. Si chiama Naan ed è un tipo di pane a lievitazione naturale diffuso in Asia Centrale, Meridionale e in Medio Oriente; è solitamente servito con della marmellata e burro, del resto anche in Europa pane, burro e marmellata fa la felicità di grandi e piccini!

In questo Paese è possibile trovare l’Halim o Haleem, una miscela di frumento, cannella, burro e zucchero con della carne (agnello o pollo) molto simile al nostro spezzatino. Halim, specialità iraniana molto simile al nostro spezzatino

India: tra pane fritto, crespelle e carne speziata

Passando all’India notiamo che la colazione sembra essere un vero e proprio pranzo all’italiana: patate arrosto con rosmarino o all’aglio, tofu, lenticchie Puri bhaji (pane fritto).

Nel sud del Paese, la variante è costituita dal Dosa una sorta di crespella speziata o Chatamar che per noi italiani è più facile chiamare piada-pizza, cioè un tipo di pane cotto in padella con i condimenti già disposti sul lato superiore.  Il Puri Baji, pane fritto tipico della colazione indiana

pho colazione vietnam

Vietnam e il Pho: una vera specialità!

Dopo questo doveroso omaggio a un approccio che ha cambiato la vita a chi ha problemi d’intolleranze torno alle curiosità delle prime colazioni in giro per il mondo citando un esempio davvero particolare, ossia quello del Vietnam.

Qui è uso comune fare colazione con il Pho, una zuppa a base di spaghetti condita con pollo e manzo. Ve la immaginate una colazione così sulla tavola di una casa italiana?

Se volete fare una colazione tipica del luogo, siate pronti per una guerra tra cervello (“Sei in un posto nuovo, prova nuovi sapori”) e gli alleati cuore-stomaco (“Oh mio Dio che roba è? Dov’è finito il cappuccino? E la brioches?”) perché la colazione in Vietnam non è di certo per i più deboli di stomaco: è tradizione mangiare una zuppa composta da sangue, cuore e lembi di stomaco del maiale, germogli di fagioli e pepe.

Avresti talmente fegato da mangiarti una zuppa così? Parliamone! ;-)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

25-01-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti