Sanificare la cucina, un aspetto poco considerato

Perché è importante sanificare gli ambienti?

Sanificare la cucina, un aspetto poco considerato. Quello della pulizia degli ambienti è un tema cruciale, correlato con quello – enormemente più complesso – della sanificazione. Sanificare o pulire gli ambienti, e farlo bene, è un’esigenza naturale, che coinvolge tutti gli ambiti. Molto spesso, però, questo processo è compromesso da cattive abitudini e da nozioni che provengono da una saggezza popolare che in alcuni casi tanto saggia non è. E’ innegabile che il tema abbia un aspetto tecnico, che rischia di rimanere sconosciuto ai più. Il carattere tecnico, e quindi la necessità di eseguire interventi di pulizia scientificamente efficaci, è preponderante oggi più di ieri, con l’emergenza sanitaria che ha puntato i riflettori su virus e batteri.

Il tema della pulizia degli ambienti, anzi della loro sanificazione, mi ha sempre appassionato, un po’ per deformazione professionale un po’ perché avverto una certa responsabilità, quando c’è da cucinare per gli altri o, come spesso mi accade, ospitare persone per insegnare loro a cucinare. Anche perché, se è vero che oggi il pensiero corre a un virus in particolare, la verità è che l’ambiente intorno a noi è da sempre popolato di batteri e virus. Non è il caso di entrare nel panico, nella maggior parte dei casi questi nemici invisibili non sono poi così dannosi, non sono patogeni e non sono in grado di fare male all’uomo.

Una piccola parte, però, crea danni e può dare origini a malattie. Questo è vero soprattutto quando non si parla di ambienti dove semplicemente si soggiorna (per un periodo più o meno lungo) ma di ambienti dove si manipolano i cibi. Il rischio è che a una contaminazione degli ambienti segua una contaminazione dei cibi. Questo articolo nasce proprio per ridurre al minimo questo rischio. Quest’oggi parlo del modo più corretto di pulire, anzi sanificare gli ambienti, cucina in primis.

sanificazione cucina

Alcuni consigli utili per sanificare la cucina

Ma che vuol dire nello specifico sanificare o effettuare una disinfezione? Nell’immaginario collettivo è sinonimo di pulire. In realtà sono due attività diverse, anzi il termine pulizia è piuttosto generico o potrebbe stare a indicare solo una superficiale rimozione dello sporco, o dello sporco visibile. Sanificare vuol dire concentrarsi non solo su quello che è visibile ma anche sull’invisibile: germi, batteri e virus. La sanificazione di un ambiente è quell’attività che consente l’eliminazione della stragrande maggioranza di questi agenti patogeni. La differenza tra pulizia e sanificazione è simile alla differenza tra lavarsi le mani e igienizzarle. Differenza che, tra l’altro, tutti abbiamo imparato a conoscere bene in questo 2020. Un cosa è lavare le mani come si è sempre fatto, ben altra cosa è perdere svariati minuti per eliminare batteri e virus.

Tuttavia, quando si parla di ambienti la situazione è più complessa, e lo è per un motivo particolare: le superfici sono spesso irregolari, eterogenee nella composizione e nei materiali. Ecco che i movimenti, le azioni e i prodotti a cui siamo abituati si rivelano inefficaci. Possiamo affermare che il processo di sanificazione, quindi, consti di due fasi. La prima fase è quella di detersione, che potrebbe corrispondere al classico lavaggio, al normale uso i detergenti, magari con strofinacci (puliti anch’essi), panni etc. La seconda fase è quella della disinfezione, che consiste appunto nella distruzione totale o quasi totale di batteri, virus e germi in generale. La disinfezione è un argomento complicato, ma a portata di tutti, o almeno di chi ha la pazienza di apprendere nuove nozioni. Ne parlo nel prossimo paragrafo, dove tra l’altro fornirò qualche consiglio pratico.

Sanificare la cucina

Un metodo risolutivo per la sanificazione

Rimuovere germi, virus e batteri con la classica spugna o con il proverbiale strofinaccio è una soluzione raccogliticcia, che non porta a molti risultati e che non è sinonimo di sanificare un ambiente. C’è però una risorsa a portata di mano che risulta davvero efficace: l’ozono. Con questo termine si indica un gas naturale e incolore, composto da tre molecole di ossigeno. Il suo ruolo è semplice da comprendere: grazie al suo potere antiossidante, e al fatto che a temperatura ambiente mantiene una condizione di instabilità, erode la membrana e le pareti cellulari di germi, batteri e virus, di fatto “uccidendoli”.

Come si usa l’ozono? Ebbene, esistono strumentazioni specifiche, le quali trasformano l’ossigeno normale in ozono attraverso l’impiego dell’elettricità. A questa produzione segue una distribuzione dell’ozono nell’ambiente. Nei miei ambienti, sia quelli deputati alla cucina che quelli riservati alla formazione (dove sono presenti molte persone contemporaneamente) li utilizzo. Mi sono trovata molto bene, anche perché sono pratici da utilizzare, erogano prestazioni professionali e non si limitano a sanificare l’ambiente ma anche a profumarlo. In pochi minuti, grazie ai generatori di ozono I-Well, “ripulisco” i locali e posso procedere con assoluta serenità con le mie attività di sempre. L’offerta di I-Well è ampia e vi consente di scegliere tra dispositivi adatti a locali piccoli, medi e grandi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *