Antizanzare nichel tested : attenzione per la pelle

antizanzare
Commenti: 0 - Stampa

Con la stagione estiva scegliamo gli antizanzare nichel tested!

Con l’estate alle porte cominciano a sentirsi nell’aria fastidiosi ronzii: tornano le zanzare, incubo di tutti coloro per i quali anche una sola puntura si trasforma in prurito, bruciore ed irritazioni cutanee molto fastidiose. Per chi poi come me è anche allergico al nichel, la bella stagione diventa un periodo tutt’altro che facile!!! Bisogna cominciare a fare i conti con repellenti aggressivi che non fanno altro che peggiorare la situazione e determinare tutta la serie di sintomi tipici dell’allergia, tanto da far “preferire” gli insetti ai rimedi usati contro gli stessi.

Le pelli sensibili sono quelle che maggiormente risentono delle alte temperature in quanto la facilità di sudorazione contribuisce ad irritare la cute, arrivando addirittura a provocarne la desquamazione nelle manifestazioni più gravi. Ecco perché “prendere le misure” con le varie soluzioni antizanzare diventa un obbligo per tutelare la propria salute ed evitare che i sintomi diventino dolorosi.

antizanzare

Repellenti e antizanzare “Nichel Tested”: una scelta accurata

La scelta dovrebbe ricadere sempre su prodotti specifici e certificati che siano stati testati e che, quindi, non contengano nichel. Spray, creme e salviette sono facilmente reperibili sia nei supermercati sia nelle farmacie ma la scelta del prodotto può non essere così facile come sembra.

Per prima cosa, sarà indispensabile chiedere consiglio al proprio medico e farsi indicare quale tipologia di repellenti può essere più adatta, in base alla gravità dell’allergia. Sarà opportuno anche optare per prodotti dedicati a tutta la famiglia, possibilmente naturali e che quindi, oltre al nichel non contengano neanche sostanze chimiche, siliconi e parabeni.

Lasciare da parte lo scetticismo nei confronti dei prodotti naturali sarà il primo passo per selezionare un repellente adatto alle pelli sensibili e ricordate che dovrà essere riportata sulla confezione la dicitura “nichel tested” , tenendo conto che – seppur non completamente privi del metallo pesante – essi ne contengano una minima quantità che è innocua anche per coloro che soffrono di questa allergia.

Comodi e a portata di braccio….

Le soluzioni più economiche e meno aggressive sono rappresentate dai braccialetti alla citronella e da una serie di olii essenziali che spruzzati nell’aria hanno il potere di allontanare gli insetti. Se ciò non dovesse bastare si potrà tentare con le salviette repellenti (sempre alla citronella o al basilico) da passare su tutto il corpo per creare una barriera invisibile e non appetibile per le zanzare.

Generalmente, hanno anche un odore abbastanza gradevole e sono rinfrescanti, quindi limitano la sudorazione. Particolarmente efficaci sono anche gli spray “nichel tested” privi di alcool e quindi adatti soprattutto alle pelli sensibili. Basterà spruzzarne sul corpo una quantità uniforme sia durante il giorno sia prima di andare a dormire per stare tranquilli e non essere punti. Altre soluzioni sono rappresentate da creme e lozioni antizanzare che, sempre prive di nichel, svolgono anche un’azione idratante e protettiva, donando alla pelle morbidezza ma, di contro, determinano una maggiore sudorazione. Il prodotto va applicato su tutto il corpo e con massaggi effettuati in senso rotatorio, spalmato in modo uniforme.

Soluzioni antizanzare per bambini: proteggiamo anche loro

È importante una precisazione: qualora si tratti di bambini allergici ai metalli pesanti, sarà bene optare per prodotti loro dedicati, in quanto risultano molto più delicati rispetto ad altri. Preferite quindi la versione junior che io ho personalmente testato e devo dire che il risultato è stato addirittura superiore alle aspettative.

Con un po’ di attenzione, anche chi è allergico al nichel potrà vivere la sua estate con tranquillità e tenere lontani gli insetti. Così come ho già sottolineato, vi consiglio di optare per prodotti buoni che, anche se costano un po’ di più rispetto a quelli prettamente commerciali, sono sicuri per la pelle ed evitano di esporla ai rischi dell’allergia.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...

come proteggere la pelle

Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle

Intolleranze e allergie: un rischio per la pelle Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle. Se soffri di intolleranze e allergie, avrai sicuramente già sperimentato gli effetti che...

bigiotteria

Allergia al nichel, attenzione ai gioielli e bigiotteria

Quando gioielli e bigiotteria possono causare allergie al nichel L’allergia al nichel può svilupparsi in seguito al contatto prolungato con oggetti contenenti nichel, come anche  gioielli e...

allergia a chiavi e monete

Allergia a chiavi e monete : il responsabile...

Allergia a chiavi e monete : perché succede?. Allergia a chiavi e monete : il responsabile è il nichel. Ultimamente si riscontra sempre di più l'insorgenza di allergia al nichel, dovuta in...

calze anallergiche

No al silicone e nylon: indossiamo calze anallergiche

Come evitare la dermatite allergica da nylon e silicone? No al silicone e nylon: indossiamo calze anallergiche. Hai comprato delle calze bellissime che non vedevi l’ora di indossare sotto quella...

Sensibilita al nichel da cibo

Sensibilità al nichel da cibo: insidiosa, come riconoscerla

Cos’è la sensibilità al nichel da cibo La sensibilità al nichel da cibo è una condizione molto diffusa e potenzialmente invalidante. Con sensibilità, in questo caso, si intende lo spettro di...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-08-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti