Smalti e vernici, per gli allergici al nichel, grandi nemici !

Smalti e vernici

Smalti e vernici al alto contenuto di nichel

Smalti e vernici sono due tra la vastissima gamma di manufatti a cui gli allergici al nichel devono stare alla larga. Sembra semplice? Nient’affatto, purtroppo. Se per molti cibi o oggetti si può fare a meno o si possono sostituire con altri utensili di altri materiali o studiati appositamente per essere nichel free, per gli smalti e vernici con cui vengono trattati una infinità di superfici e oggetti non è proprio così facile.

Eliminare il nichel di per sé è già molto difficile in quanto si trova praticamente ovunque, anche nell’acqua, e farlo per le superfici la maggior parte trattate con smalti e vernici tradizionali è praticamente impossibile.  Oggi purtroppo il nichel, metallo pesante tra i più conosciuti, si è dimostrato essere fortemente allergizzante, anche in piccole dosi, tanto che in grandi quantità può essere anche tossico e cancerogeno.

La nostra è un’esposizione costante al nichel, che non solo si trova in tantissimi cibi ma anche in oggetti di uso quotidiano con i quali veniamo continuamente in contatto, come le chiavi, le maniglie, la rubinetteria, e tantissimi altri oggetti in metallo. Ma anche pentole e tegami che sono composte da leghe di nichel o anche nei piatti dipinti con smalti e vernici contenenti questo metallo.

Smalti e vernici nichel free, si deve fare ancora molto

Come per altri ambiti si potrebbe subito pensare di ovviare a smalti e vernici classici, contenenti nichel in abbondanza, con i più moderni ed innovativi prodotti che circolano sul mercato che stanno mettendo al bando il nichel.

In questo caso non è poi così facile come per altri ambiti, come sta accadendo per esempio per la rubinetteria. Oggi cominciano a comparire alcune soluzioni per smalti e vernici che si propongono come nichel free ma ancora sono veramente poche tanto da essere una vera nicchia di prodotti difficile da recuperare.

Smalti e vernici

E allora cosa fare contro il nichel? In primis bisognerebbe controllare piatti e utensili da cucina, eliminando i vecchi per scegliere una linea senza nichel o per essere ancora più sicuri optare per un set in vetro che dia la certezza che non comprenda nessuna forma di nichel.

In questo modo chi è allergico riesce ad eliminare una quantità notevole di problematiche, e associando anche una buona alimentazione e un set di moderne pentole nichel free tutto l’ambiente cucina è certamente più sicuro.

Smalti e vernici sulle superfici, un vero tabù

Ben diverso, invece, è il discorso delle superfici. Smalti e vernici sono praticamente ovunque. Molti degli oggetti prodotti in falegnameria sono trattati con smalti e vernici, dai tavoli alle sedie, dai mobili in legno fino ai serramenti di un tempo che sono ancora nelle nostre case, tutti rigorosamente in legno. E poi ci sono le pareti, quelle che oggi ci piace tinteggiare in modo decorato e innovativo. Anche in questo caso si tratta di smalti e colori specifici che contengono nichel.

Si capisce bene come cercare di “evitare” tutto questo non è realisticamente possibile al momento. Le aziende e le grandi industrie, infatti, dovrebbero cominciare a guardare a soluzioni innovative, puntare al futuro e scommettere su prodotti nichel free che renderebbero la vita degli allergici, e non, più facile.

Le allergie infatti si manifestano non in modo prestabilito e possono comparire in qualsiasi momento, anche in età adulta. Essere cauti e previdenti contro il nichel è quindi una di quelle buone pratiche che tutti dovremmo adottare.

Print Friendly, PDF & Email

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.


14-09-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti