Liquore alla melagrana e anice, idea regalo

Liquore alla melagrana e anice
Stampa

Liquore alla melagrana e anice stellato, un ottimo prodotto con il minimo sforzo

ll liquore alla melagrana e anice stellato è un’idea perfetta per un regalo che possa davvero far piacere, di grande valore e molto gradito. Anche perché si tratta di una bevanda non troppa alcolica, dal sapore particolare (i liquori alla melagrana raramente si trovano nei supermercati). Tra l’altro, non è nemmeno troppo difficile da realizzare. Certo, come tutti i buoni liquori, richiede del tempo. Per la precisione, è necessario un mese affinché l’alcol venga interamente assorbito dal succo di melograno.

Per il resto, il procedimento è simile alla maggior parte delle preparazioni del medesimo tipo. Si filtra il succo “alcolico” di melograno e si unisce allo sciroppo. Per quanto riguarda la preparazione di quest’ultimo, la ricetta è classica: acqua, zucchero e fiamma media affinché la soluzione si addensi. Nello specifico, la giusta proporzione è tre parti di acqua e due di zucchero. L’ultima fase prevede un ulteriore filtraggio e poi un periodo di riposo minimo, pari a un paio di giorni.

I tanti benefici nutrizionali della melagrana

Il protagonista del nostro liquore è ovviamente la melagrana. Si tratta di un frutto ben conosciuto dagli italiani, per quanto giudicato ancora abbastanza esotico. Certo il sapore ha poco a che vedere con la frutta “solita”, è a metà strada tra il dolce e l’acidulo e restituisce una certa sensazione di freschezza. Ma la melagrana non è solo un frutto buono, è anche salutare. Le sue caratteristiche nutrizionali lo rendono un alimento da integrare nella propria dieta.

Liquore alla melagrana e anice

Il riferimento è in primis all’apporto di vitamine, che è davvero importante. La melagrana, per esempio, contiene tanta vitamina C, sostanza che come tutti sanno protegge e rafforza il sistema immunitario. Da questo punto di vista, ha poco da invidiare persino all’arancia, che è considerato il frutto “portatore” di vitamina C per eccellenza. La melagrana è anche ricca di antiossidanti, sostanze che impattano positivamente sull’apparato cardiocircolatorio, rallentano l’invecchiamento cellulare e contribuiscono a prevenire i tumori.

Le meraviglie dell’anice stellato e le sue proprietà benefiche

L’anice stellato, utilizzato nel nostro liquore alla melagrana, è considerato una spezia, ma in realtà è il frutto della pianta omonima. Si chiama così proprio perché la sua forma ricorda quella di una stella, per giunta molto regolare. Non si mangia, o per meglio dire non si ingerisce (se non in piccole dosi). Tuttavia, viene impiegato per decorare o per insaporire. E’ proprio questo il caso del liquore alla melagrana e anice stellato. Nello specifico viene inserito nel liquido di infusione, che tra l’altro comprende il succo di melograno e l’alcol. Quando giunge il momento di unire il liquido allo sciroppo, e formare così il liquore, viene semplicemente rimosso. Nel frattempo, ovviamente, ha trasmesso sapore e principi nutrizionali al succo.

Il sapore è leggermente dolciastro, a volte paragonabile alla liquirizia, comunque diverso da qualsiasi altra spezia. I principi nutritivi dell’anice stellato meritano di essere descritti, anche perché sfociano quasi nell’ambito terapeutico. Nello specifico, l’anice stellato ha proprietà antibatteriche, a tal punto che il suo olio viene impiegato per sconfiggere l’acne. E’ anche un discreto antinfiammatorio gengivale, e infatti molti ne consumano l’estratto a integrazione del colluttorio. Ovviamente, dell’anice stellato è bene non abusare, in questi casi può generare due sgradevoli effetti collaterali: nausea e diarrea.

Ecco la ricetta del liquore alla melagrana e anice stellato:

Ingredienti per una bottiglia:

  • 200 ml. di succo di melagrana;
  • 320 ml. di alcool per liquori;
  • 1 melagrana piccola;
  • 1 chiodo di garofano;
  • 2 bacche di anice stellato;
  • 1 pizzico di cannella in polvere.

Per lo sciroppo:

  • 320 ml. di acqua naturale;
  • 220 gr. di zucchero di canna.

Preparazione:

Per la preparazione del liquore alla melagrana prendete un vaso capiente a chiusura ermetica e versate il succo di melagrana, che avete passato precedente in un colino a maglie molto strette. Poi sgranate la melagrana che avete a disposizione e aggiungete i chicchi nel succo e mettete anche la cannella, il chiodo di garofano e l’anice; infine ricoprite il tutto con l’alcol. Sigillate ermeticamente il vaso, e conservatelo in un luogo fresco, al riparo dal sole, per circa un mese. Ogni tanto, però, agitatelo delicatamente in modo da mescolare tutti gli ingredienti. Una volta che è trascorso un mese, filtratelo attraverso un colino a maglie molto strette rivestito con una garza altrettanto fine.

Eliminate le spezie e i chicchi di melagrana, poi travasate il liquido in un altro contenitore pulito. Adesso preparate lo sciroppo. In una pentola riscaldate l’acqua e lo zucchero, poi portate a bollore. Mescolate con una frusta per far sciogliere completamente lo zucchero, poi fate cuocere per qualche altro minuto a fiamma alta. Quando il liquido avrà ottenuto le sembianze di uno sciroppo, spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare. Versate lo sciroppo nel vaso con il succo di melagrana e alcol, date una mescolata e sigillate. Dopo qualche giorno potrete finalmente imbottigliare il vostro liquore alla melagrana.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


27-12-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti