Biscotti di fiocchi d’avena per una colazione perfetta!

biscotti d’avena con nocciole e mandorle

Biscotti di fiocchi d’avena con nocciole e mandorle, un modo per iniziare bene la giornata

I biscotti di fiocchi d’avena con nocciole e mandorle sono il simbolo della colazione perfetta, un modo per iniziare la giornata all’insegna del gusto e della cura per se stessi. Sono infatti buoni e leggeri, adatti a qualsiasi palato. Io li preparo spesso di inverno e amo consumarli accompagnandoli con una tazza di tè fumante, mentre stringo la tazza con il mio scaldamani Brandani. In questo modo trasformo il momento della colazione in una coccola, in un’esperienza intensa che rappresenta il miglior punto di partenza per vivere la giornata.

Ad ogni modo, i protagonisti di questa ricetta sono i fiocchi d’avena. Come tutti sanno, sono i semi dell’avena sativa (il nome ufficiale della pianta). Sono un’ottima fonte di carboidrati, ma contengono anche una discreta quota di proteine. Soprattutto sono ricchi di fibre, vitamine e sali minerali. Il riferimento è al potassio, al calcio e alle vitamine del gruppo B. L’apporto calorico non è affatto eccessivo, anzi si attesta sulle 160 kcal per 100 grammi.

La lista degli ingredienti comprende alimenti particolari come il latte di riso (o bevanda di riso, che dir si voglia) e la farina di riso. Essi sostituiscono rispettivamente il latte classico e la farina bianca. Lo scopo di questa sostituzione è quello di garantire il consumo anche a chi soffre di disturbi dell’assorbimento di glutine e lattosio (intolleranti, celiaci etc.). A considerarli dei semplici surrogati, però, si farebbe davvero un torto, dal momento che entrambi si caratterizzano per un sapore molto gradevole e per un’identità organolettica ben precisa. Insomma i biscotti di fiocchi d’avena con nocciole e mandorle sono il miglior modo per iniziare la giornata, e concedersi una colazione che faccia bene al corpo e al morale.

Gli insospettabili benefici della cannella

La cannella, utilizzata nei nostri biscotti di fiocchi d’avena, è una delle spezie più diffuse, soprattutto in cucina. Come la stragrande maggioranza delle spezie è originaria dell’Asia, ma ormai da qualche secolo è entrata in pianta stabile nelle tradizioni culinarie nostrane. E’ una spezia preziosa, in quanto capace di insaporire anche se presente in piccolissime dosi. Ovviamente viene impiegata soprattutto nelle preparazioni dolciarie. In questo caso viene inserita direttamente nell’impasto.

biscotti d’avena con nocciole e mandorle

Non tutti sanno, però, che la cannella oltre ad essere buona è anche “utile” e salutare. Impatta, infatti, in modo favorevole sull’organismo. Per esempio, è davvero ricca di antiossidanti, sostanze che stimolano la circolazione sanguigna, aiutano a prevenire i tumori e rallentano l’invecchiamento cellulare. La cannella, poi, è considerata un antisettico naturale. Va segnalata, infine, la presenza di alcuni polifenoli che esercitano un effetto simile a quello dell’insulina, una caratteristica che agevola chi soffre di diabete.

Le proprietà nutrizionali delle nocciole

Nei nostri biscotti di fiocchi d’avena abbiamo utilizzato le nocciole. Tuttavia, tra la frutta secca attualmente in commercio, la nocciola non è considerata tra le più salutari. Ebbene, si tratta di un pregiudizio in quanto la nocciola non è solo buona, ma fa anche bene all’organismo. In primis, perché contiene in grandi quantità acidi grassi omega tre, sostanze che giovano all’apparato cardiocircolatorio, alle funzioni cognitive e alla vista. Inoltre le nocciole sono ricche di acido oleico, che aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo.

Le nocciole sono anche un’ottima fonte di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla vitamina E, presente in dosi maggiori rispetto all’olio d’oliva, utile per contrastare i radicali liberi. Rilevanti, poi, sono le concentrazioni di ferro, zinco, selenio e rame. Ovviamente, come tutta la frutta secca, anche le nocciole sono piuttosto caloriche. Si parla infatti di 655 kcal per 100 grammi, tuttavia basta non esagerare. Le dosi che ho scelto per questa ricetta sono molto equilibrate, quindi non si corre alcun rischio di mettere in pericolo la linea.

Ecco la ricetta dei biscotti d’avena con nocciole e mandorle:

Ingredienti per 20 biscotti:

  • 150 gr. di fiocchi d’avena;
  • 50 gr. di farina di riso;
  • 40 gr. di mandorle;
  • 40 gr. di nocciole;
  • 50 gr. di zucchero di canna finissimo per dolci;
  • 30 gr. di olio di semi;
  • 70 gr. di bevanda di riso;
  • 1 bustina di lievito vanigliato;
  • 1 pizzico di cannella in polvere.

Preparazione:

Per la preparazione dei biscotti mettete i fiocchi d’avena nel mixer e frullateli per pochi secondi. Devono risultare tritati, ma non eccessivamente. Svuotate il mixer e frullate allo stesso modo le nocciole e le mandorle. Inserite quanto avete frullato in una ciotola (lasciate un po’ di nocciole e di mandorle da parte), poi versate anche la farina, il lievito, lo zucchero di canna, la cannella e date un’accurata mescolata. Infine aggiungete l’olio di semi, la bevanda di riso e mescolate fino ad ottenere un composto abbastanza morbido. Ricoprite una teglia di carta da forno e adagiate un cucchiaio di composto. Sopra a ogni cucchiaiata (che corrisponde a un biscotto) adagiate un po’ di nocciole e mandorle tritate. Cuocete al forno a 170 gradi per circa 20 minuti, fino a completa doratura dei biscotti.

Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


30-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti