Capperi croccanti e in polvere, due ricette in una

Il cappero, un alimento sottovalutato e dalle eccellenti proprietà

Oggi vi presento due ricette in una: i capperi croccanti e la polvere di capperi. Ho deciso di dedicare un solo articolo e una sola ricetta a queste due preparazione in quanto condividono il procedimento iniziale (cambia solo la fase finale). Entrambe le preparazioni sono un modo per valorizzare questo alimento, che spesso viene dato per scontato e dunque non è oggetto dell’attenzione che merita. Il cappero è certamente un alimento diffuso, che fa da ingrediente di supporto a molte preparazioni, non ultima la pizza (ma anche la carne, il pesce, i contorni di verdure e ortaggi etc.).

Va detto che, in primis, i capperi sono una straordinaria fonte di fibre. Questo determina un certo vantaggio per l’apparato digerente, che ne trae equilibrio (soprattutto a livello intestinale) e un miglioramento delle “performance”. Insomma, i capperi fanno bene alla digestione. I capperi si distinguono anche nella veste di fonte vitaminica. Il riferimento è alle enormi concentrazioni di vitamina A, K e C. La caratteristica principale dei capperi, però, è la presenza del betacarotene e dei flavonoidi, potenti antiossidanti che contribuiscono a rallentare l’invecchiamento cellulare, a prevenire i tumori e a ridurre l’insorgenza di malattie cardiache (anche perché abbassano in modo significativo il colesterolo).

I capperi sono anche poco calorici: 100 grammi di prodotti contengono circa 23 kcal, quasi un record persino tra le specie vegetali. I capperi vengono venduti spesso sotto sale. E’ per questo motivo che si consiglia un consumo moderato agli ipertesi, il troppo sale, infatti, può mettere in pericolo coloro che soffrono di pressione alta. Per questo motivo è bene lavarli accuratamente prima di consumarli, o se inseriti in preparazioni complesse, rinunciare ad aggiungere altro sale. I capperi sono versatili, vanno bene su “quasi” tutto e in particolare sulla pizza. Sarà lo stesso anche per i capperi croccanti e la polvere di capperi? Lo vedremo nei prossimi paragrafi.

polvere di capperi

Come consumare i capperi croccanti

La prima preparazione suggerita dalla ricetta di oggi consiste nella preparazione dei capperi croccanti. Sono molto semplici da realizzare, è sufficiente lavare bene i capperi per rimuovere il sale, per poi essiccarli al forno. Il processo può durare anche quattro ore, ma fate attenzione affinchè la temperatura si mantenga sugli 80 gradi. Potete estrarre i capperi quando è passato questo lasso di tempo o, in alternativa, quando notate che non solo si sono asciugati, ma sono diventati anche croccanti.

Come consumare i capperi croccanti? I margini di azione sono molto numerosi. I capperi croccanti possono essere pensati come ingrediente o condimento per i primi, e in particolare delle zuppe e delle salse. In alternativa possono essere consumati come snack da aperitivo, dal momento che sono gradevoli da sgranocchiare. Ovviamente possono essere messi sulla pizza, magari per conferirle una resa diversa al palato.

A cosa serve la polvere di capperi?

La seconda preparazione è la polvere di capperi. E’ molto semplice da preparare, anche perché deriva dai capperi croccanti. Molto banalmente, una volta ottenuti i capperi croccanti per mezzo dell’essiccazione prolungata (quattro ore in forno a 80 gradi), questi vengono frullati. In questo modo otterrete una polvere molto fine che ricorda per texture e colore quella del pepe in polvere.

L’utilizzo è piuttosto evidente, la polvere di capperi si consuma come se fosse una spezia, dunque la si può usare per insaporire piatti di qualsiasi tipo. Io la trovo eccellente per le zuppe, dal momento che la polvere riesce quasi a dissolversi nella loro trama morbida. Stesso discorso per le vellutate. Il consiglio è comunque di non esagerare, dal momento che vi è il concreto rischio che il sapore dei capperi (che è piuttosto intenso) copra gli altri. Capperi croccanti o polvere di capperi? Io vi suggerisco di prepararli entrambi. Semplicemente, dopo aver essiccato i capperi, conservatene una parte e polverizzatene un’altra.

Ecco la ricetta dei capperi croccanti e polvere di capperi:

Ingredienti:

  • 1 vasetto di capperi sotto sale.

Preparazione:

Prendete il vasetto di capperi sotto sale e passateli in un colino. Lavate sotto abbondante acqua corrente i capperi in modo che il sale vada via. Mettete i capperi lavati e dissalati in ammollo per un’oretta, poi poneteli sulla carta da cucina in modo che possano asciugarsi bene. Accendete il forno a 80 gradi in modalità ventilata e adagiate i capperi in una teglia. Essiccate, quindi, per circa quattro ore, o almeno quando i capperi non saranno diventati duri e croccanti. Sfornate i capperi e fateli intiepidire. A questo punto i capperi croccanti sono pronti.

Per realizzare la polvere di capperi semplicemente inserite i capperi croccanti in un frullatore e frullate fino a quando non saranno ridotti in polvere. In entrambi i casi, ovvero capperi croccanti o capperi in polvere, la modalità di conservazione corretta è l’inserimento in un contenitore a chiusura ermetica.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *