Il Mondo Delle Intolleranze ai Tavoli Expo 2015

Cari lettori di Nonna Paperina, annuncio con grande gioia che Il Mondo delle Intolleranze, associazione che ho fortemente voluto per promulgare il problema delle intolleranze alimentari, è stata selezionata per partecipare ai Tavoli Expo 2015, un evento dove verranno esposte le più importanti iniziative riguardo al cibo sostenibile e all’alimentazione.

L’associazione e la sua missione

Quando alcuni anni fa ho scoperto di essere intollerante, ho provato il grande disagio di dover modificare tutte le mie abitudini alimentari approcciando alla cucina in maniera sperimentale. Ho scoperto, inoltre, che il micro-mondo degli intolleranti era in realtà molto più ampio di quanto pensassi e la profonda convinzione che ancora oggi se ne parli troppo poco mi ha convinto a fondare l’associazione.

Grazie anche alla partecipazione di Imbio e Imgep e il loro sostegno medico-scientifico, Il Mondo Delle Intolleranze si occupa di promuovere la corretta informazione alimentare promulgando, mediante ogni mezzo possibile (convegni, workshop, manifestazione e così via), i disagi di cui soffrono le persone intolleranti e i modi per combatterli.

 

Cosa sono i Tavoli Expo e perché sono importanti

Nei tavoli tematici si vaglieranno le idee più interessanti che hanno come comune denominatore la sostenibilità del sistema food e l’alimentazione consapevole. L’iniziativa è stata promossa da Expo Spa e la Camera di Commercio di Milano e ha come scopo ultimo quello di coinvolgere le istituzioni, i media, le aziende e gli investitori su determinati progetti in linea con i valori che l’EXPO 2015 vuole veicolare. Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Maurizio Martina, direttamente coinvolto nello sviluppo del progetto, in un’intervista pubblicata su ExpoNet conferma la presenza di ben 500 esperti in vari settori pronti a costruire, con le proprie proposte, la Carta di Milano denominata dallo stesso Ministro Martina “l’atto di impegno” che l’Italia prenderà col mondo per la sostenibilità del sistema cibo mondiale.

Ciò che rende i tavoli tematici preziosi è che rappresenteranno il punto di partenza del Protocollo di Milano, una sorta di protocollo di Kyoto dell’alimentazione e della sostenibilità che, una volta completamente stilato, verrà consegnato al segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon.

shutterstock_203936068

Il Mondo delle Intolleranze ai Tavoli Expo: le proposte

Il Mondo delle Intolleranze proporrà durante i Tavoli Expo le seguenti attività:

  • iniziative atte a prevenire e contenere il fenomeno, purtroppo in costante aumento, delle intolleranze alimentari;
  • azioni informative sul cibo naturale e la cucina consapevole;
  • organizzazione di eventi, seminari, workshop formativi rivolti ai professionisti;
  • percorsi turistico-gastronomici;
  • sostenere la ricerca scientifica in ambito alimentare.

La potenza mediatica dell’Expo 2015, unita alla possibilità di partecipare attivamente alla costituzione della Carta di Milano, ci dà una grande possibilità: poter portare ad un pubblico molto vasto ed influente l’importanza di combattere le intolleranze alimentari.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *