Tronchetto con mousse di formaggio e noci : squisito

tronchetto con mousse di formaggio
Commenti: 0 - Stampa

Perché è così buono il tronchetto con mousse di formaggio e noci caramellate?

Il tronchetto con mousse di formaggio e noci è un’idea geniale per una merenda gustosa o per un fine pasto corposo. Spicca per l’impatto visivo, che è straordinario, degno delle migliori pasticcerie. Non dovete pensare, però, a una ricetta molto complessa. Certo, il procedimento è abbastanza lungo, ma vi basterà seguire le indicazioni che vi darò per ottenere un risultato invidiabile.

La componente base del tronchetto con mousse di formaggio e noci è il “biscuit”, una preparazione cerealicola croccante e rigida che ricorda appunto la consistenza del biscotto. In questo caso, però, viene realizzata con il mais bianco e il fonio, due ingredienti che spiccano per capacità nutrizionali e per il gusto. ll fonio, poi, è addirittura considerato un super-alimento, in quanto è un formidabile concentrato di proteine, carboidrati, vitamine e sali minerali. Entrambi si caratterizzano per l’assenza di glutine, e proprio in virtù di questa caratteristica possono essere consumati anche dagli intolleranti a questa sostanza e dai celiaci.

Per quanto riguarda la realizzazione della base biscuit, essa non presenta grandi difficoltà, per quanto il procedimento non sia proprio breve. A tal proposito vi rimando all’articolo su Nonnapaperina.it, dove vi spiego passo passo come realizzarla. Per quanto riguarda la mousse, invece, essa va posta sia all’interno che all’esterno come decorazione, non richiede particolari abilità ed è molto semplice da realizzare.

Il segreto del tronchetto con mousse di formaggio e noci caramellate

La particolarità del tronchetto con mousse di formaggio, però, non risiede nel biscuit al fonio e nemmeno nel mais bianco, bensì nel formaggio cremoso. Non si tratta di un normale formaggio cremoso, bensì del formaggio fresco  cremoso senza lattosio di Exquisa. La sua caratteristica principale è, appunto, la totale assenza di lattosio, che rende il prodotto compatibile con le necessità degli intolleranti a questa sostanza.

tronchetto con mousse di formaggio

Non dovete pensare al processo di rimozione del lattosio come a un qualcosa di chimico o artificioso. Molto banalmente, si applica alla materia prima l’enzima lattasi, presente normalmente nell’intestino umano ma assente in quello degli intolleranti al lattosio. In questo modo, il lattosio viene scisso in galattosio e glucosio, sostanze assorbibili da chiunque, anche da chi soffre di intolleranze alimentari.

Questo processo, che è di per sé banale, non compromette né modifica in alcun modo la resa organolettica del latte. Dunque, il formaggio cremoso senza lattosio Exquisa eccelle anche in quanto a gusto. Inoltre, spicca anche per un apporto calorico piuttosto contenuto, inferiore a quello della maggior parte dei formaggi cremosi in circolazione. In questa ricetta specifica, il formaggio cremoso viene montato insieme alla panna per formare una squisita mousse.

Gli insospettabili pregi delle noci, ricche di acidi grassi omega tre

Una vera chicca di questo tronchetto con mousse di formaggio sono le noci. Sono alimenti tipici della tradizione, dati quasi per scontate, ma che invece rivelano qualità organolettiche stupefacenti. In primis perché sono straordinariamente ricchi di acidi grassi omega tre, sostanze che impattano in maniera benefica e a più livelli sull’organismo. Tra l’altro, contribuiscono a rallentare il processo di invecchiamento, aiutano a prevenire le malattie cardiache e sostengono le capacità cognitive.

Le noci sono molto grasse, è vero, ma contengono quasi esclusivamente grassi buoni, a tal punto che contribuiscono ad abbassare il livelli di colesterolo. Sono inoltre ricche di sali minerali, come il potassio (presente in quantità straordinarie) e il calcio. Anche l’apporto in termini di vitamine è eccezionale, soprattutto in riferimento alla vitamina E. In questa ricetta le noci vengono caramellate e poste sulla superficie del tronchetto per decorare.

Ecco la ricetta del tronchetto con mousse di formaggio e noci caramellate:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • base di biscuit bianco fonio e mais bianco;
  • 200 gr. di formaggio Exquisa fresco cremoso Senza Lattosio;
  • 200 gr. di panna consentita;
  • 100 gr. di noci sgusciate;
  • 50 gr. di zucchero di canna.

Ingredienti per la pasta biscotto:

  • 200 gr. di albume;
  • 200 gr. di zucchero semolato;
  • 160 gr. di tuorlo;
  • 80 gr. di farina di fonio;
  • 80 gr. di farina di mais bianco;
  • 2 gr. di farina di guar.

Preparazione:

Per la preparazione del tronchetto con mousse di formaggio preparate la pasta  biscotto. Versate gli albumi in una ciotola capiente e montateli fino a ottenere un composto spumoso. Inserite anche lo zucchero semolato, ricominciate a montare fino a ricavare una meringa solida. Aggiungete poco alla volta i tuorli e le farine precedentemente miscelate con la farina di guar. Applicate una carta forno su una teglia, poi stendeteci sopra il composto fino a raggiungere uno spessore di 1,5 cm. Cuocete infine a 200-220 gradi per qualche minuto in modo che conservi elasticità e flessibilità.

Una volta pronta, sformate la base biscuit e senza farla raffreddare, arrotolatela. Fatela raffreddare in modo che rimanga impressa la forma e che possa essere arrotolata con facilità anche in un momento successivo.

Montate il formaggio spalmabile e la panna aiutandovi con una frusta fino ad avere un mousse omogenea. Ora srotolate la torta, spalmate uno strato di mousse e arrotolate di nuovo in maniera da formare un cilindro molto compatto. Avvolgete il cilindro (ossia il tronchetto) nello strofinaccio e fate riposare in frigo. Intanto caramellate lo zucchero di canna e unite le noci, poi fate raffreddare e realizzate un trito. Con la mousse che vi è rimasta stendete uno strato sul tronchetto (non troppo spesso) e decorate abbondantemente la superficie con le noci caramellate.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti