bg header
logo_print

Paste di meliga, più buone di quanto immagini

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Paste di meliga
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.1/5 (16 Recensioni)

Oggi voglio proporvi una classica ricetta per dei biscotti  tipici del Piemonte a base di pasta frolla, comunemente chiamati Paste di Meliga o Paste di Melica.  Ho tenuto questa chicca tanti mesi nel cassetto. Guardare questa fotografia e pensare a questi biscotti mi fa venire il magone!!! Quanti che ne ho mangiati in compagnia di persone che amo e che ora non ci sono più…..

Relativamente a questi biscotti è nato il Consorzio Paste di Meliga del Monregalese per tutelare la qualità del prodotto tipico locale Dall’aspetto rustico e granuloso, sono dolci da pasticceria composti da un impasto a base di farina di mais fioretto e farina di patate. Questa versione, appositamente studiata per chi come me soffre di varie intolleranze, va a sostituire alcuni ingredienti, pur mantenendo intatto il sapore caratteristico di questi biscotti. Oggi per voi le paste di meliga senza burro tradizionale ma con burro chiarificato.

Ricetta paste di meliga

Preparazione paste di meliga

Come fare le paste di meliga? Per preparare le paste di meliga preriscaldate il forno a 180 gradi. Setacciare le due farine e la fecola. Ammorbidire a temperatura ambiente il burro. In una terrina mescolate le farine, il burro, il lievito, lo zucchero, la scorza di limone grattugiata, il sale, l’uovo intero, l’albume e il latte.

Mescolate con un cucchiaio di legno e amalgamate bene gli ingredienti e dovrete ottenere un impasto cremoso, morbido e omogeneo. Versate il composto in una sac à poche dove monterete la bocchetta a stella.

Foderate una teglia con della carta da forno e disponete con la sac à poche delle piccole ciambelline rotonde d’impasto abbastanza distanziate fra loro.

Cuocete in forno per circa 15/20 minuti fino a che le paste non saranno ben dorate. Lasciate raffreddare completamente prima di servire con una buona tazza di tè.

Nella tradizione venivano mangiate dopo i pasti inzuppati in un bel bicchiere di Barolo, il vino locale, ma sono anche ottimi per colazione con del latte, un buon cappuccino, o del tè. Questi biscotti si prestano molto bene ad essere inzuppati in bevande calde.

Ingredienti paste di meliga

  • 125 gr.farina di mais fioretto o Ottoville
  • 125 gr. fecola di patate
  • 50 gr. farina di riso
  • 100 gr. zucchero di canna bianco
  • la scorza di 1/2 limone
  • 100 gr. burro chiarificato
  • 1 uovo intero + 1 albume
  • mezza bustina lievito per dolci consentito
  • mezzo bicchiere latte consentito
  • un pizzico di sale

Le paste di meliga: storia della tradizione pasticcera piemontese

I biscotti di meliga hanno una storia affascinante che li lega a ricordi di infanzia, quando i nonni spesso li preparavano in casa per deliziare le famiglie. La loro ricetta ha radici antiche, con i primi riferimenti storici che risalgono al lontano 1850, nella regione del Piemonte, nel Monregalese, dove ebbero inizio le prime produzioni di questa delizia.

La leggenda vuole che i biscotti di meliga abbiano avuto origine a causa dell’aumento del prezzo del frumento. Di fronte a questa sfida, i fornai decisero di incorporare la farina di mais nelle loro preparazioni, creando così una nuova tradizione gastronomica che ha resistito nel tempo.

Oggi, i biscotti di meliga sono un vero e proprio prodotto della tradizione dolciaria italiana, noto e apprezzato in tutto il mondo. Sono stati ufficialmente riconosciuti come “Prodotto agroalimentare tradizionale del Piemonte“, sottolineando così la loro importanza nella cultura culinaria regionale.

La ricetta per questi biscotti è davvero veloce e semplice da preparare, adatta a chiunque, anche ai meno esperti in cucina. L’unica raccomandazione importante è assicurarsi di cuocerli con cura, ottenendo un aspetto dorato e granuloso che garantisce la giusta fragranza e consistenza.

Per preparare questi biscotti di meliga senza glutine, basta seguire attentamente gli ingredienti e il metodo che vi indicherò a breve. Quindi, perché non vi mettete subito all’opera per rivivere questa gustosa tradizione e gustare un pezzo di storia nella vostra cucina? Buon divertimento in cucina!

Paste di meliga

La tipica pasticceria piemontese

La tradizione pasticcera piemontese è ricca e apprezzata in tutto il mondo per la sua eccellenza e raffinatezza. Il Piemonte, una regione nel nord-ovest dell’Italia, è celebre per una vasta gamma di dolci tradizionali che spaziano dai biscotti alle torte, dai cioccolatini alle paste reali. Ecco alcune delle prelibatezze più famose della tradizione pasticcera piemontese:

  • Bicerin: Originario di Torino, il bicerin è una bevanda calda composta da caffè, cioccolato fondente e crema di latte. È tradizionalmente servito in un bicchiere piccolo e si distingue per gli strati distinti di caffè, cioccolato e crema.
  • Gianduiotti: Questi cioccolatini a forma di lingotti sono una specialità di Torino. Sono fatti con cioccolato gianduia, una miscela di cioccolato fondente e pasta di nocciole, che conferisce loro un sapore ricco e vellutato.
  • Torta di Nocciole: Il Piemonte è famoso per le nocciole, e una delle sue specialità più celebri è la torta di nocciole. Questa torta è fatta con nocciole tritate e spesso è accompagnata da una crema di nocciole.
  • Paste Reale: Questi dolci a base di mandorle sono tipici del periodo natalizio e spesso vengono scolpiti in forme intricate e colorate. Sono realizzati con mandorle macinate e zucchero, e la loro consistenza è morbida e masticabile.
  • Torta di Mele: Questa torta classica è preparata con fette di mele disposte sopra una base di pasta frolla. È spesso arricchita con una glassa di marmellata di albicocche.
  • Bonèt: Un dolce al cacao e caffè, spesso arricchito con amaretti sbriciolati. Ha una consistenza morbida e cremosa simile a quella di una panna cotta.

La tradizione pasticcera piemontese si basa su ingredienti di alta qualità, come nocciole, cioccolato e mandorle, e su una maestria culinaria che ha radici profonde nella cultura della regione. Questi dolci sono spesso serviti nelle occasioni speciali o come regali gourmet, e rappresentano una parte importante del patrimonio gastronomico del Piemonte.

Un focus sulla farina di mais fioretto o Ottoville

Per la preparazione dei biscotti di meliga, la scelta di utilizzare farina di mais fioretto o Ottoville è fondamentale per ottenere la consistenza e il sapore desiderato.

La farina di mais fioretto è una varietà di farina di mais molto fine, ottenuta da mais macinato finemente. Questa farina è ideale per la preparazione dei biscotti di meliga conferisce perché loro una consistenza leggera e friabile. Inoltre, il mais fioretto ha un sapore dolce e un profumo caratteristico che si sposa perfettamente con gli altri ingredienti dei biscotti.

La scelta tra farina di mais fioretto e Ottoville può dipendere anche dal fatto che quest’ultima può essere un tipo specifico di mais o una varietà particolare di farina di mais. Ottoville potrebbe differire in termini di grana e sapore rispetto al mais fioretto tradizionale. Tuttavia, entrambe le opzioni dovrebbero funzionare bene per i biscotti di meliga.

In generale, è importante utilizzare farina di mais di alta qualità per ottenere biscotti di meliga deliziosi. Quindi, qualsiasi varietà di farina di mais fioretto o Ottoville che sia di buona qualità e adatta alla cottura dovrebbe andare bene per questa ricetta. Assicurati solo che la farina di mais sia fresca e ben conservata per ottenere il miglior risultato possibile.

Curiosità sulle paste di meliga

Le “paste di meliga” sono un tipo di biscotti tipici della cucina ligure, una regione dell’Italia settentrionale. Il termine “meliga” deriva dalla parola ligure “meligâ”, che significa “farina di mais”.

Le paste di meliga sono fatte principalmente con farina di mais gialla, burro, zucchero e, talvolta, aromi come la vaniglia o la scorza di limone. La farina di mais conferisce loro un colore giallo dorato e un sapore distintivo che ricorda il mais. Questi biscotti sono spesso croccanti all’esterno e friabili all’interno, rendendoli un piacere da gustare con un caffè o come spuntino.

Per conservare correttamente la pasta di meliga e mantenerle fresche e gustose, è importante seguire alcune linee guida di conservazione. Ecco come farlo:

  • Trasferisci le paste di meliga in un contenitore ermetico o in un barattolo di vetro sigillato. Assicurati che il contenitore sia ben chiuso per evitare l’umidità e l’ossidazione.Conservare il contenitore delle paste di meliga in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce solare diretta e da fonti di calore. Evitare di esporre i biscotti a sbalzi di temperatura e umidità.
  • Se hai intenzione di conservare i biscotti per un periodo prolungato, considera l’opzione di separare i diversi strati di pasta di meliga con della carta pergamena o pellicola trasparente. Questo aiuterà a prevenire che si attacchino tra loro o che diventino troppo morbidi a causa dell’umidità.
  • Fare attenzione all’umidità. Le paste di meliga possono diventare morbide se vengono esposte all’umidità e potrebbero perdere la loro croccantezza. Per evitare ciò, assicurarsi che il contenitore sia ben sigillato e conservare i biscotti in un ambiente asciutto.
  • Le paste di meliga solitamente hanno una buona durata di conservazione, ma è sempre meglio consumarle entro poche settimane dalla loro preparazione per garantire la massima freschezza.
  • Congelamento (che io non consiglio): Se desideri conservare le paste di meliga per un periodo più lungo, puoi anche considerare l’opzione del congelamento. Avvolgi i biscotti in modo ermetico con pellicola trasparente o alluminio e mettili in un sacchetto per il congelamento. Saranno buoni per diversi mesi se conservati correttamente nel congelatore.

Seguendo queste indicazioni, potrai conservare la pasta di meliga in modo che rimangano fresche e gustose per un periodo più lungo. Ricordatevi di assaporarle nel pieno della loro croccantezza e freschezza per godere appieno del loro sapore caratteristico.

Ricette biscottini ne abbiamo? Certo che si!

4.1/5 (16 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Paste di meliga, più buone di quanto immagini

  • Mer 8 Feb 2023 | Paola Ferrero ha detto:

    Biscotti rustici buonissimi, i miei preferiti.
    Friabili e dallo spiccato sapore di burro.
    Sono simili ai krumiri, altro biscotto di origine piemontese
    Essendo piemontese, ti ringrazio per aver diffuso la ricetta!!!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Banane in sfoglia con crema alle nocciole

Banane in sfoglia con crema alle nocciole, un...

La banana, un frutto dalle tante potenzialità Vale la pena parlare della banana, il vero protagonista della ricetta delle banane in sfoglia con crema alle nocciole. La banana è un frutto...

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Mousse di granadilla

Mousse di granadilla, un dessert per viaggiare con...

Cosa sapere sulla granadilla Vale la pena parlare della granadilla, che è l’ingrediente principale di questa deliziosa mousse. Inizio col dire che è un frutto raro a tutti gli effetti,...