Tagliatelle fatte in casa con farina di carrube

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    1 Ora
farina di carrube

Un’alternativa da provare

Tagliatelle fatte in casa con farina di carrube. Qualche volta, per necessità o per sfizio, si ha voglia di dare un colo­re e un sapore diversi alla pasta: ci si può sbizzarrire con la pasta verde, quella rossa, quella marrone, quella gialla sem­plicemente unendo altri ingredienti alla base di farina e uova. e poi se ne fanno taglia­telle pappardelle, lasa­gne e chi più ne ha più ne metta

PASTA VERDE: la colorazione si ottiene con l’aggiunta di spi­naci, bietole, borragine, ortiche o piselli lessati a vapore, ben strizzati o asciugati, poi pas­sati al tritatutto che si uniscono in questa proporzione : 200 g di verdura (pesati crudi) per 400 g di farina e 4 uova,

PASTA ROSSA: La colorazione si ottiene unendo all’impasto il concentrato di pomodoro aggiungendo nella farina della paprika dolce. A vostro gusto potete aggiungere anche del peperoncino in polvere ma  non esagerate con la quantità e le proporzioni sono di  2 cucchiai di concentrato di pomodoro ogni 100 gr di farina + 1 cucchiaio di paprika.

Per gli intolleranti al nichel, potete farla solo con l’aggiunta di paprika dolce

PASTA VIOLA: La colorazione si ottiene con le barbabietole rosse. Fate cuocere una barbabietola in forno finchè diventa morbida e frullatela a purea. Poi si aggiunge all’impasto per incorporarla e le proporzioni sono 100 gr. di barbabietola ogni 100 gr. di farina

PASTA GIALLA O ARANCIONE: La colorazione si ottiene con vari alimenti, potete utilizzare la curcuma in polvere, lo zafferano, il curry, la zucca, le carote.
Per le spezie in polvere la proporzione è di 1 cucchiaio ogni 100 gr. di farina mentre se utilizzate la zucca o le carote la proporzione è 100 gr. ogni 100 gr. di farina.Sia le carote che la zucca si devono cuociono prima a vapore, poi si passano al setaccio fine e il passato così ottenu­to si fa “asciugare” mettendolo al fuoco in un padellino e mesco­lando con un cucchiaio di legno fin che si addensa.

Potete aggiungere un cuc­chiaio di salsa di pomo­doro per rinforzarne il colore. e il tutto va lasciato bene raffredda­re prima di unirlo all’impasto.

PASTA MARRONE: La colorazione si ottiene aggiungendo del cacao amaro in polvere o della farina di semi di carrube all’i­nizio e si procede come al soli­to e le proporzioni sono 100 gr. di cacao o di farina di semi di carrube in polvere per circa 3OO gr. di farina.

PASTA NERA: La colorazione si ottiene con il nero di seppia che viene aggiunto insieme alle uova, all’inizio dell’impasto. Quando unite prodotti non in polvere dovete aggiungere  un po’ di farina in più nell’impasto, per assorbire l’umidità e lavorare a lungo la pasta e farla asciugare bene prima di cuocerla.

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr di farina 00
  • 100 gr di farina di semi di carrube
  • 3 uova
  • q.b. sale

Procedimento

  1. Mettete le due farine in una grande cio­tola e mescolatele accuratamente. Setacciate le farine sulla spianatoia e formate una fontana e al centro ag­giungete un pizzico di sale e le uova tenute a temperatura ambiente.

    Cominciando dall’interno, mescolate il tutto con una forchetta, prendendo man mano la farina dai bordi; proseguite lavorando con le mani l’impasto dall’esterno verso l’interno, raccogliendo e amalgamando tutta la farina che si trova sul piano di lavoro.
  2. Procedete con la lavorazione per 15-20 minuti aggiungendo un goccio di latte o di acqua se si rende necessario. Tirate l’impasto, ripiegatelo su se stesso, e schiacciatelo con i pugni e questa operazione và ripetuta più volte finché l’impasto non sarà sodo e omogeneo.

    A questo punto fatene una palla e mettetela a riposare avvolta nella pellicola trasparente per circa mezz'oretta.
  3. Dopo il tempo di riposo infarinate la spianatoia e prendete un mattarello. Prima di iniziare appiattite il panetto effettuando una leggera pressione con le dita.

    I maestri di quest'arte consigliano di stendere la sfoglia è arrotolare un’estremità dell’impasto sul mattarello, tenere ferma con una mano l’altra estremità della sfoglia e far scorrere quindi il mattarello. E' necessario fare una leggera pressione quando si spinge il matterello verso l’esterno e diminuire la pressione quando si sposta il mattarello verso l’interno.
  4. Alla sfoglia dovete far fare un quarto di giro e ripetere lo stesso movimento fino a quando non avrete ottenuto lo spessore desiderato. Continuate a lavorare con il mattarello, tenendo presente che la sfoglia dovrà avere uno spessore di circa 0,5 mm.

    Per preparare le tagliatelle infarinate la sfoglia, quindi arrotolatela su se stessa.Tagliate il rotolo in tante fettine lunghe dai 5 ai 7 mm e lasciatele essiccare per circa due ore.

    Potete anche aiutarvi con l'apposita macchinetta per la pasta e fare i tagliolini piu sottili.

Condividi!

2 commenti a “Tagliatelle fatte in casa con farina di carrube

  1. LIA

    Qui in Argentina trovo a farina di carrube che si chiama Algarroba. Anche il caffè. Trovo anche un caffè di “mistol” e di “chanar” che non so per quali gruppi sanguigni siano buoni.
    Il caffè di cicoria non si trova ASSOLUTAMENTE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *