Risotto con broccoli e pancetta , un connubio gustoso

Risotto con broccoli e pancetta
Commenti: 0 - Stampa

Oggi in tavola Risotto con broccoli e pancetta che oltre ad essere un trionfo di gusto e sapore, è un autentico concentrato di salute. I protagonisti di questo piatto sono i broccoli. L’abbinamento più usuale dei broccolo, che ha un sapore delicato è quello con la pasta, anche se quello col riso è un ottimo connubio.

I broccoli sono fiori commestibili della Brassica oleracea, una pianta erbacea, dal tipico aspetto verde, appartenente   alla famiglia delle Crocifere a cui appartengono anche i cavoli e i cavoletti di Bruxelles.

Originari dell’Asia Minore i broccoli furono importati in Italia e presenti sulle tavole, fin dai  tempi dei Romani che li apprezzavano molto. Oggi le maggiori colture di questo ortaggio si trovano  in Grecia e nel Sud Italia.La parola “broccolo” indica il tallo della rapa e di talune qualità di cavoli quando cominciano a fiorire.

broccoli sono tra gli ortaggi più consumati in assoluto, non solo in Italia ma nel mondo. Sono molto versatili dal punto di vista botanico, infatti possono essere coltivati un po’ a tutte le latitudini, per quanto siano originari della fascia mediterranea e più specificatamente del Medio Oriente. All’estero i broccoli sono associati alla cucina italiana, in quanto questo alimento è sempre stato molto popolare nel nostro Paese, e soprattutto, fino a qualche decennio fa, veniva consumato davvero spesso.

Il successo del broccolo è merito sicuramente della facilità di coltivazione, ma anche e soprattutto della sua capacità nutrizionale e di un apporto calorico basso (pari a 40 kcal per 100 gr.); inoltre è un alimento decisamente saziante. Il broccolo contiene alcune vitamine del gruppo B, ma eccelle in particolare nella quantità di sali minerali. Si segnalano, infatti, elevatissime concentrazioni di calcio, ferro, fosforo e potassio. Rilevanti, ma inferiori a quelle degli agrumi, sono le quantità di vitamina C.

Il broccolo è strettamente imparentato con il cavolfiore e con il cavolo, al punto che potrebbe essere considerato una varietà di questi ortaggi. A sua volta il broccolo presenta delle varietà specifiche, che si caratterizzano per il tempo di raccolta, ma soprattutto per la forma, il colore e il gusto. Ecco una breve ed esaustiva panoramica delle differenti varietà di broccolo.

  • Romanesco. Si raccoglie da agosto a novembre. Il colore è leggermente chiaro e il gusto è piuttosto dolce. La consistenza, invece, tende al croccante.
  • Invernale Fiesta. Si raccoglie da dicembre a marzo e si caratterizza per il colore particolarmente scuro e per una compattezza spiccata. E’ tra i broccoli più saporiti in assoluto.
  • Primaverile Belstar. Si raccoglie in genere da maggio a giugno. Si caratterizza per un verde leggermente sbiadito, per una compattezza media e per un sapore corposo.

I  broccoli, sono un ortaggio dal basso valore calorico, ma dai grandi vantaggi nutrizionali infatti sono ricchi di vitamine C e vitamina B1 e B2, B9, di provitamina A, di sali minerali quali il magnesio, il calcio, il ferro, il fosforo, e il potassio.

Risotto con broccoli e pancetta

Contengono una discreta  quantità di fibre, combattono la ritenzione idrica, ed hanno effetti benefici sull’apparato respiratorio, sul sistema immunitario, sull’apparato circolatorio riducendo i rischi di ictus, sull’ intestino, sulla circolazione linfatica, sugli  occhi, riducendo il rischio di cataratta e sulle ossa.

I broccoli hanno un basso contenuto calorico

Contengono, inoltre il  “sulfurano”, una sostanza  che aiuta a combattere le cellule tumorali esercitando una benefica azione protettiva contro vari tipi  di tumori e dalla forte azione anti-ossidante.

In tempi abbastanza recenti è stato provato scientificamente anche il fatto che con le loro benefiche proprietà, se consumati in quantità adeguate, possono alleviare, rallentare e anche prevenire l’artrite e l’artrosi.

L’azione del “sulfurano”, infatti sembra contrasti quello di un  enzima che si pensa possa essere il responsabile del danno alla cartilagine.

Il lato negativo è quello che, purtroppo i broccoli sono ricchi di purine , un gruppo si sostanze organiche, presenti in tutte le cellule viventi,che vengono sintetizzate dal fegato tramite alcuni enzimi.

La carenza di alcuni di questi enzimi, provoca, però  l’iperuricemia e gli attacchi di gotta, quindi chi ne è soggetto deve assolutamente evitarne il consumo.

Ed ecco la ricetta del  Risotto con broccoli e pancetta

Ingredienti per 4 persone

  • 360 gr di riso Carnaroli Riserva San Massimo
  • 500 gr di cime di broccoletti
  • 100 gr di pancetta affumicata a cubetti
  • 60 gr di burro chiarificato
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 litro di brodo vegetale
  • 100 gr di parmigiano reggiano 36 mesi
  • q.b. sale

Preparazione

Pulite e lavate i broccoletti, divideteli in cimette e fateli scottare per 2 minuti in abbondante acqua salata. Scolateli con il mestolo forato e quindi teneteli da parte.

Rosolate la pancetta per qualche minuto senza condimento e quindi aggungiete il riso e tostatelo. Infine aggiungete il brodo e continuate ad aggiungerlo man mano che si asciugherà.

Quando il riso sarà più o meno arrivato a metà del processo di cottura aggiungetevi quindi i broccoletti. Se necessario regolate di sale.

A fine cottura spegnete il fuoco, salate e mantecate con il burro e il parmigiano reggiano  e fate riposare coperto per qualche minuto prima di servire.

4/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-01-2014
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti