bg header

Il geranio mela, una varietà tutta da gustare

geranio mela

Cos’è il geranio mela?

Il geranio mela, nome scientifico “pelargonium odoratissimum”, è una varietà di geranio che può regalare molte soddisfazioni anche in cucina. E’ infatti una delle varietà più “mangerecce”, che si prestano di più al consumo alimentare. Il geranio mela si distingue per una fioritura poco vistosa, a differenza dei gerani che siamo abituati ad ammirare. I fiori sono presenti in numero inferiore, inoltre sono piccoli e caratterizzati da tonalità meno brillanti. Nella stragrande maggioranza dei casi sono violacei o bianchi.

Le foglie sono all’apparenza simili a quelle dei gerani più conosciuti, dunque dominate da un verde scuro e da una forma complessa, che ricorda vagamente il trifoglio. In questo caso, però, i bordi sono mediamente più frastagliati e le forme un po’ più varie. Il geranio mela, in genere, occupa spazi più grandi degli altri gerani, sebbene venga ancora conservata la possibilità di una coltivazione in vaso.

Come coltivare questo tipo di geranio?

Coltivare il geranio mela non differisce molto dal coltivare le altre varietà di geranio. Dunque, vanno seguiti i medesimi accorgimenti. Per esempio, è consigliato optare per una zona esposta al sole e concimare il terreno ogni tre o quattro mesi e con prodotti a bassa quantità di azoto. Il terreno va rimestato di tanto in tanto, in modo che l’acqua raggiunga efficacemente le radici (che sono piuttosto lunghe). Fate attenzione anche a non tagliare le foglie, ma solo spuntarle di volta in volta. Questo consiglio vale per tutti i gerani, ma soprattutto per i gerani mela, che hanno nelle foglie il loro punto di forza, se non addirittura la loro ragion d’essere.

Il geranio è una specie proveniente dal Sud Africa, dunque apprezza particolarmente i climi siccitosi. E’ compatibile con la macchia mediterranea, ma va dedicata molta attenzione alla questione “idrica”. Le irrigazioni devono essere giornaliere, ma mediamente abbondanti solo di estate e di primavera, mentre dovranno essere del tutto sospese nei mesi invernali e autunnali. Il rischio è di incorrere in ristagni idrici, che il geranio soffre parecchio. I gerani, a prescindere dalla varietà, dovrebbero essere sistemati all’interno di vasi molto grandi. Le dimensioni sono molto variabili, ma tendono a crescere molto in larghezza.

Le varietà del geranio mela

Il geranio mela è una varietà in sé, quindi è bene fare una piccola panoramica delle altre varietà di geranio. In particolare soffermiamoci sul geranio imperiale, che è sicuramente una delle piante più eleganti e tra quelle facilmente coltivabili in vaso. I suoi fiori sono molto colorati e vari, in quanto ospitano diverse tonalità all’interno degli stessi petali. Il geranio imperiale è anche una delle varietà più resistenti e meno esigenti.

Molto interessante è anche il geranio edera, detto anche “parigino”. La sua qualità più vistosa riguarda la forma, che è ricadente o rampicante. Il geranio edera viene impiegato per arredare gli ambienti esterni, le pareti e i balconi, quasi come se fosse un colorato e suggestivo rivestimento. Infine, citiamo il geranio angel, simile al geranio imperiale ma con delle foglie più grandi e dei fiori sostanzialmente bicolore. La fioritura è abbondante ed ha esigenze minime rispetto alle altre varietà. Rispetto agli altri gerani, sopporta un po’ più il freddo, dunque può essere posizionato in zone un po’ più soleggiate.

geranio mela

Le proprietà del geranio mela

Il geranio mela ha nelle foglie il suo punto di forza, anche perché i fiori non sono molto grandi e vistosi come nelle altre varietà. Ciononostante, non spiccano per capacità nutrizionali, se si restringe il campo a vitamine, sali minerali e zuccheri. Di contro, vantano alcune sostanze in grado di esercitare un impatto curativo, o almeno positivo per la salute. Il risultato è una pianta capace di giocare un ruolo anche nella medicina naturale.

Delle foglie del geranio mela si apprezzano le proprietà antinfiammatorie, che si ottengono con  un consumo orale. Stesso discorso per le proprietà astringenti, utili in caso di nausea. Secondo alcuni studi, il consumo delle foglie di geranio mela attenuerebbe i sintomi depressivi. Infine, il geranio mela è considerato un discreto stimolante per l’attività del fegato, dei reni e del sistema linfatico (deputato alla gestione delle difese immunitarie). Tali proprietà, in misura diversa, si ravvisano anche in tante altre varietà.

Gli usi in cucina di un fiore davvero particolare

Gli usi del geranio mela sono essenzialmente tre: ornamentali, gastronomici e curativi. Partiamo proprio dagli aspetti curativi. Con le foglie di questo tipo di geranio è possibile realizzare dei buoni decotti dal profumo di mela. Il sapore è buono e migliore rispetto alle foglie degli altri gerani. Fate attenzione, però, alla differenza di base tra infuso e decotto. L’infuso prevede il riposo dell’ingrediente in acqua molto calda. Il decotto, invece, prevede la bollitura dell’ingrediente stesso, un metodo che determina un rilascio più efficace dei principi nutritivi.

Sul piano ornamentale il geranio mela fa la sua figura, soprattutto nei giardini. E’ vero, i fiori sono più piccoli e meno colorati rispetto alle altre varietà, ma è più frondoso e le foglie si fanno apprezzare per le loro forme creative. Sul piano gastronomico le foglie possono essere impiegate come qualsiasi altra pianta aromatica. Il sapore è delicato e in una certa misura rispecchia il profumo che emanano. Il miglior modo per consumare le foglie di geranio mela è inserirle nelle insalate, magari tentando combinazioni di sapori diversi dal solito. Anche i petali, per quanto piccoli, possono essere utilizzati in questo modo.

Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Quiche con ortiche

Quiche con ortiche, una torta salata dal sapore...

Un approfondimento sulla pasta brisée La base di questa quiche con ortiche è rappresentata dalla pasta brisée. E’ bene prepararla in casa o acquistarla al supermercato in forma già pronta?...

Pizza con agretti e salsiccia

Pizza con agretti e salsiccia: un mix insolito...

Gli agretti, delle verdure aromatiche da non sottovalutare Vale la pena spendere qualche parola sugli agretti, che sono i veri protagonisti di questa pizza alla salsiccia. Si presentano con dei...

logo_print