Il coniglio farcito con le verdure: una vera prelibatezza!

coniglio farcito con le verdure
Commenti: 0 - Stampa

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è rivelato utile il termocircolatore, che ha garantito una perfetta. Nonostante le otto ore di cottura la temperatura è rimasta perfettamente costante, il coniglio farcito alle verdure si è rivelato così una vera prelibatezza!

La carne di coniglio è una sana quanto nutriente alternativa alle carni suine e bovine, vediamo brevemente perché. Le calorie contenute in una porzione di carne di coniglio (ad esempio arrostita) sono molto meno rispetto alla stessa porzione di carne di manzo o di maiale. Anche i grassi saturi e il colesterolo sono inferiori. Possiamo quindi dire che la carne di coniglio è più magra della carne di manzo e di suino.

Passiamo alle proteine, importanti, lo ricordo, per assicurare all’organismo la giusta quantità di energia, per il buon funzionamento dei muscoli e per il corretto andamento del sistema immunitario. Ecco, con una porzione di coniglio ci assicuriamo la giusta dose di proteine per fare tutto questo.

Non dimentichiamo che un profilo nutrizionale non è completo se mancano vitamine e Sali minerali. Anche in questo caso la carne di coniglio non delude. Troviamo l’importantissima vitamina B12 che è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale e del metabolismo, nonché nella formazione dei globuli rossi. Nel coniglio c’è anche la vitamina B3, nota come niacina che, tra le altre funzioni, aiuta a convertire i carboidrati in energia. Tra i Sali minerali spiccano il selenio e il fosforo.

Quali strumenti ho utilizzato per il coniglio farcito con le verdure?.

Ma entriamo nel dettaglio e vediamo cos’è un termocircolatore e quali funzioni ha. Un termocircolatore è uno strumento di cottura efficace, che consente di cuocere gli alimenti in modo sano, preservando tutti i valori nutrizionali. Non è un dettaglio da poco: forse non ne siete a conoscenza, ma i metodi di cottura tradizionali (bollitura, forno, rosolatura etc.) causano sempre una perdita dei nutrienti e, in alcuni casi, la contaminazione del cibo. Il termocircolatore, invece, consente la cottura  sottovuoto in acqua a temperatura costante. Ovviamente, occorre uno strumento che garantisca da un lato il monitoraggio della temperatura dell’acqua e dall’altro il mantenimento della temperatura stessa. Ebbene, il termocircolatore di Laica consente di raggiungere entrambi gli obiettivi.

E’ uno strumento straordinario di assoluta precisione e versatilità. E’ sufficiente dare un’occhiata alle specifiche tecniche per rendersene conto. Per esempio copre un range di temperatura enorme, compreso tra 25 e 95 gradi. Analogamente, può essere programmato per funzionare fino a 99 ore. E’ inoltre comodo da usare, dal momento che si attiva con un semplice tocco ed è dotato di un morsetto per l’aggancio alla pentola. Per gli altri prodotti Laica dedicati alla cottura sottovuoto vi rimando al sito ufficiale dell’azienda.

termocircolatore

Alcuni utili attrezzi che non devono mancare in cucina

Il termocircolatore, però, non è l’unico prodotto che non deve mancare in cucina. Per preparare il coniglio mi sono servita anche di una bilancia di precisione dalla portata fino a 10 kg. La bilancia è dotata di una funzionalità molto particolare: il calcolo del volume di acqua in millimetri. Esatto, se pesate un qualsiasi recipiente con dell’acqua al suo interno (anche le pentole, non fa differenza) restituisce il volume!

Anche la caraffa filtrante ha avuto un ruolo importante, infatti se volete cucinare in modo assolutamente sano non potete prescindere dalla scelta dell’acqua. La caraffa filtrante Tosca permette di avere un’acqua ottima anche per cucinare.

L’importanza di una macchina sottovuoto per la cottura

Per la cottura sottovuoto, come per il nostro coniglio farcito con le verdure, è necessaria una macchina professionale adeguata, come la macchina sottovuoto di Laica. Si tratta di un accessorio efficiente e rapido, che certamente agevola le operazioni di preparazione della cottura. Il suo pregio principale consiste nella versatilità: è in grado di creare non solo sacchetti sottovuoto, ma anche barattoli (utili per una successiva conservazione dei cibi). Questa macchina sottovuoto è facile da utilizzare: basta inserire l’apposito tubicino nell’apposito vano, premere il tasto “seal” e attendere che il display restituisca lo “zero”. Questo accessorio è dotato anche di una funzione aggiuntiva per la marinatura rapida!

Una menzione a parte meritano anche i sacchetti ed i rotoli Thermoresistant che abbiamo usato nella nostra ricetta. Proprio come suggerisce il nome, il pregio di questi sacchetti consiste nella capacità di resistere alle temperature più estreme: possono essere riposti comodamente in freezer così come utilizzati per le cotture sottovuoto più spinte, con temperature fino a 120 gradi! Ora non indugiamo oltre e vediamo insieme la ricetta.

Ecco la ricetta del coniglio farcito con le verdure

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 coniglio disossato
  • 200 gr. di salsiccia
  • 200 gr. di carne di vitello macinata
  • 100 gr. di carote
  • 100 gr. di fagiolini
  • 1 mazzetto di maggiorana
  • 50 gr. di pistacchi sgusciati
  • 170 gr. di prosciutto crudo
  • 1 rametto di rosmarino
  • 500 gr. di zucca
  • mix di spezie (cannella, chiodi di garofano, pimento)
  • q.b. di brodo vegetale
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. di sale

Preparazione:

Dopo averli puliti, tagliate i fagiolini a pezzi piccoli. Sbucciate le carote, riducetele in piccoli cubetti e scottatele in padella per 5 minuti con i fagiolini aggiungendo olio e sale. In una terrina mescolate la carne di vitello macinata, le verdure, la maggiorana tritata, i pistacchi e la salsiccia (a cui va rimossa la pelle), infine aggiustate di sale.

Procedete con la farcitura del coniglio con il mix di vitello e verdure, arrotolatelo con il prosciutto e applicate lo spago alimentare per legare il tutto correttamente. Inserite il coniglio farcito in un sacchetto da cottura insieme al rosmarino, condizionate sottovuoto e cuocete nel bagno termostatato per 8 ore a 66 gradi.

Prendete ora la zucca, riducetela in piccoli cubetti, addizionate con il mix di verdure e aggiungete il sale, poi inseritela in un sacchetto da cottura, condizionate sottovuoto e cuocete nel bagno termostatato a 82 gradi per un’ora. Infine frullatela con il brodo fino a produrre una purea. Rimuovete il coniglio farcito dal sottovuoto e tagliatelo a fette. Poi servitelo insieme alla purea di zucca.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

Pancia di maiale in agrodolce

Pancia di maiale in agrodolce con scampi ai...

Tutta la bontà della pancia di maiale in agrodolce con scampi ai pistacchi Siete alla ricerca di un secondo piatto adatto agli intolleranti e perfetto per offrire agli ospiti qualcosa di unico? In...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti