Quiche di asparagi e prosciutto crudo, sofisticata

Quiche di asparagi e prosciutto crudo
Commenti: 2 - Stampa

Questa quiche di asparagi vi conquisterà al primo assaggio

Gli asparagi sono una verdura molto saporita e gustosa. Io ne vado ghiotta! Potete gustarli in tanti modi: sbollentati per accompagnare un uovo al tegamino, all’interno di una frittata, oppure in questa quiche di asparagi e prosciutto crudo!

La quiche è una ricetta della cucina tradizionale francese, ma nella mia versione c’è un ingrediente nuovo: le olive!

Il gusto di questa quiche di asparagi vi conquisterà, grazie ad un connubio di ingredienti davvero sorprendente.

Una torta salata di pasta sfoglia Exquisa, ripiena di besciamella, con il suo sapore pieno e cremoso, la nota leggermente amara degli asparagi. Infine, golosi e salati pezzetti di prosciutto crudo.

Il tutto cosparso di un sottile e croccante strato di parmigiano grattugiato, come rinunciarvi?

Dietro ad ogni ricetta sfiziosa, c’è una tradizione antica

La torta salata, regina della cucina francese è sicuramene la quiche, una ricetta semplice e gustosa, con origini che vanno risalgono indietro nella storia francese.

Per spiegare la storia di questa deliziosa torta salata, inizio col dirvi che “quiche” non deriva dal francese, bensì, dal tedesco “kuchen”, che significa “torta”.

Durante l’Ottocento, all’epoca della guerra franco-prussiana, i francesi furono costretti a cedere due regioni, l’Alsazia e la Lorena, all’impero tedesco.

Quiche di asparagi e prosciutto crudo

Fu quest’annessione che fece sì che parte della tradizione tedesca venisse assorbita dai francesi, e viceversa.

Le quiche, nascono come un prodotto della cucina popolare contadina, ricche di prodotti della terra e degli allevamenti.

Unendosi alla cucina francese, sofisticata e più delicata, si sono modificate nel tempo, prendendo caratteristiche diverse da quelle originali.

Come nel nostro caso, la quiche con asparagi e prosciutto crudo conserva gli ingredienti semplici, unendoli però alla delicatezza della besciamella e della pasta sfoglia.

Gli asparagi: indispensabile verdura di questa crostata salata

Sono gli asparagi a conferire alla nostra quiche, un sapore delicato e pieno.

Strano a dirsi, ma gli asparagi appartengono alla stessa famiglia dell’aglio, anche se non hanno poi molto in comune con questo lontano parente.

Sono da sempre considerati un rimedio contro i problemi di diuresi, grazie alle loro proprietà detox e drenanti.

Possiamo dividere gli asparagi in due sottogruppi: il primo è rappresentato da quelli selvatici, che crescono prevalentemente nei boschi ed hanno un sapore più delicato. Del secondo gruppo, invece, fanno parte gli asparagi coltivati.

Entrambi hanno gli stessi valori nutrizionali, tra cui polifenoli, acido folico, fibre, antiossidanti e sali minerali come calcio, ferro, magnesio, fosforo, zinco e potassio.

Sono validi alleati della salute, perché non mangiarne in quantità, magari aggiungendoli ad una ricetta come la nostra quiche di asparagi?

Ingredienti per 4 persone

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita (per me Exquisa)
  • 10 asparagi
  • 10 fette di prosciutto crudo
  • 250 gr. di besciamella consentita
  • 2 uova intere di gallina livornese
  • 50 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

La preparazione della quiche di asparagi è molto semplice.

Iniziate mondando gli asparagi, utilizzate un pelapatate e sbollentateli in abbondante acqua salata per 6-7 minuti circa.

Scolateli e fateli raffreddare in una ciotola di acqua ghiacciata, in questo modo, manterranno un colore verde brillante.

A questo punto, affettate sottilmente 1/3 delle punte degli asparagi e tagliate altri due asparagi interi.

Frullate gli asparagi rimanenti con la panna, le uova, il latte, il sale ed il pepe, finché non avrete ottenuto una crema liscia e senza grumi. Foderate con la pasta sfoglia uno stampo quadrato di 19 cm. di lunghezza, oppure uno rotondo di circa 20-22 cm.

Distribuitevi poi il prosciutto sminuzzato, gli asparagi e le olive a tocchetti.

Versatevi sopra la crema e infornate a 200°C per 25 minuti. Trascorso il tempo prestabilito, sfornate e lasciate intiepidire la quiche di asparagi.

Decoratela a piacere con le olive e fettine di asparago crudo.

Buon appetito!

5/5 (423 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Quiche di asparagi e prosciutto crudo, sofisticata

  • Dom 4 Apr 2021 | Marilena ha detto:

    Mi può cortesemente inviare la ricetta della quiche di asparagi. Grazie

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta con finocchio e cocco

Torta salata con finocchi e cocco, dolce e...

Torta salata con finocchi e cocco, una delicata combinazione La torta salata con finocchi e cocco è una torta salata molto particolare, anche perché contiene alcuni elementi dolci. E’ comunque...

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...

Torta salata con scarola

Torta salata con scarola, uno snack gustoso

Torta salata con scarola capperi e acciughe, una ricetta nichel free La torta salata con scarola, capperi e acciughe è un’idea particolare per una merenda salata gustosa e anti intolleranze. La...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti