La moda del cappuccino vegetale: fare attenzione

cappuccino vegetale
Commenti: 0 - Stampa

Il trend del cappuccino vegetale è confermato dall’Istat

L’Istat lo conferma: il cappuccino vegetale piace molto di più rispetto a quello caratterizzato dalla presenza di latte vaccino, insomma il cappuccino tradizionale come l’abbiamo iniziato a conoscere – e ad apprezzare – in molti.

Le bevande a base di soia, di riso e di legumi sono entrate a far parte del paniere Istat per la prima volta l’anno scorso e sembrano riscuotere sempre più successo, nonostante determino un maggior impegno economico rispetto al latte vaccino.

Bevande vegetali: i volti nascosti di un successo

Il successo del cappuccino vegetale – cioè della ricetta che vede l’utilizzo di latte di soia o latte di riso – è dovuto anche all’aumento dei casi di persone che sono convinte di soffrire di intolleranza al lattosio, senza però avere alcuna evidenza scientifica della situazione.

L’intolleranza al lattosio esiste, è diffusa e ha molti legami con l’etnia. I dati in merito parlano chiaro e ci ricordano che, per esempio, è particolarmente frequente tra le popolazioni africane, mentre è quasi inesistente in Paesi come la Finlandia.

cappuccino vegetale

In ogni caso prima di procedere con la diminuzione drastica dell’apporto di lattosio è consigliabile consultare uno specialista e sottoporsi al naturale iter diagnostico.

Intolleranza al lattosio: attenzione alla dieta di privazione totale

Gli esperti ricordano che, anche quando si ha la sicurezza totale di soffrire d’intolleranza al lattosio – una condizione causata dalla cattiva produzione di enzima lattasi, che scinde il lattosio in glucosio e galattosio rendendolo più digeribile – non è necessario evitare totalmente i latticini e il latte.

Ricordo per esempio che i formaggi stagionati contengono pochissimo lattosio e che, per fortuna, oggi è possibile acquistare e richiedere nei bar e nei ristoranti il latte delattosato con molta più facilità rispetto a qualche anno fa, quando soffrire d’intolleranza al lattosio – e non solo – significava dover spendere tanto e rinunciare al gusto.

Oggi le esigenze degli intolleranti al lattosio sono molto più ascoltate, anche perché eliminare completamente i latticini non è sano, in quanto si tratta di prodotti che risultano fondamentali per la salute delle ossa.

Diversa è invece la situazione degli allergici alle proteine del latte, che vivono una condizione clinica molto rara – tanti di loro sono lavoratori od ex lavoratori del settore caseario che sono stati a lungo esposti a queste sostanze – e che hanno tutte le ragioni a voler eliminare il cappuccino classico e a cercare alternative gustose ed energizzanti per iniziare al meglio la giornata.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza genetica al lattosio

Soffri di intolleranza genetica al lattosio? Scoprilo

Che cos’è l’ intolleranza genetica al lattosio Soffri di intolleranza genetica al lattosio ? Ecco il test per scoprirlo. L’intolleranza al lattosio è un problema molto comune. Secondo alcuni...

Allergia vs intolleranza

Allergia vs intolleranza? Facciamo chiarezza

Due cose da non confondere assolutamente: allergie vs intolleranze alimentari Allergia vs intolleranza? Facciamo chiarezza sulle differenze dei sintomi. Le allergie e le intolleranze sono due...

la salute vien mangiando

Intolleranze e allergie alimentari si combattono a tavola

Intolleranze e allergie alimentari Si fa sempre più attenzione alle intolleranze alimentari e allergie alimentari, sia dal punto di vista della diagnosi medica che dal punto di vista della...

Millefoglie con marmellata di arance

Le migliori ricette senza lattosio per te

Informazioni sulle migliori ricette senza lattosio A tutti è capitato di sentire parlare delle migliori ricette senza lattosio. Approfondirne le caratteristiche è molto importante in quanto...

Allergia alle proteine del latte

Allergia alle proteine del latte e intolleranza al...

Sono tantissime le persone che lamentano di intolleranza al lattosio e allergia alle proteine del latte. Alcune non lo digeriscono e riscontrano mal di stomaco, problematiche intestinali e tanti...

Test genetico per l’intolleranza al lattosio

Test genetico per l’intolleranza al lattosio

Test genetico per intolleranza al lattosio: in cosa consiste? Oggi parliamo del Test genetico per l’intolleranza al lattosio. Nelle scorse settimane vi ho parlato del Breath test o altresì...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-06-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti