Pelli sensibili e detergenti intimi : quale scegliere ?

Detergente intimo
Commenti: 0 - Stampa

Detergenti intimi uomo o donna: come scegliere il giusto PH

Il detergente intimo è un prodotto molto importante per riuscire a mantenere sempre fresca e pulita la pelle nelle zone più sensibili. Il problema che ho riscontrato personalmente sorge nella scelta di un detergente intimo e quello del PH, perché non sempre questi sono delicati come dovrebbero.

Anzi in alcune occasioni possono causare rossori, allergie, dermatiti e pruriti. Dunque, la scelta del detergente intimo è molto importante. Tra i primi fattori da considerare c’è sicuramente quello che riguarda il PH. Infatti, in base al tipo di PH è possibile che cambi l’effetto che questo detergente ha sulla pelle oppure sui genitali.

Le zone intime sono per natura acide per riuscire a difendersi dai batteri, quindi il valore del PH per non danneggiare la pelle dovrebbe avere un valore tra il 3,5 e il 5,5 per la donna. Per le bambine invece il PH giusto è sui 5,5 mentre per gli uomini si può scegliere un prodotto o con PH neutro oppure leggermente acido quindi sempre sui 5,5 PH.

Ci sono componenti dannosi nei detergenti intimi? Vanno bene per chi ha allergie?

L’igiene intima è sicuramente importante, ma lo è ancor di più evitare prodotti che possano essere problematici per la pelle e anche per le mucose dei genitali. Devi sapere che purtroppo alcuni prodotti non assicurano la giusta protezione, in quanto contengono degli ingredienti, che ha differenza di quanto si possa pensare, potrebbero causare dei problemi alla salute intima.

I componenti considerati dannosi per la salute delle parti intime sono: Il Phenoxyethano che può avere degli effetti tossici sia per bambini in via di sviluppo sia sulla riproduzione. Il Triclosan che potrebbe contribuire ad aumentare o sviluppare una resistenza antibiotica e infine il DMDM Hydaintoin che è un conservante che rilascia formaldeide, sostanza che viene considerata cancerogena.

Pelli sensibili e detergenti intimi

Oltre a non acquistare i prodotti che contengono queste sostanze nocive, guardando sempre l’INCI, è necessario fare molta attenzione nel caso in cui si soffra di particolari allergie. Infatti, il sapone intimo può causare reazioni da contatto con conseguente bruciore e prurito sopratutto nella zona genitale. Non solo è possibile che si abbiano anche dei problemi più gravi come la formazione di escoriazioni e la presenza di secchezza della pelle.

In particolar modo bisogna porre attenzione al detergente intimo scelto nel caso si soffri di allergie al cobalto, al nichel o al cromo. Perché spesso questi metalli o dei componenti che li contengono sono presenti all’interno del detergente intimo per uomo e donna.

Questi detergenti intimi sono delicati, anallergici e profumati con oli essenziali di derivazione naturale, non chimica. Perfetti per detergere la zona dei genitali, rispettandone il benessere.

Quale detergente intimo scegliere se si soffre di allergie?

Se si soffre di allergia al nichel, cromo o cobalto, allora è necessario scegliere con molta attenzione il proprio detergente intimo. Innanzi tutto, ti consiglio di controllare eventuali diciture come nichel tested e di controllare gli ingredienti per escludere la presenza del cobalto o del cromo.

Oltre ad evitare l’allergene principale ti consiglio di prediligere detergenti intimi senza profumo, senza SLS e SLES, senza saponi, con sostante tensioattive naturali e lenitive sempre di origine naturale. Per questo motivo i saponi intimi migliori per donna e uomo sono quelli BIO e green che presentano una formulazione completamente naturale.

Puoi optare anche per prodotti vegan e cruelty free per avere la certezza che questi non siano stati testati sugli animali e che all’interno del prodotto non vi sia alcuna sostanza di origine animale.

Sempre più persone manifestano i sintomi di allergie e intolleranze. Questo è un problema serio, in quanto può incidere in maniera significativa sulla qualità della vita. Con le allergie e intolleranze, come forse hai sperimentato in prima persona, non si può scherzare. Le manifestazioni cutanee sono molto visibili, fastidiose, in alcuni casi persino dolorose. Giusto per citarne alcuni: eritemi, papule, rossori, il tutto accompagnato da prurito dal moderato all’intenso e da una spiacevole sensazione di rossore.

Nella maggior parte dei casi, allergie e intolleranze disegnano un quadro irreversibile. In buona sostanza, non è possibile guarire. Ecco, dunque, che l’unica soluzione praticabile ed efficace consiste nell’evitare gli allergeni. Spesso mettere in atto questa soluzione è semplice, in altri casi – come nell’intolleranza al nichel – è più complicato.

Quali sono i prodotti adatti alle pelle sensibili e alle persone che soffrono di intolleranze? A contare sono due caratteristiche: la presenza di tensioattivi e il risciacquo.

In estrema sintesi, i migliori prodotti o almeno i più adatti alle pelli sensibili ed esposte ai sintomi delle intolleranze, sono quelli senza tensioattivi e senza obbligo di risciacquo. I tensioattivi, infatti, sono sostanze che sciolgono i grassi e gli oli nell’acqua, e così facendo rimuovono anche gli strati lipidici “naturali”, che agiscono in funzione protettiva.

Ciò vale soprattutto se sei intollerante al nichel. Questo metallo, infatti, è presente in moltissimi cibi. Ti consiglio di leggere queste pagine, se vuoi scoprire quali cibi evitare e quali assumere. Non ti preoccupare, con un po’ di conoscenza in più potrai goderti la buona tavola senza spiacevoli rinunce.

Ovviamente, occorre imparare a convivere con questa intolleranza, e il primo passo è conoscere le sostanze, e in particolare i cibi, che contengono il nichel. In queste pagine trovi tutte le informazioni necessarie. Trovi anche molte ricette a base di alimenti a basso contenuto di nichel, a dimostrazione che persino in presenza di questa intolleranza è possibile mantenere un tenore di vita normale e soddisfacente.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Intolleranza al frumento

Intolleranza al frumento, cosa c’è da sapere

Intolleranza al frumento e allergia L’intolleranza al frumento non è certamente tra le intolleranze più conosciute, infatti non figura tra quelle salite alla ribalta di recente. Eppure, al pari...

Sensibilita all alcol

Sensibilità all’alcol: una condizione da non sottovalutare

Cos’è la sensibilità all’alcol La sensibilità all’alcol è una condizione più diffusa di quanto si possa pensare. Anche perché molti la fraintendono, derubricando i disturbi a una...

Biancheria intima

Biancheria intima : allergici ed intolleranti attenzione

Gli errori da evitare per il benessere delle parti intime con la biancheria intima La biancheria intima spesso è un acquisto così banale che spesso la scelta si basa sulla bellezza del capo più...

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-08-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti