logo_print

Straccetti di vitello con patate, un secondo gustoso

Straccetti di vitello con patate
Stampa

Straccetti di vitello con purè di patate, un secondo nutriente ma leggero

Gli straccetti di vitello con purè di patate dolci più che un secondo piatto sono un piatto unico. Dal punto di visto nutrizionale, infatti, siamo di fronte ad una pietanza completa, che offre proteine, carboidrati e vitamine. E’ anche molto buona, poiché si regge su un delicato e azzeccato equilibrio di sapori. Il protagonista è ovviamente la carne di vitello, una carne tra le più ricche dal punto di vista nutrizionale e anche meno calorica: 100 grammi di prodotto, infatti, apportano solo 143 kcal. Eccellente è l’apporto di proteine, che rappresentano il 20%. Per quanto riguarda i sali minerali troviamo grandi quantità di potassio, fosforo e magnesio. La carne di vitello, poi, contiene la vitamina B6 e altre vitamine del gruppo B.

Gli straccetti di vitello con purè di patate sono molto semplici da preparare. Non presentano difficoltà di sorta, sebbene occorre fare attenzione alle dosi e alle proporzioni tra i singoli ingredienti. Il consiglio è di non improvvisare nulla, ma di rispettare le indicazioni che vi darò tra poco. Ci tengo infine a precisare che questa è una ricetta completamente gluten e lactose free. Ovvero, non contiene né glutine né lattosio. Il merito va, ovviamente, alla farina di riso e al latte delattosato, ingredienti privi delle sostanze “incriminate”.

Le peculiarità nutrizionali delle patate dolci

Gli straccetti di vitello con purè di patate dolci sono un piatto che non lascia nulla al caso, estetica compresa. Il piatto esprime una certa idea di eleganza, ben rappresentata dal letto di purè. Come ingrediente principale ho optato per le patate dolci, un modo per conferire una maggiore delicatezza alla pietanza e offrire un contrasto tra la sapidità della carne e la dolcezza della purea. Tra l’altro, le patate dolci non sfigurano rispetto alle patate “normali”, quella a pasta gialla per intenderci. Anzi, sono assolutamente equiparabili per ciò che riguarda le caratteristiche nutrizionali.

Straccetti di vitello con patate

Le patate dolci si fanno apprezzare per l’apporto di vitamine, e in particolare la vitamina A, la B6 e la C. Discorso simile per i sali minerali, con esplicito riferimento al potassio, al calcio e al manganese. Questa ampia offerta di proteine e sali minerali rende le patate dolci una specie di integratore naturale. Inoltre sono ricche di antiossidanti e in particolare di carotenoidi, sostanze che rallentano l’invecchiamento cellulare. Si caratterizzano, poi, per un indice glicemico molto contenuto, sicché possono essere consumate senza timori anche da chi soffre di diabete. Per quanto riguarda l’apporto calorico, infine, non si segnalano grosse differenze rispetto alle altre varietà di patate: 100 grammi di patate dolci apportano 80 kcal.

Perché abbiamo utilizzato la farina di riso?

La farina di riso gioca un ruolo importante nella ricetta degli straccetti di vitello con purè di patate dolci. Infatti, ne consente il consumo da parte degli intolleranti al glutine e ai celiaci. La farina di riso è un alimento che per sua stessa natura è privo di glutine. Ciò non significa, però, che vada considerato come un banale surrogato della farina normale, anzi spicca in realtà per una maggiore maggiore delicatezza e per una decisa personalità dal punto di vista organolettico. La farina di riso è anche meno grassa, pur apportano una quantità maggiore di amido. L’apporto in termini di proteine non è al livello di altre farine, ma è comunque discreto.

In questa ricetta, la farina di riso interviene poco prima della cottura degli straccetti. La carne, infatti, va passata nella farina di riso, in modo da acquisire una più marcata croccantezza e una gradevole panatura. Bastano a malapena due cucchiai di farina per “coprire” 600 grammi di straccetti di vitello, dunque vi consiglio di non abbondare più di tanto.

Ecco la ricetta degli straccetti di vitello con purè di patate dolci:

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di straccetti di vitello;
  • 600 gr. di patate dolci;
  • 1 cucchiaino di timo fresco;
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere;
  • uno spicchio d’aglio;
  • 1 bicchiere di latte delattosato;
  • 1 noce di burro chiarificato;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • 2 cucchiai di farina di riso;
  • un pizzico di noce moscata;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione degli straccetti di vitello iniziate lavando le patate dolci, poi sbucciatele e fatele bollire in acqua leggermente salata. Quando sono pronte, rimuovete la buccia e passatele in uno schiacciapatate. In una casseruola mettete una noce di burro, la purea di patate e un bicchiere di latte (se volete una crema meno densa aggiungete un po’ più di latte), poi regolate con un po’ di sale e date una sventagliata di noce moscata grattugiata; infine mescolate il tutto con cura. Ora passate gli straccetti di vitello nella farina di riso mescolata con lo zenzero, poi prendete una padella antiaderente, versate un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva e cuoceteci gli straccetti. A metà cottura aggiungete un po’ di timo e di sale. Spegnete il fuoco, adagiate su un piatto da portata il purè di patate e posizionate sopra gli straccetti. Servite e buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


27-04-2020
Scritto da: Colombo Tiziana
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti