bg header
logo_print

Budino alle pesche , un dolce per le giornate calde

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Budino alle pesche
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 5 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Gusto e leggerezza in un solo dessert

Con l’arrivo della bella stagione e delle giornate calde, diventa fondamentale ricorrere a cibi che possano offrire un sollievo significativo. In questo contesto, il budino alle pesche emerge come una scelta ideale. Non solo rappresenta un dessert delizioso e rinfrescante, ma incorpora anche l’essenza della stagione estiva nel suo sapore e nella sua leggerezza. Preparare un budino alle pesche significa abbinare il piacere di un dolce raffinato con la freschezza e la naturalezza di un frutto estivo per eccellenza.

Ricetta Budino alle pesche

Preparazione Budino alle pesche

Lavate e sbucciate le pesche. Una pesca tagliatela a fettina e 5 tagliatele a spicchi, privatele del nocciolo e suddividetele in cubetti. Versate le pesche nel frullatore senza aggiungere liquidi. Azionate e frullate qualche minuto.  Aggiungete il latte e frullate. Dolcificate, aggiungete l’amido di riso per addensare e l’agar agar per gelificare. Azionate nuovamente fino ad ottenere un composto molto liscio ed omogeneo e senza grumi. Incidete la bacca di vaniglia per il lungo con un coltellino e prelevatene i semi oppure aggiungete la fiala di aroma di vaniglia

Per gelificare 1/2 litro di liquido solitamente basta 1 cucchiaino di agar agar.  Versate il composto in un pentolino e fate bollire a 80 gradi per circa 3 minuti. mescolando energicamente con la frusta per evitare la formazione di grumi.

Con l’agar agar deve solo addensare perchè solidifica mentre raffredda.

Suddividete tutto negli stampini monodose e lasciare riposare prima a temperatura ambiente un paio d’ore e poi in frigorifero per altre due ore.

Per togliere il budino dagli stampini vi basta immergere per pochi istanti il contenitore in acqua bollente e rovesciarlo immediatamente su un piatto da portata sul quale avrete messo a raggiera le fettine di pesca e decorate con una foglioline di menta

Ingredienti Budino alle pesche

  • 5+1 pesche
  • 150 ml latte di mandorla  oppure di latte di soia
  • 2 cucchiai di stevia  (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di amido di riso
  • 1 cucchiaino di agar agar
  • 1/2 bacca di vaniglia oppure 1 fiala piccola di aroma di vaniglia

Le Proprietà Benefiche delle Pesche

Le pesche sono frutti che vengono esaltati non solo per il loro gusto squisito ma anche per le loro notevoli proprietà benefiche. La medicina tradizionale, in particolare quella cinese, ha da tempo riconosciuto le qualità curative di questo frutto. Simbolo dell’estate, le pesche evocano immagini di gioia e spensieratezza, ricordando i momenti trascorsi all’aria aperta, immersi nella natura.

La pesca è un frutto che si distingue per il suo alto contenuto di fibre. Questo aspetto la rende particolarmente adatta a chi desidera tenere sotto controllo il proprio peso corporeo e migliorare la regolarità dell’attività intestinale. Inoltre, le pesche sono ricchissime di acqua e hanno un basso apporto calorico. Queste caratteristiche le rendono ideali nelle diete ipocaloriche e per chi cerca alimenti leggeri ma sazianti. Senza grassi e ricche di nutrienti, le pesche sono una scelta eccellente per chi cerca un equilibrio tra benessere e piacere del palato.

Preparare un budino alle pesche non solo soddisfa il desiderio di un dolce estivo rinfrescante e leggero, ma si rivela anche una decisione saggia dal punto di vista nutrizionale. Unendo il piacere del gusto alla leggerezza e ai benefici per la salute, il budino alle pesche rappresenta una soluzione perfetta per chi cerca un dessert che sia allo stesso tempo gustoso e benefico per il corpo.

A tutta stevia per un budino alle pesche salutare!

Tra i crucci di chi cerca un’alternativa utile per dimagrire ci sono i carboidrati, o meglio, l’effetto dato dai carboidrati sugli alimenti e in particolare sui dolci. Come ottenerlo e dimenticarsi del problema dei chili in più oltre che di molti altri effetti dannosi per il nostro corpo (per esempio il picco glicemico)? Scegliendo di integrare la stevia nei dolci che si preparano.

La stevia è un dolcificante naturale ormai diffusissimo e richiesto da chiunque voglia tenere sotto controllo le calorie date dai carboidrati. Quali sono i benefici più importanti che apporta all’organismo? Ricordo prima di tutto il contenuto di flavonoidi, che può rivelarsi decisivo per la bellezza della pelle per via del ruolo che queste sostanze ricoprono nel contrasto all’invecchiamento dei tessuti.

Questa pianta è ottima anche per i diabetici, dal momento che consente di tenere sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue. Concludo ricordando che la sua assunzione – che dovrebbe essere tenuta sotto controllo in caso di ipotensione – si contraddistingue anche per un efficace effetto antiacido.

Non vi è già venuta voglia di correre a comprare una pesca profumata e di preparare questo dessert? Dai che è semplicissimo!

Scegliere le Pesche Giuste per il Budino

Il successo di un buon budino alle pesche dipende molto dalla qualità e dal tipo di pesche utilizzate. Ecco una guida dettagliata su quali pesche scegliere e perché:

  • Pesche Nettarine: Le pesche nettarine sono una scelta eccellente per il budino. La loro polpa è soda e succosa, con un equilibrio perfetto di dolcezza e acidità. Questo tipo di pesca mantiene bene la forma durante la cottura, rendendola ideale per ricette al forno come il budino. Inoltre, la loro pelle liscia non necessita di essere pelata, semplificando la preparazione.
  • Pesche Bianche: Le pesche bianche sono note per il loro sapore dolce e delicatamente profumato. Queste caratteristiche le rendono perfette per un budino che richiede un tocco di dolcezza naturale senza essere sopraffatto dal gusto della frutta. La loro polpa tenera si amalgama bene con gli altri ingredienti, creando una consistenza liscia e gradevole.
  • Pesche Gialle: Le pesche gialle sono la varietà più tradizionale e facilmente reperibile. Hanno un sapore classico che si sposa bene con molteplici ingredienti. La loro polpa è un po’ più acida rispetto alle pesche bianche, il che può aggiungere un piacevole contrasto di sapori nel budino. Anche queste pesche mantengono bene la forma durante la cottura.

Indipendentemente dalla varietà scelta, è fondamentale che le pesche siano mature ma ancora sode. Pesche troppo mature o mollicce possono disfarsi durante la cottura, compromettendo la struttura del budino. Invece, una pesca matura ma soda mantiene la sua forma e rilascia il giusto equilibrio di succhi e sapori.

La scelta delle pesche dipende dal gusto personale e dalla consistenza desiderata per il budino. La varietà e il grado di maturazione delle pesche possono influenzare significativamente il risultato finale del dolce.

Ricette budino ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tiramisù all’anguria

Tiramisù all’anguria, un dolce gustoso perfetto per l’estate

Come si fa il tiramisù all’anguria Nonostante le peculiarità del tiramisù all’anguria la ricetta è molto semplice. Si tratta di comporre gli strati alla maniera tradizione: savoiardi...

Gelato all’anguria

Gelato all’anguria, una fresca idea per l’estate

L’anguria, un frutto controverso L’ingrediente principale di questo delizioso gelato artigianale è l’anguria. L’anguria è un frutto controverso in quanto buono e apprezzato da tutti, ma...

Amaretti morbidi al limone

Amaretti morbidi al limone, una ricetta delicata e...

Amaretti morbidi al limone, una ricetta dolce e aromatica Gli amaretti morbidi al limone spiccano per la dolcezza e l’aroma. Il merito di ciò va anche alle mandorle, che per l’occasione vengono...