Coni con fiocchi di latte, dolce quasi meglio del gelato

Coni con fiocchi di latte
Commenti: 0 - Stampa

Coni con fiocchi di latte, dolci colorati e gustosissimi

Oggi vi propongo una preparazione dolce che, sono sicura, non avete mai assaggiato: i coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali. Se state organizzando una festa di compleanno per il vostro bambino, certamente sarete alla ricerca di ricette che non solo siano gustose, ma anche interessanti e che possano sfoggiare una resa visiva notevole. Il buffet per la festa di compleanno di un bambino non deve essere solo buono, ma anche “carino” e colorato. Ovviamente anche sano, nutriente e benefico per la salute. E’ con questa consapevolezza che ho pensato ai coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali.

L’aspetto di questa ricetta rimanda al classico cono gelato. In effetti i coni sono quelli classici, ma il gelato è qui sostituito dai fiocchi di latte. Siamo di fronte, quindi, a una preparazione salata che assomiglia a una preparazione dolce (come il cono gelato appunto). Un modo, questo, per incuriosire i bambini e avvicinarli alle erbe provenzali che non sono nient’altro che erbe aromatiche, quindi “verdura”. Ma si sa, i bambini sono sempre restii a mangiare la verdura, tuttavia i coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali sono molto semplici da preparare e richiedono giusto qualche minuto.

Il segreto dei coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali

Il vero segreto dei coni con fiocchi di latte non è rappresentato dalle erbe provenzali e nemmeno dalle sembianze che ricordano il cono gelato, bensì dai fiocchi di latte. Si tratta dei fiocchi di latte Fitline di Exquisa. Come suggerisce il nome, si caratterizzano per il modestissimo apporto di grassi. Questi, infatti, rappresentano solo il 3%, una percentuale di gran lunga inferiore a quella di altri fiocchi di latte in commercio. Sono anche ricchi di proteine (13%) e del tutto privi di conservanti. Spiccano ovviamente per il gusto che valorizza una materia prima di ottima qualità. Come ho già specificato all’inizio dell’articolo, i fiocchi di latte riproducono le sembianze del gelato, e in un certo senso lo sostituiscono.

Coni con fiocchi di latte

Questi specifici fiocchi di latte contengono il lattosio. Tuttavia, la linea di Exquisa propone anche varianti che ne sono prive. Il gusto è identico, dunque non c’è alcuna ragione per rinunciarvi se soffrite di anche una lieve forma di intolleranza al lattosio. Anche perché il processo di rimozione di questa sostanza è completamente naturale. La materia prima, ovvero il latte, viene esposta all’enzima lattasi, che si trova nell’intestino di chi il lattosio lo digerisce. A questo punto avviene la scissione in galattosio e glucosio, due sostanze che sono pienamente digeribili anche dagli intolleranti.

Perché abbiamo utilizzato il pepe di Timut?

Ad arricchire i coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali, e conferire loro un certo carattere esotico, è il pepe di Timut. Si tratta di una spezia originaria del Nepal, che da qualche tempo sta spopolando anche in Italia. Tuttavia, è bene specificare una cosa, nonostante il nome questa spezia non c’entra nulla con il pepe. E’ “semplicemente” una bacca, la cui buccia viene trattata e poi sminuzzata. In Italia è nota con questa espressione in quanto ricorda il pepe nostrano in virtù del suo potere aromatico. Al palato il pepe di Timut libera note dolci, con alcuni sentori di agrumi. E’ ottimo per le preparazioni dolci, o per ammorbidire il salato, è insomma un valore aggiunto che arricchisce senza coprire.

Il pepe di Timut, poi, è anche una sostanza dalle eccellenti capacità nutritive. In primis è ricco di antiossidanti, i quali contrastano l’azione dei radicali liberi e contribuiscono a prevenire le patologie dell’apparato cardiocircolatorio (specie quelle acute). E’ anche un blando antinfiammatorio, e proprio con questa finalità è stato utilizzato fin dai tempi antichi dalle popolazioni locali. Nella ricetta dei coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali interviene nella composizione principale, ovvero fa parte della crema “simil-gelato” a base di fiocchi di latte.  Proprio qui ha luogo un abbinamento molto particolare, ma che offre parecchie soddisfazioni, soprattutto ai bambini sempre pronti a sperimentare nuovi sapori (e il mix di fiocchi di latte e pepe di Timut può essere definito tale).

Ecco la ricetta dei coni con fiocchi di latte ed erbe provenzali:

Ingredienti:

  • 6 coni gelato consentiti;
  • 1 uovo;
  • 400 gr. di fiocchi di latte Fitline Exquisa;
  • 1 arancia;
  • 3 gr. di erbe provenzali miste;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe di Timut.

Preparazione:

Per la preparazione dei coni iniziate trattando i fiocchi di latte fino a ricavare un composto cremoso, poi unite la scorza d’arancia grattugiata, le erbe miste e aggiungete un po’ sale, di pepe e l’olio extravergine d’oliva. Infine riempite i coni con la crema di fiocchi di latte, quasi come se doveste preparare un cono gelato, poi date una spolverata con le erbe provenzali rimaste e la scorza di arancia.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti