Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone al top

Spaghetti con bottarga di pesce
Commenti: 0 - Stampa

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice

Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più eleganti. La tradizione suggerisce la preparazione di pietanze a base di pesce in occasione di questa fondamentale ricorrenza. Dunque, perché non onorarla in pieno optando per un primo pregiato? Gli spaghetti con bottarga di pesce spada possono assolvere esattamente a questo scopo. Il riferimento è ovviamente alla bottarga di pesce spada di Eccellenza Ellenica, un alimento poco diffuso, per quanto non difficilissimo da reperire. Si tratta di una preparazione a base di uova di pesce spada essiccate. Il sapore è diverso, ma gli usi in cucina sono paragonabili a quelli della più famosa bottarga di muggine o di tonno. Dunque, può essere grattugiata piuttosto che brevemente rosolata e trasformata in crema da versare in fase di mantecazione.

La bottarga di pesce spada, oltre a essere semplicemente squisita, è anche un alimento prezioso dal punto di vista nutrizionale. Certo, è abbastanza grassa ma i lipidi che la compongono sono “buoni”, in quanto impattano positivamente sulla salute dell’organismo. Tra questi spiccano gli acidi grassi omega tre, che agiscono a protezione dell’apparato cardiovascolare, di quello visivo e cognitivo. Per il resto, si segnalano elevate concentrazioni di proteine, sali minerali e vitamine. Nel caso di questa ricetta, la bottarga viene brevemente rosolata con gli altri ingredienti, in modo da creare un condimento ben amalgamato.

Tutto l’aroma dell’aglio nero negli spaghetti con bottarga di pesce spada

La bottarga di pesce spada, utilizzata nei nostri spaghetti, si presta ai sapori forti, dunque non stupisce la presenza dell’aglio. Tuttavia, l’aglio presenta alcuni effetti collaterali. Come tutti sanno ha un sapore molto forte e non gradevole una volta consumato. In occasione di questa ricetta, ho deciso di tagliare la testa al toro e proporre l’impiego di una varietà di aglio non molto diffusa ma comunque utile allo scopo, ossia l’aglio nero. La caratteristica principale di questa varietà consiste nel suo profumo e nella totale assenza di effetti collaterali per l’alito. Ma i pregi dell’aglio nero non finiscono qui. Per quanto presenti una concentrazione minore di antiossidanti rispetto all’aglio bianco, è molto più ricco di allicina, una sostanza che reca molti benefici all’organismo.

Spaghetti con bottarga di pesce

Inoltre, si caratterizza per un contenuto quasi doppio di sali minerali rispetto alla già citata variante chiara. Per il resto, l’aglio nero si comporta esattamente come quello bianco, soprattutto in fase di frittura. Infatti, reagisce nel medesimo modo alle elevate temperature, per quanto sia leggermente più complicato capire quando è “imbiondito” e dunque quando toglierlo dal fuoco. Va detto, però, che proprio la presenza di un aroma molto più delicato e privo di effetti collaterali, consente di sfruttarne le potenzialità senza doverlo necessariamente rimuovere dalla padella. Questa possibilità, ovviamente, conferisce gusto alle preparazioni e certamente pone in essere un problema in meno.

Quali spaghetti utilizzare per la nostra ricetta?

La ricetta degli spaghetti con bottarga di pesce spada non cita la varietà o la tipologia di spaghetti da utilizzare. Ciò significa che, in fin dei conti, avete ampio margine di discrezione a riguardo. In definitiva, potete scegliere voi stessi quali spaghetti utilizzare per questo interessante primo piatto. Il mio consiglio è di optare per gli spaghetti grossi, che sono i più indicati quando il condimento non è liquido ma è composto da ingredienti che mantengono una certa consistenza (come accade in questo caso).

Ovviamente, fate attenzione anche alla composizione nutrizionale degli spaghetti stessi. Se soffrite di intolleranza al glutine o di celiachia, è bene optare per varianti gluten-free. La scelta, come sicuramente già sapete, è molto varia. Sono tante le farine alternative che si prestano alla produzione degli spaghetti. Se cercate un sapore più neutro e delicato, potreste optare per la farina di riso. Se invece desiderate un sapore più corposo, avete a disposizione la farina di fonio, di grano saraceno e molte altre ancora. Insomma, ce n’è per tutti i gusti e per tutte le esigenze.

Ecco la ricetta degli spaghetti con bottarga di pesce spada:

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr. di spaghetti consentiti,
  • 250 gr. di pesce spada fresco,
  • 50 gr. bottarga di pesce spada Eccellenza Ellenica,
  • 1 spicchio di aglio nero,
  • q. b. di peperoncino (facoltativo),
  • q. b. di finocchietto selvatico,
  • 1 bicchiere di vino bianco,
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione degli spaghetti con bottarga di pesce spada iniziate spellando il pesce spada e tagliandolo a cubetti. Poi fate rosolare l’aglio in un po’ di olio extravergine di oliva ed aggiungete il pesce spada, il peperoncino fatto a rondelle (se lo gradite) e la bottarga. Infine versate il vino bianco e sfumate leggermente.

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua poco salata, scolateli quando sono ancora al dente e saltateli nella padella insieme al condimento. Impiattate guarnendo con il finocchietto selvatico e un po’ di olio extravergine di oliva. Buon appetito!

5/5 (411 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...

Albero di pandoro farcito

Albero di pandoro farcito con mascarpone e brandy

Albero di pandoro farcito, rivisitazione a modo nostro di un grande classico Le ricette come questo albero di pandoro farcito con crema di mascarpone e brandy sono così buone, semplici e golose che...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti