Spaghetti con radicchio e porro: nutrizione e gusto

Spaghetti con radicchio e porro
Stampa

Le virtù dei sapori vegetariani negli spaghetti radicchio e porro

Un piatto di pasta può essere completo ed estremamente nutriente, anche senza il bisogno di utilizzare la carne. Questo è certamente il caso degli spaghetti con radicchio e porro, caratterizzati dal sapore e della fragranza di tanti ingredienti che offrono gusto e nutrimento a volontà. In più, prediligendo la pasta integrale, potrete avere a disposizione molte più sostanze nutritive ed un sapore decisamente unico.

Tuttavia, possiamo dire che l’ingrediente speciale di questo piatto è il radicchio: buono da crudo e coinvolgente da cotto. Ma per conoscere nel dettaglio questi sapori c’è solo una soluzione: provare questa ricetta. Pertanto, ecco tante buone ragioni che vi spingeranno a preparare al più presto gli spaghetti con radicchio e porro e tutte le indicazioni utili di cui avrete bisogno durante la preparazione.

Il radicchio e le sue particolarità

La pianta del radicchio si chiama Chicorium Intybus e fa parte della famiglia delle Composite, alla quale appartengono anche le cicorie. Questo ortaggio veniva già utilizzato in cucina nell’antichità e veniva considerato un cibo “per i poveri”. Poi, i greci e i romani si accorsero che il radicchio vanta di alcune proprietà curative da non sottovalutare, in particolare per quanto riguarda l’insonnia, e così iniziarono a dare una maggiore considerazione a questo alimento.

Analizzando bene questo alimento, sono state scoperte altre proprietà, dovute principalmente al notevole contenuto di acqua, proteine, minerali (potassio, selenio, calcio, fosforo, ferro, zinco, manganese, sodio, magnesio e rame), vitamine (A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K, e J) e importanti aminoacidi (come l’arginina e il triptofano). Tutte queste sostanze regalano a questo alimento delle ottime proprietà digestive, depurative, purificanti, antiossidanti e rilassanti.

Inoltre, è utile considerare che il radicchio è ipocalorico e, secondo alcune ricerche, è un alimento utile ai pazienti colpiti da diabete di tipo 2 (grazie all’inulina che facilita la gestione e la regolarizzazione dei livelli di zucchero nel sangue), fa bene alle ossa e alla vista, ed è utile per chi desidera perdere peso. Cosa possiamo dire invece del porro?

Ecco cosa dovreste sapere sui porri

Il porro è un ortaggio che ricorda l’aglio e somiglia un po’ alla cipolla, ma in realtà offre un gusto molto più delicato rispetto ad essi. Questo alimento è composto in prevalenza d’acqua e in minor quantità da proteine, carboidrati, zuccheri solubili e fibre. Propongono un valido apporto di vitamina A, B1, B2, B3, PP, B5, B6, C, E, K e J, e di minerali come magnesio, potassio, sodio, ferro, fosforo, rame, calcio, selenio, zinco e manganese.

Fin dai tempi antichi, gli egizi e i romani avevano constatato che i porri vantavano di proprietà terapeutiche e benefiche, in particolar modo per quanto riguarda il trattamento del mal di gola e dell’insonnia. Con il passare del tempo è stato confermato che il porro può aiutare anche a perdere peso, a ridurre la formazione di gas intestinali, a digerire meglio e ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo.

In più, è un antibiotico naturale (soprattutto in caso di artrite e reumatismi) e vanta di proprietà diuretiche, disintossicanti, antiossidanti e antisettiche. Infine, è utile sapere che alcuni esperti affermano che il porro sia un alimento molto speciale per le donne in gravidanza: i folati presenti nei porri aiutano ad evitare l’insorgenza di malformazioni nel corpo dei neonati. Detto questo, andiamo a vedere come in questa ricetta i porri si uniscono perfettamente al radicchio.

Ed ora la ricetta degli spaghetti con radicchio e porro

Ingredienti per 4 persone

  • 350 g di Spaghetti di Riso Integrali Rice&Rice
  • 2 cespi di radicchio;
  • un porro (la parte verde brillante);
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q.b. sale  e pepe

Preparazione

Tagliate il radicchio a listarelle e il porro a filetti, lasciando questi ingredienti separati. Fate scaldare l’olio in un ampio tegame, versateci il porro e un po’ di sale. Durante la cottura, mescolate e, non appena il porro avrà preso un bel colorito verde brillante, prelevatelo dal tegame e conservatelo tra due piatti.

A questo punto, potrete mettere a lessare gli spaghetti e, nel frattempo, potrete rimettere il tegame sul fuoco e riutilizzare il fondo di cottura del porro per preparare il radicchio. Non appena quest’ultimo inizierà ad appassire, incorporateci gli spaghetti scolati al dente e il porro conservato in precedenza. Fate saltare il tutto per un paio di minuti, spolverizzate con il pepe e servite. Gli spaghetti con radicchio e porro riusciranno certamente a stupirvi.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


17-03-2011
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti