Festa della mamma: timballo di verdure con mozzarella

Timballo di verdure
Commenti: 0 - Stampa

Timballo di verdure scottate : una squisita ricetta per la festa della mamma

La ricetta del timballo di verdure scottate con quenelle di mozzarella può essere un ottimo contorno o un buon secondo piatto. In questo caso, però vi invitiamo a inserire questa pietanza nel menù per la festa della mamma. Una ricetta semplice che potrete proporre all’inizio del pranzo, come aperitivo, o insieme a un secondo piatto.

Basta avere a portata di mano una serie di verdure, zucchine, carote, asparagi e fagiolini, e una mozzarella di bufala. Ricordate che, pur essendo un piatto vegetariano e a prova di intolleranza al glutine, sarà necessario sostituire questo latticinio con uno senza lattosio se fra gli invitati c’è qualcuno che soffre di intolleranza al lattosio.

La mozzarella: un simbolo del sud Italia

La mozzarella nasce nel sud Italia ed è un alimento imprescindibile per la preparazione di molti piatti, dalla pizza ai panzerotti pugliesi. Si tratta di un latticinio di cui esistono tantissime varietà. Può essere elaborato con diversi tipi di latte. In questo caso, ad esempio, nella ricetta del timballo di verdure scottate con quenelle di mozzarella vi  proponiamo di utilizzare la mozzarella di bufala, magari campana, dal gusto inconfondibile.

Le origini della mozzarella risalgono almeno al XVI secolo, anche se probabilmente potrebbero essere anche anteriori. I latticini, infatti, furono elaborati inizialmente per poter utilizzate il latte acido e conservato male. Attualmente, invece, la mozzarella è un simbolo della gastronomia italiana in tutto il mondo.

La mozzarella di bufala è un vanto della cucina italiana. Si tratta come ben sapete di un formaggio tipico della Campania e in generale del Sud Italia famoso in tutto il mondo. A tutela di questa specificità, dagli anni Novanta è stato introdotto il marchio Dop a contrassegnare il prodotto realizzato secondo un certo disciplinare. Le imitazioni per esempio all’estero non si contano, è sufficiente però prestare attenzione alla confezione e alla corretta dicitura dell’alimento non evitare di cadere in inganno.

Va sottolineato il fatto che la mozzarella di bufala è un prodotto “vivo”. Nel senso che non contiene conservanti ed è composto solo da ingredienti naturali come latte, sale e caglio. La cosiddetta acqua di filatura nella quale viene immersa, conferisce quel sapore particolare che diventa inconfondibile anche solo dopo i primi assaggi. Si può agevolmente conservare in frigo, meglio se con alcuni accorgimenti. Ma il consiglio è di consumarla il prima possibile, in modo da apprezzarne tutte le potenzialità. Oggi si trova anche senza lattosio!

Timballo di verdure scottate con quenelle di mozzarella

Le verdure in timballo

Per preparare le verdure per il nostro timballo potete utilizzare un pela patate per creare una sorta di tagliatelle delle stesse dimensioni. In seguito sarà solamente necessario farle saltare in padella in modo tale da lasciarle croccanti e poi adagiarle sul piatto.

Questo timballo di verdure scottate con quenelle di mozzarella è un ottimo modo per rendere le verdure più appetitose anche per i più piccoli o per chi proprio non ama gli ortaggi. L’utilizzo della mozzarella, infatti, elaborata in una quenelle, rende ancora più appetitoso questo piatto e lo rende perfetto per antipasti e contorni.

Timballo di verdure scottate con quenelle di mozzarella

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 zucchine medie
  • 2 carote medie
  • 6 asparagi grossi verdi e bianchi
  • 80 gr. fagiolini verdi
  • 1 mozzarella di bufala consentita
  • 8 cucchiai di olio extra-vergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe bianco

Preparazione:

Pulite accuratamente tutte le verdure per poi, aiutandovi con un pela patate, procedete ad affettarle in modo da creare delle tagliatelle di verdure.

Tagliate la mozzarella molto finemente e conditela con olio, sale e pepe a vostro gusto.

Fate saltare in padella le verdure preparate in precedenza facendo in modo che rimangano croccanti.

Con l’aiuto di due cucchiai formate delle quenelle con il composto di mozzarella; sistemate nel piatto le verdure aiutandovi con un coppapasta e adagiandoci infine le quenelle di mozzarella sopra.

Guarnite con i pomodorini e servite

5/5 (447 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

madeleine al riso integrale

Madeleine al riso integrale e canihua, variante esotica

Madeleine al riso integrale, dolce perfetto per la Festa della Mamma Le madeleine al riso integrale e semi di canihua sono un’idea perfetta per la Festa della Mamma. Sono infatti dei dolcetti...

drip cake ai lamponi

Drip cake ai lamponi, una torta per la...

Drip cake ai lamponi e pistacchi per una giornata speciale La drip cake ai lamponi e pistacchi è un dolce delizioso e dal grande impatto visivo, equilibrato nel gusto e coloratissimo. E’...

Semifreddo allo Skyr e pere

Semifreddo allo Skyr e pere per la Festa...

Semifreddo allo Skyr e pere caramellate, raffinato Il semifreddo allo Skyr e pere caramellate è un dolce di alta classe, che non vi farà rimpiangere i prodotti da pasticceria. L’impatto visivo...

Ciambella profumata alle fragole

Ciambella profumata alle fragole per la Mamma

Ciambella profumata alle fragole, un tripudio di colori e sapori La ciambella profumata alle fragole con glassa rosa è un “signor” dolce buono da gustare e bello da vedere, ricco di ingredienti...

Torta con fragole e sciroppo

Torta con fragole e sciroppo di agave, per...

Torta con fragole e sciroppo di agave per la Festa della Mamma La torta con fragole e sciroppo di agave in pasta di zucchero è un dolce davvero speciale, che coniuga un gusto pieno con un impatto...

Straccetti di vitello

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, piatto...

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, un secondo delicato e originale Gli straccetti di vitello con salsa alle fragole sono un secondo molto particolare come potete vedere dalla foto. Un...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti