Tagliatelle con barbabietole e zola dolce

Tempo di preparazione:

Un primo piatto particolare, a base di tagliatelle con barbabietole e zola dolce

Oggi in tavola una versione colorata e insolita delle tagliatelle… quella delle tagliatelle con barbabietole e zola dolce. Ingredienti speciali, non è vero? Sì, infatti lo sono, sia da un punto di vista culinario che nutrizionale. Portano colore in tavola e si rivelano un primo piatto davvero allegro, vivace e originale che mette tutti d’accordo e che conquista ogni palato!

Il questo caso, il colore della pasta all’uovo è dato dall’aggiunta della barbabietola all’acqua di cottura, oltre che alla presenza di questo alimento nel condimento, ma è possibile prepararle persino aggiungendo le barbabietole frullate all’impasto delle tagliatelle. Scopriamo qualcosa in più riguardo a questa pietanza!

L’ingrediente che fa la differenza da ogni punto di vista

Conosciamo tutti la barbabietola, ma non tutti la portano spesso in tavola e ne conoscono le proprietà. Si tratta di una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae e le sue origini risalgono a tempi molto antichi, al punto che durante le ricerche sono state trovate delle relative notizie anche in un papiro appartenente alla civiltà babilonese.

Esistono diverse tipologie di barbabietola e ognuna di esse si rivela un toccasana per la salute, in particolare per la sua composizione: è composta in prevalenza da acqua, proteine, fibre e zuccheri naturali, e regala imperative dosi di zinco, magnesio, ferro, potassio, calcio, selenio, rame, manganese e fosforo, nonché importanti quantità di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C e J. Per tutte queste ragioni, anche il nostro delizioso piatto di tagliatelle con barbabietole e zola dolce è molto nutriente.

Questo ingrediente è stato associato a valide proprietà antitumorali, rinfrescanti, rimineralizzanti, depurative, antiossidanti, disintossicanti, digestive e antinfiammatorie. La barbabietola è ottima per contrastare la depressione, tenere sotto controllo la pressione e per prevenire e alleviare anemia e depressione. È altamente energetica e capace di rinforzare il sistema immunitario e promuovere la salute del sistema cardiocircolatorio.

Il condimento delle tagliatelle con barbabietole e zola dolce

Per condire queste speciali tagliatelle di ceci (proteiche e gluten-free) che cambiano colore grazie alla barbabietola, ho utilizzato il gorgonzola dolce, un formaggio a pasta cruda di colore bianco paglierino, con screziature verdi dovute al processo di erborinatura, cioè alla formazione di muffe. È cremoso e morbido, con un sapore particolare e caratteristico, leggermente piccante che ben si addice ad essere utilizzato come condimento di primi piatti.

Tra gli altri ingredienti delle tagliatelle con barbabietole e zola dolce, troverete anche la rapa rossa e un po’ di panna vegetale (quindi adatta agli intolleranti al lattosio), che doneranno al vostro primo un valore aggiunto sia da un punto di vista nutrizionale, che per quanto riguarda il sapore. Vogliamo portarle in tavola? Detto fatto e buon appetito!

Ingredienti per 4 persone

  • 360 gr. tagliatelle di ceci
  • 400 gr. rapa rossa precotta
  • 250 gr. di gorgonzola dolce
  • qualche cucchiaio di panna vegetale
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione

In una padella antiaderente fate soffriggere le barbabietole  tritate, spruzzate con il vino bianco e fate cuocere per 5 minuti.Tritate velocemente 350 gr. di barbabietole, tenendone da parte qualche fetta intera e un cucchiaio tritato.

Fate fondere a bagnomaria il gorgonzola a pezzi aggiungendo un pochino di panna e un filo d’olio.  Aggiungete le barbabietole tritate e amalgamate

Mettete a bollire un capiente pentola d’acqua con dentro 50 gr. di barbabietola che aiuterà a colorare l’acqua e la pasta. Quando bolle salate e aggiungete le tagliatelle.

Quando sono pronte fate saltare le tagliatelle per un paio di minuti a fuoco vivace. prima di servire.

Impiattate cospargendo con un cucchiaio delle barbabietole tritate tenute da parte e decorate affettando la piccola barbabietola che avete usato per colorare l’acqua.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *