Filetti di triglia marinati al limone con capperi ed olive

Antipasto o secondo: a te la scelta con i filetti di triglia marinati al limone

I filetti di triglia marinati al limone con capperi ed olive sono un piatto sicuramente light e facile da preparare, particolarmente adatto alla bella stagione. Potrai valutare questa proposta come secondo piatto oppure come gustoso antipasto abbinato ad altri prodotti di mare.

La scelta è quella giusta, perché è un piatto che piace a tutti. L’aroma lievemente aspro del limone si sposa alla perfezione con la polpa della triglia e ne valorizza il sapore. La sapidità di capperi ed olive, apposti a termine della preparazione, incornicia il tutto, mantenendo un perfetto equilibrio trai singoli sapori.

Spesso nelle nostre scorte casalinghe conserviamo pacchi di pesce surgelato e con questa ricetta potremo valorizzare i filetti di spigola, anche se congelati. Potendo dedicare qualche minuto in più potremo certamente recarci in pescheria ed acquistare delle triglie fresche (magari chiedendo al pescivendolo di pulirle a dovere ed eviscerarle), ma la praticità di questa ricetta siede proprio nella sua semplicità e capacità di adattamento.

Triglia e limone: mai più senza

Mangiare questi filetti di triglia marinati al limone con capperi ed olive è un vero piacere proprio grazie agli ingredienti essenziali, ossia del buon pesce e degli ottimi limoni.

Sempre più spesso nelle ricette leggerai l’indicazione di reperire dei limoni biologici, non trattati, e magari ti starai chiedendo in cosa differiscano da quelli normalmente commercializzati. Il motivo è presto detto: acquistando dei limoni biologici eviterai d’assumere, assieme al succo o alla scorza di limone, le sostanze chimiche che sono state utilizzate per coltivarlo. Ovviamente il vantaggio è tutto in termini di salute. Un piccolo sforzo che varrà la pena affrontare!

Filetti di triglia marinati al limone

La triglia: carne magra e salutare

Qualsiasi sia il regime alimentare che desideri seguire, la triglia sarà davvero un ottimo alimento da tenere in considerazione. La triglia è, infatti, estremamente digeribile e ricca di elementi nutritivi.
Unico svantaggio della triglia è la ricchezza di spine nella carne, difetto cui è possibile ovviare chiedendo una pulizia accurata al proprio pescivendolo di fiducia.

L’assunzione di triglie ti garantirà amminoacidi essenziali, omega 3, ferro, fosforo, zinco, proteine, sali minerali e vitamine. Dobbiamo, tuttavia, sottolineare che la triglia contiene una discreta concentrazione di colesterolo ma è un alimento adatto in caso di celiachia o intolleranza al lattosio.

Ed ecco la ricetta dei filetti di triglia marinati al limone con capperi ed olive:

Ingredienti per 4 persone:

  • 10/12 filetti di triglia puliti
  • 1 limone, preferibilmente biologico non trattato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di capperi
  • 2 cucchiai di olive nere denocciolate
  • 1 mazzetto di erba cipollina
  • 4 cucchiai d’ olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale
  • q. b. di coriandolo fresco
  • Preparazione:

    Cominciate la preparazione spremendo il succo di un limone biologico, filtrandolo tramite un colino per rimuovere eventuali semi o residui di polpa. Tagliate le olive a rondelle.

    Unite insieme il succo di limone, l’olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale ed il coriandolo. Mescolate questi ingredienti, sbattendo energicamente con una forchetta.

    Ponete i filetti di triglia già puliti su una placca da forno o una pirofila, cospargendoli con il succo di limone ed olio precedentemente emulsionati.

    Tagliate a metà l’aglio e ponete gli spicchietti tra i filetti, infine lasciate il pesce a riposo nella marinatura per circa 30 minuti.

    Trascorso il tempo di marinatura, riscaldate un giro d’olio in una padella ed adagiate i filetti di triglia. Per la cottura andate a vista, dovrebbero bastare 2 minuti circa. Tagliate, poi, tre o quattro listarelle d’erba cipollina a pezzetti di circa 1 cm.

    Procedete dunque con l’impiattamento, decorando i filetti con i pezzetti d’erba cipollina, qualche cappero e le olive (precedentemente ridotte a rondelle). Per completare il piatto potrete adagiare delle sottili fettine di limone che danno un tocco decorativo. Non resta che assaporare… buon appetito!

    Nota per celiaci o sensibili al glutine

    Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

    Nota per gli intolleranti al lattosio

    Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *