Melanzana ripiena: l’emblema della dieta mediterranea

Tempo di preparazione:

Il buono dell’orto a casa nostra: la melanzana ripiena

La melanzana ripiena è quel piatto dal sapore deciso e intenso che tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo di certo provato. Da nord a sud, tutti gli abitanti del nostro paese hanno avuto occasione di assaporare questa delizia dall’origine smaccatamente mediterranea, simbolo di una cucina che ritorna alla terra, quella che i nostri nonni destinavano alla produzione di verdure e ortaggi davvero genuini.

Ne sono testimonianza anche i pomodorini presenti all’interno, anch’essi prodotto leader della nostra cucina mediterranea, eccellenza locale che l’industria ha trasformato in mille e mille prodotti di quotidiano utilizzo, dai sughi alle passate, dai pelati ai prodotti già pronti.

Melanzana ripiena: le origini dell’ortaggi più coltivato in Italia

Pochi sanno che la melanzana è originaria dell’India e che è stata diffusa nell’area mediterranea dagli Arabi. E’ a questo popolo che dobbiamo la larga diffusione che l’ortaggio oggi protagonista della nostra ricetta ha conquistato nel nostro paese, per la cui produzione ci poniamo come primi in tutta Europa.

La melanzana ripiena rappresenta una delle tante varianti culinarie che vede protagonista questo ortaggio. La varietà di ricette che ne fa privilegiata destinataria spazia infatti a dismisura. Il merito è da ricondurre alla compattezza delle sua polpa, che la rende estremamente versatile in cucina.

Anche il suo sapore deciso funge da motivo di cotanta diffusione in Italia: si stima infatti addirittura che l’80% degli agricoltori coltivino la pianta delle melanzane nei loro appezzamenti di terreno, ricavandone dei frutti che possono arrivare a dimensioni anche veramente notevoli e dal peso inaspettato.

Qualche motivo in più per consumare la melanzana ripiena

La melanzana, di per sé, contiene pochissime calorie, che si aggirano appena sul 15%, la sua buona quantità di fibre ne fa un ortaggio assolutamente consigliato per tutti coloro che soffrono di stipsi, inoltre sono molto apprezzate le sue virtù depurative utili per la salute del fegato e per le sue capacità diuretiche addebitabili anche alla grande quantità d’acqua in essa contenuta.

La melanzana ripiena rappresenta un ottimo piatto anche per gli intolleranti al lattosio: in questa ricetta, infatti, fa la sua immancabile presenza la mozzarella, vitale compagna del pomodoro per il ripieno, ma trattasi di una mozzarella priva di lattosio, per cui via libera al consumo di questa golosa preparazione anche per gli intolleranti!

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 melanzane lunghe
  • 200 gr. di pomodorini datterini
  • 2 mozzarelle Accadì Granarolo
  • alcune foglie di basilico fresco
  • 1 cucchiaio di semi di finocchio
  • 1 manciata di pinoli di cedro
  • 2 cucchiai di polvere di olio al basilico
  • un cucchiaino di zucchero
  • q.b. sale e pepe
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di perlage di basilico

Procedimento:

Preparazione pomodorini: Lavate e tagliate in due i pomodorini. Ricoprite una teglia di carta forno e disponete i pomodorini. Irrorate con filo di olio, sale, pepe, lo zucchero e i semi di finocchio. Infornate a 180 gradi per circa 45 minuti.

Lavate le melanzane e levate il picciolo. Friggetele così (intere, con la buccia, ma senza il picciolo) in abbondante olio d’oliva per 5/7 minuti. Le melanzane saranno pronte quando risulteranno morbide, ma ancora consistenti. Scolatele e adagiatele su un piatto con carta assorbente.

Mentre sono ancora calde, pelate le melanzane da un’estremità all’altra, aiutandovi con un coltello. Fate raffreddare gli ortaggi, poi asciugatene la polpa con un panno da cucina.

Incidete la polpa delle melanzane longitudinalmente, aprite leggermente procurando una fessura che farcirete con la mozzarella sminuzzata, le foglie di basilico,  i pomodorini canditi e i pinoli di cedro.

Ultimate il piatto spolverando con polvere di olio al basilico e il perlage di basilico.

Nb. La polvere di olio al basilico si ottiene unendo maltodestrine ad un infuso di olio e basilico.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *