Come perdere peso con IUNIC Metabolic

perdere peso
Commenti: 0 - Stampa

IUNIC Metabolic: perché l’ho scelta per perdere peso

Di recente ho intrapreso un percorso per perdere peso. Un percorso diverso dagli altri, che presenta alcuni elementi rivoluzionari, sto parlando di IUNIC Metabolic body program. Si tratta di un percorso personalizzato che indaga i principali ostacoli al dimagrimento, partendo dall’analisi del metabolismo e dalle capacità di assimilazione dei nutrienti, elaborato da Synlab. Synlab è il più grande gruppo europeo di diagnostica medica che, attraverso i suoi punti prelievo e presso i centri poliambulatoriali, offre prestazioni e test di laboratorio. Il loro approccio dietro a IUNIC fonde le classiche discipline nutrizionistiche con le tecnologie di analisi genetica più avanzata. I percorsi procedono da un’evidenza ormai confermata, basata sul fatto che ogni persona presenta caratteristiche proprie, che rispondono in maniera diversa agli stimoli esterni, dieta compresa.

Vi è mai capitato di sottoporvi a una dieta che per qualcuno di vostra conoscenza ha funzionato ma per voi no? Ebbene, è probabile che le caratteristiche di quel particolare regime alimentare non fossero compatibili con le dinamiche del vostro metabolismo. Mi sono avvicinata a IUNIC Metabolic Body Program per due motivi. In primo luogo, perché non propone le solite prassi, ma piuttosto punta in maniera diretta e molto concreta alla personalizzazione dei piani alimentari. Il percorso prevede l’elaborazione di una dieta che si basa sulle valutazioni del nutrizionista, ma anche sulle evidenze raccolte nel corso di complesse analisi. Queste, per inciso, puntano a studiare il metabolismo dell’individuo, mettendo in evidenza le caratteristiche che fungono da “ostacolo” al calo del peso.

Il secondo motivo per cui mi sono avvicinata a IUNIC Metabolic Body Program è dato dall’efficacia del loro metodo. Ho parlato con altre persone che hanno seguito il percorso e si sono dette molto soddisfatte. Tra l’altro, ho potuto vedere in prima persona gli effetti che IUNIC ha avuto su di loro e sulla loro forma fisica! A me personalmente hanno promesso di perdere dieci chili, a patto ovviamente di seguire le loro indicazioni. Ho già avuto modo di apprezzare la professionalità degli esperti che curano il programma, dunque non dubito di raggiungere il mio obiettivo!

perdere peso

Perché un piano alimentare costruito su misura?

Prima di parlare nello specifico della mia esperienza per perdere peso (che ci tengo a precisare mi terrà impegnata qualche mese), vorrei descrivere i principi su cui si basa IUNIC Metabolic Body Program. Il principio di base è l’integrazione del classico percorso nutrizionale con un approccio ancora più scientifico, basato su approfondite analisi organiche. Dunque, IUNIC non sconfessa il metodo classico, semplicemente lo migliora e lo potenzia. Ciò risulta evidente confrontando il percorso garantito dalla classica visita nutrizionale e il percorso di IUNIC Metabolic Body Program. Anche perché hanno molto in comune, e anzi fino ad un certo punto sono praticamente identici.

Per esempio, entrambi i percorsi prevedono una visita con anamnesi. Ovvero, il paziente racconta la sua storia clinica, parla delle eventuali patologie dalle quali è affetto, descrive le sue abitudini alimentari e riassume le sue “vicende” legate al peso. Un altro punto in comune è la rilevazione dei parametri antropometrici. Banalmente, vengono rilevati il peso, l’altezza, la circonferenza della vita, delle gambe, dei fianchi, ecc. Discorso simile per l’analisi bioimpedenziometrica. Il termine è complicato, come l’esame del resto. Vi basti sapere che l’obiettivo di queste analisi è quello di rilevare la composizione corporea, ovvero misurare la massa grassa e la massa magra. Lo scopo di ogni dieta, infatti, è conservare (ed eventualmente aumentare) la massa magra riducendo quella grassa. I due percorsi a questo punto divergono.

I test messi in campo da IUNIC Metabolic Body Program

Il percorso nutrizionale classico per perdere peso si conclude con l’elaborazione di una dieta personalizzata con le (poche) evidenze raccolte. Il percorso IUNIC Metabolic Body Program, invece, prosegue con altre analisi, che hanno una valenza decisamente più scientifica. Mi riferisco in particolare a differenti tipi di test, che vi elenco brevemente qui di seguito.

Test nutrigenetico. Si tratta di un’analisi del DNA volta a individuare i processi metabolici e in particolare quelli che fungono da ostacolo per la perdita del peso.

Test biochimico. Questa è un’analisi di tipo ematico (del sangue) che punta a individuare eventuali alterazioni metaboliche in atto. Spesso, infatti, la perdita di peso risulta complicata o troppo lenta a causa di condizioni fisiologiche “reversibili”, che possono essere risolte in modo più o meno agevole, a prescindere dalla loro patogenicità.

Infine, gli esperti, raccolte tutte queste evidenze, svolgono un’attività di tipo interpretativo. Questa sfocia nella redazione di un piano alimentare iper-personalizzato, che a questo punto si rivela più efficace di qualsiasi altra dieta.

La mia esperienza per perdere peso

A giorni ritirerò i risultati di questi test e potrò cominciare a perdere peso, ma posso già dirmi davvero soddisfatta. Ho trovato specialisti in gamba e molto cordiali, che non lesinano informazioni sulle attività diagnostiche a cui sono andata incontro. Nello specifico, sono giunta alla fase precedente all’elaborazione del piano alimentare. Ho sostenuto una visita con una nutrizionista, alla quale ho raccontato la mia storia clinica, ho descritto le mie abitudini alimentari etc. Da questo punto di vista mi è parso di sostenere una “normale” visita nutrizionale, con l’unica differenza che in questo caso sono stato messa davvero a mio agio.

Precedentemente, ho effettuato il test nutrigenico e biochimico. Questi test, ci tengo a precisare, non sono affatto invasivi. Niente più che un classico prelievo di sangue. A breve dovrò ritirare gli esiti e il piano alimentare studiato apposta per me e finalmente potrò iniziare la mia dieta iper-personalizzata. Non vedo l’ora di incontrare il Dr. Biraghi e capire cosa succede al mio metabolismo!

Le aree analizzate da IUNIC Metabolic Body Program

Vorrei descrivere infine le attività di interpretazione dei dati, così come mi sono state riferite dagli specialisti. Ebbene, le analisi per perdere peso puntano a studiare, paziente per paziente, le seguenti caratteristiche:

La sensibilità genetica alla dieta. Quest’area permette di indagare sulle caratteristiche genetiche che regolano il rapporto tra la sintesi delle proteine, dei grassi e degli zuccheri. La capacità metabolica consiste nell’abilità e nella rapidità con cui l’organismo converte i nutrienti in energia e, di conseguenza, in tessuto lipidico.

Il metabolismo dell’insulina È una parte importante dell’analisi, in quanto maggiore è la resistenza all’insulina, maggiore è la difficoltà a smaltire il grasso.

La sensibilità ai grassi. Anche questa è una parte importante dell’analisi, anche perché recenti studi hanno dimostrato che alcuni geni concorrono a definire la tendenza a mettere su massa grassa.

Il metabolismo della leptina. Questa sostanza regola la spesa calorica. Se non viene correttamente processata, la spesa calorica potrebbe risultare troppo bassa e causare un aumento di peso (o una difficoltà maggiore a perderlo).

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza al sorbitolo

Intolleranza al sorbitolo, un problema trascurato

Cos’è l’intolleranza al sorbitolo? Oggi parliamo di intolleranza al sorbitolo (o glucitolo), un disturbo che coinvolge molte persone e che, spesso, è in grado di compromettere il tenore di...

Migliori piatti stranieri

I migliori piatti stranieri più apprezzati al mondo

Perché un focus sui piatti stranieri? I migliori piatti stranieri fanno parte delle abitudini alimentari degli italiani. E’ una verità scontata, ma che dimostra come la cucina italiana non sia...

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

29-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti