Latte di quinoa, un’alternativa al latte vaccino

Latte di quinoa

Latte di quinoa, una delle nuove ‘alternative al latte vaccino.Negli ultimi anni la richiesta di alimenti che non siano di origine animale è andata sempre più crescendo. La quinoa è un prodotto di origine vegetale che oggi è facilmente reperibile anche nella grande distribuzione.

Il latte di quinoa , è completamente privo di glutine, è perfetto non solo per chi segue un regime alimentare vegano, ma anche per chi ha problemi di intolleranze o allergie al lattosio o al glutine.

Le principali colture di questa pianta erbacea si trovano principalmente in Sud America (soprattutto in Perù, Cile e Bolivia) zone di origine della quinoa. Ora, data la grande richiesta di questo prodotto, è facile trovare coltivazioni di questo vegetale anche in moltissime altre parti del mondo.

Latte di quinoa , ne sentiremo parlare

La quinoa non appartiene alla famiglia delle graminacee, ed è per questo motivo che i semi non contengono glutine. Detta “falso cereale”, è largamente utilizzata in cucina in alternativa ai comuni cereali.

I semi di quinoa sono chiari, tondeggianti e piuttosto piccoli. Una caratteristica della quinoa è che prima di utilizzarla come ingrediente va risciacquata accuratamente per togliere la saponina che ricopre completamente ogni  seme.

Latte di quinoa

La saponina è una molecola prodotta dalla stessa pianta per difendere i semi dall’eventuale attacco di parassiti o insetti, e ha la particolarità di dare al seme un sapore particolarmente sgradevole. Togliere la saponina sarà però molto semplice, basterà infatti mettere in ammollo la quinoa che andrete poi a consumare, cambiando spesso l’acqua. Dopo qualche passaggio con acqua sempre fresca e pulita, travasate la quinoa in un ampio colino e sciacquate abbondantemente sotto l’acqua corrente. Così facendo non incorrerete in “amare sorprese” quando andrete a gustarla nei vostri piatti o nel latte.

Si puo’ fare anche in casa

Sì, perché il latte di quinoa è semplicissimo da preparare anche in casa. Non sono necessarie operazioni complicate e non servono apparecchiature particolari. Per avere un bicchiere di buon latte di quinoa, dovrete semplicemente acquistare i semi e troverete tutto il resto nella vostra cucina.

Potrebbe interessarvi anche sapere che, con ciò che rimarrà una volta che avrete filtrato tutto il liquido dal composto (questa parte residua prende il nome di okara), potrete preparare prodotti da forno dolci o salati (biscotti, muffin, pizze…).

Le proprietà del latte di quinoa sono in parte le stesse del seme da cui deriva e vitamine, ferro, calcio, magnesio, fosforo e zinco non mancheranno assolutamente.

Ingredienti:

  • 120 g di quinoa,
  • 1,5 l d’acqua,
  • un pizzico di sale,
  • dolcificante naturale: miele, sciroppo d’acero  ecc. (facoltativo)

Preparazione:

Mettete i semi in ammollo per qualche ora. Di tanto in tanto, sciacquate con abbondante acqua fredda per rimuovere le saponine, che donano un sapore amarognolo poco gradevole.

Una volta pronti, immergete i semi in una pentola contenente il litro e mezzo d’acqua fredda. A piacere, è possibile aggiungere un pizzico di sale.

Accendete il fuoco e fate cuocere per circa 15 minuti. Una volta terminata la cottura, spegnete e trasferite il tutto in un frullatore o utilizzate direttamente un frullatore a immersione. Una volta ben amalgamato, imbottigliate filtrando con un colino a trama fine o un canovaccio.

A piacere addolcite con un dolcificante naturale. Il latte di quinoa si conserva in frigorifero per un massimo di due giorni

19-10-2015
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti