Matteo: felice di avere un nipote come te

matteo
Commenti: 0 - Stampa

Matteo

Matteo, ho chiesto di avere un nipote che sia abbastanza forte

per aver coscienza delle sue debolezze;

abbastanza bravo

per riprendersi quando avrà paura,

un nipote che sappia accettare con fierezza

una disfatta onorevole,

ed essere umile e nella vittoria.

Matteo, ho chiesto di darmi un nipote che ti conosca

e sappia che la conoscenza di TE

che sei la pietra angolare della sapienza.

Te ne prego , non condurlo per vie facili,

ma piuttosto , per sentieri pieni di difficoltà e ostacoli.

Insegnagli a restare in piedi nelle tempeste,

e a mostrare compassione per quelli che cadono.

Formami un nipote di cuore puro ,

con aspirazioni elevate,

che sappia essere padrone di sé

prima di voler padroneggiare sugli altri,

che sappia ridere,

senza dimenticare come si piange;

che tenda verso l’avvenire ,

senza perdere di vista il passato.

E quando avrà tutto questo ,

aggiungi , te ne prego ,

sufficiente buon umore ,

perché resti sempre

senza mai prendere le cose sul tragico.

Dagli umiltà , perché ricordi sempre

la semplicità della vera grandezza ,

la comprensione della vera sapienza

la mansuetudine della vera forza .

Allora io , sua zia ,

oserò mormorare a me stessa :

” Tutte le mie preghiere sono state ascoltate ! “.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

18-05-2012
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti