Villa Crespi a S. Giulio d’Orta

Villa Crespi a S. Giulio d’Orta. Basta un semplice sguardo a Villa Crespi per lasciarsi sedurre. Architettura moresca e stile arabeggiante rimandano a luoghi e tempi lontani…un viaggio sensoriale tra raffinate colonne di marmo e archi realizzati in gesso modellato arricchiti da intarsi e decorazioni.

La Villa conquista per la particolarità della sua architettura che rimanda al medioriente, luoghi che furono fonte d’ispirazione per Cristoforo Benigno Crespi, facoltoso mercante cotoniero, che decise di costruire e dedicare alla moglie questa fantastica proprietà sulle sponde del lago d’Orta dall’eclettica atmosfera da Mille e una Notte.

Nel 1879 Cristoforo Benigno Crespi, avvalendosi della collaborazione dell’architetto Angelo Colla, avviò la costruzione della Villa di cui ci  vollero venti anni per vederla fiorire in tutto il suo splendore.

L’eccentrico e gettonato architetto, ai tempi un rinomato ornarista, realizzò la Villa arricchendola  in ogni suo angolo, dalla maestosa hall con lo splendido pavimento in mosaico fiorentino e le mura ornamentate che raggiungono il secondo piano per terminare in un cielo stellato in puro stile moresco, alle finestre di legno intarsiate di mille decori e ai meravigliosi parquet di legno originali dell’epoca, per terminare con l‘imponente minareto, in richiamo allo stile architettonico arabo, che è diventato uno dei simboli più riconoscibili anche in lontananza sul lago d‘Orta.

Nulla è stato lasciato al caso…ogni singolo dettaglio è stato realizzato per creare questa casa e renderla unica in tutto il mondo.

Una visita a Villa Crespi, regala stupore, affascina e trasporta in un magico viaggio tutto da scoprire.

Recapiti e Contatti

Indirizzo: Via G.Fava 18
28016 Orta San Giulio
Piemonte

Telefono: +39 0322 911902

Sito Web:

Condividi!

Un commento a “Villa Crespi a S. Giulio d’Orta

  1. anna rosa

    bravissimo!!!
    sei uno dei pochissimo chef che in cucina fa lavorare con tranquillità perchè lavorare in cucina è una passione non un lavoro pesante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *