logo_print

Burro di zucca, una deliziosa crema spalmabile

Burro di zucca
Stampa

Come utilizzare il burro di zucca?

Associare il concetto di burro a quello di zucca potrebbe sembrare una stranezza, un azzardo, e invece è ampiamente giustificato dalla struttura stessa della zucca e dalla sua texture, che si presta alla “trasformazione in burro”. In realtà del burro ha solamente la consistenza, dal momento che assomiglia di più ad una salsa incredibilmente densa. Inoltre anche l’utilizzo è abbastanza diverso, e anzi poco ha a che vedere con quello del burro normale. Per esempio non può essere impiegato per cucinare a mo’ di grasso aggiunto, piuttosto andrebbe utilizzato un po’ come la marmellata (magari a merenda o a colazione) o anche per insaporire bevande come il latte, lo yogurt, ma anche i dessert. Alcuni lo utilizzano anche per fare i dolci.

La ricetta è molto semplice, si tratta in definitiva di riscaldare gli ingredienti e frullarli. Ogni ricetta è diversa, soprattutto nella componente “spezie”, io propongo lo zenzero e lo sciroppo di agave in sostituzione dello zucchero. Ovviamente il punto fermo è la zucca, che rivela qui tutta la sua versatilità. E’ un ortaggio prezioso, che si caratterizza per un elevato valore biologico e per un apporto di grassi, e quindi di calorie, davvero molto basso. Un ortaggio da valorizzare e non dare per scontato, anzi è opportuno integrarlo nella propria dieta.

Tutti i benefici dello sciroppo di agave

In questa ricetta lo sciroppo di agave sostituisce lo zucchero nella nostra preparazione del burro di zucca. E’ una sostituzione giustificata dal miglior impatto dello sciroppo di agave sull’organismo, come dimostra il minore apporto calorico e, soprattutto, l’indice glicemico molto basso. Lo sciroppo di agave si ottiene dalla linfa dell’agave blu, una pianta carnosa che cresce principalmente nei deserti del Centro America. Lo sciroppo di agave, oltre al basso indice glicemico e al potere dolcificante, presenta tante altre caratteristiche positive.

Burro di zucca

In primis è un rimineralizzante, ovvero apporta tanti sali minerali e in quantità considerevoli. Nello sciroppo di agave si trovano in particolare il calcio, il magnesio, il potassio e il ferro. Lo sciroppo di agave è il miglior dolcificante in circolazione? Dei pregi rispetto allo zucchero abbiamo già parlato, ma vanno segnalati anche quelli rispetto al miele. Il riferimento è al maggior potere dolcificante e ad un indice glicemico anche in questo caso più basso.

Le peculiarità nutrizionali dello zenzero

Come ho già detto il burro di zucca è una preparazione versatile, di cui esistono tante varianti. Alcune giocano con le spezie, inserendo più varietà e specie. Nella ricetta che vi propongo oggi ho preferito non abbondare, in modo da lasciare spazio al sapore della zucca. Tra la lista degli ingredienti figurano infatti solo la cannella e lo zenzero. Proprio sullo zenzero vorrei soffermarmi, una spezia molto consumata soprattutto in oriente, ma apprezzata e diffusa anche in Italia. Una spezia che presenta molte caratteristiche di tipo terapeutico e pseudo-terapeutico, così come molte spezie di classe superiore.

Lo zenzero è innanzitutto un buon antinfiammatorio. Anzi, alcuni gli attribuiscono un potere simile ai farmaci FANS, che in genere vengono assunti per combattere il dolore. E’ ovviamente un antinfiammatorio naturale, ma comunque contribuisce all’aumento della pressione, una dinamica poco favorevole agli ipertesi ma utile per chi soffre di pressione bassa. Lo zenzero, poi, è ricchissimo di sali minerali, e in particolare di calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio, ferro, manganese e zinco. E’ anche un rimedio contro l’indigestione o i problemi digestivi in genere, per esempio combatte efficacemente la nausea. Inoltre è ricco di antiossidanti, sostanze che prevengono le patologie cardiovascolari, contribuiscono a prevenire i tumori e contrastano l’invecchiamento cellulare.

Ecco la ricetta del burro di zucca:

Ingredienti per 1 barattolo:

  • 240 gr. di zucca cotta in forno e pulita;
  • 75 gr. di semi di zucca;
  • 70 gr. di sciroppo d’agave;
  • 2 cucchiai di cannella in polvere;
  • 2 cucchiai di zenzero in polvere;
  • 15 ml. di succo di limone;
  • 40 gr. di latte di cocco;
  • q. b. di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Per preparare il burro di zucca iniziate versando in un pentolino i semi di zucca, la zucca, lo sciroppo d’agave, la cannella, lo zenzero e l’olio d’oliva. Fate scaldare per pochi minuti a fuoco lento, poi mescolate in modo da amalgamare gli ingredienti e ammorbidire i semi di zucca. Versate tutto in un robot da cucina (va bene anche un frullatore) e frullate per 3-5 minuti fino a quando i semi saranno completamente sminuzzati. Aggiungete poi il latte di cocco, un po’ di sale ed il succo di limone. Frullate di nuovo ed aggiungete (in base ai gusti) un po’ di cannella o del dolcificante.

Sterilizzare il barattolo e il coperchio usando normale acqua bollente e fate asciugare all’aria senza toccare l’interno del barattolo. Versate il burro di zucca nel barattolo e chiudetelo per bene. Il burro sarà caratterizzato da una consistenza liscia, anche se sembrerà granuloso alla vista. Si conserva per 3-4 giorni in frigorifero, oppure per un mese circa nel congelatore.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


14-11-2019
Scritto da: Colombo Tiziana
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti