Diagnosi di intolleranza alimentare non è una condanna

curare le intolleranze mangiando
Commenti: 0 - Stampa

Diagnosi di intolleranza alimentare non è una condanna ma opportunità. Vorrei rassicurare tutti coloro a cui quotidianamente vengono diagnosticati problemi di intolleranze alimentari che questo fatto, ahimè, oggi molto comune non deve essere vissuto come una condanna a vita verso un triste percorso di privazione, ma rappresenta una preziosa opportunità.

Vedo già il sorrisino di qualcuno che dice ecco questa, l’inguaribile ottimista.. ma cosa ci racconta.

No davvero il rendersi conto che qualche alimento di uso comune spesso latte o farine intossica il nostro organismo può rappresentare un importante momento di riflessione sulle nostre abitudini alimentari. Una corretta analisi del nostro stile di vita ci può portare ad una maggiore consapevolezza del nostro corpo e delle nostre necessità.

Oggi i ritmi frenetici della vita quotidiana ci portano ad ingerire cibo spesso privo dei principali fattori nutrizionali, vitamine, sali minerali, fibra , ma ricco di grassi saturi e zuccheri durante il giorno la dieta tipo dell’uomo moderno è un caffè al mattino un panino o qualcosa di simile arraffato nel bar sotto l’ufficio e a cena ….con una fame atavica si può ingurgitare qualsiasi cosa ci venga proposta.

La diagnosi di intolleranza non è condanna

Il nostro organismo manda grida di allarme il livello di infiammazione aumenta ed ecco che dopo la manifestazioni dei sintomi più svariati; stanchezza cronica, cefalea, dermatite, infiammazione gastrointestinale ecc.si arriva alla diagnosi di intolleranza alimentare.

Test genetico per l’intolleranza al lattosio

Intolleranza alimentare: impara a mangiare in maniera differente

Dopo l’esecuzione degli opportuni test il nutrizionista consiglierà un adeguato percorso alimentare magari accompagnato da un’ adeguato ricondizionamento della flora intestinale .

Questo si può vedere con positività, per un periodo dovremo astenerci da certi cibi ,ma questa sarà una opportunità per riconsiderare le nostre abitudini alimentari valutare se abbiamo il giusto apporto di principi nutrizionali, acqua ,fibra, carboidrati, proteine, grassi, ma anche vitamine e minerali se la nostra flora intestinale ha un corretto funzionamento se il nostro asse intestino cervello chiamato (gut brain axis) è in equilibrio se il cibo è per noi una naturale fonte di benessere psichico oltre che fisico.

La necessità di rivedere il nostro comportamento alimentare può   favorire   l’introduzione di nuovi alimenti che magari non avevamo conosciuto ad esempio the verde, curcuma ma anche la riscoperta di cibi locali oggi trascurati, cavoli, legumi.

Questa nuova attenzione verso l’alimentazione può essere positiva verso tutta la famiglia che sarà ad esempio motivata a condividere una bella colazione ricca di tisane, centrifugati di frutta yogurt, o prodotti da forno con le farine consentite che permetta una partenza piena di energia a tutta la famiglia.

Saremo spinti a controllare meglio le etichette e a valutare con più attenzione cosa mettiamo nel carrello della spesa in generale mangeremo con più consapevolezza e forse potremmo riscoprire il piacere di cose semplici,ma importanti per il nostro benessere come fare la spesa o cucinare qualcosa per noi e per i nostri cari.

Buon appetito quindi a tutti ma ricordatevi di mangiare consapevolmente

Articolo scritto dalla Drssa Olivotti

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Rotolo di focaccia con salame

Gli insaccati e i salumi sono sempre gluten-free?

Alimenti gluten-free, una questione delicata Tra gli insaccati, i salami sono davvero privi di glutine? Il dubbio emerge sempre quando si scopre di essere celiaci. D’altronde la paura più grande...

utensili da cucina

Utensili da cucina: attenzione alla contaminazione

Organizzarsi con gli utensili da cucina per evitare la contaminazione dei cibi? Come evitare la contaminazione degli utensili da cucina? Come organizzarsi al meglio per evitare che il glutine possa...

News su Celiachia e intolleranza al glutine

News su Celiachia e intolleranza al glutine

Un'intolleranza sempre più diffusa tra adulti e bambini. News su Celiachia e intolleranza al glutine. La celiachia rappresenta un’intolleranza sempre più diffusa, motivo questo per essere al...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti