logo_print

Ciambelline al cocco, dei dolcetti semplici e speciali

Ciambelline al cocco
Stampa

Perché le ciambelline al cocco sono così buone?

Le ciambelline al cocco sono dei dolcetti deliziosi da gustare sia a colazione che a merenda e, perché no, a conclusione di un pasto. Sono gustosi, mediamente dolci e non troppo calorici. Sono anche piuttosto semplici da fare, se si adoperano gli ingredienti giusti. Ingredienti che non sono certo tra i più banali e scontati. E’ sufficiente dare uno sguardo alla lista qui sotto per comprenderlo. Infatti, vi è una predominanza dei prodotti al cocco, in particolare della farina di cocco e del cocco rapè. La prima è necessaria per creare l’impasto, la seconda viene impiegata un po’ come se fosse zucchero a velo, dunque “sventagliata” a fine preparazione.

Qual è la differenza tra farina di cocco e cocco rapè? Partiamo dagli elementi in comune, sono entrambi derivati della polpa di cocco. Tuttavia, nel primo caso questa viene tritata finalmente, anzi macinata per ricavarne una farina. Nel secondo caso, invece, viene tritata in modo grossolano, quasi a scaglie. E’ inutile specificare che le ciambelline al cocco, in virtù della presenza di questi ingredienti, assumono un gusto predominato dal cocco. Questa va intesa come una qualità, come un pregio, dal momento che il cocco ha un sapore apprezzato da tutti, rotondo e mediamente dolce. E non sono nemmeno troppo calorici, non rispetto ad altre varietà di biscotti almeno.

Le speciali farine delle ciambelline al cocco

Di queste ciambelline al cocco non stupisce solo il gusto e la semplicità di preparazione, ma anche la scelta delle farine, che comprendono la già citata farina di cocco e quella di riso. Una scelta che prende le mosse da due obiettivi: offrire un sapore diverso (più morbido, rotondo e dolce) e garantire il consumo anche agli intolleranti al glutine e ai celiaci. Nè la farina di riso né la farina di cocco, infatti, contengono il glutine. Ma i pregi nutrizionali non finiscono qui.

Ciambelline al cocco

La farina di cocco contiene tutte le caratteristiche positive dal cocco. E’ ricca di vitamine, in particolare la A e la C. E’ anche ricca di sali minerali, e in particolare di potassio, magnesio e selenio. Quest’ultimo è un antiossidante che impatta beneficamente su molti organi, in particolare sul cuore e sulla tiroide (oltre a contribuire alla prevenzione del cancro). Dal punto di vista calorico si pone allo stesso livello delle altre farine.

La farina di riso è, invece, straricca di carboidrati, pur contenendo comunque una quantità di proteine non indifferenti. La farina di riso, poi, è pochissimo grassa, dal momento che i lipidi sono in gran parte sostituiti dall’amido. E’ ricca inoltre di sali minerali e vitamine, e si caratterizza per un indice glicemico tutto sommato basso.

Il burro chiarificato, un alleato utile in fase di cottura

La lista degli ingredienti delle nostre ciambelline al cocco comprende anche il burro chiarificato, una variante ovviamente conosciuta e diffusa ovunque, ma spesso messa in secondo piano rispetto al burro classico. Ma cos’è di preciso il burro chiarificato? Si tratta del burro a cui è stata tolta la caseina, ovvero la proteina del latte. Ciò determina due caratteristiche, ossia un sapore meno marcato, che sa meno di latte, e una più elevata resistenza alle alte temperature. Proprio per questo motivo il burro chiarificato è preferito al burro normale nella vesta di grasso aggiunto per cottura. Il burro normale, infatti, rischia di bruciarsi e di assumere un gusto amaro e poco gradevole.

Il burro chiarificato, dunque, è il classico burro “per cucinare”. Spesso lo si impiega anche nelle preparazioni che non richiedono uno sforzo particolare nella cottura, ma che prevedono un marcato equilibrio di sapori, nel quale il burro non deve emergere coprire gli altri ingredienti. Le ciambelline al cocco ne rappresentano un esempio emblematico. Ovviamente, se siete di diverso avviso, potete comunque utilizzare il normale burro. Ultimo appunto, la variante chiarificata è più calorica della variante classica, proprio perché più ricca di grassi e meno ricca di caseina (che è quasi assente).

Ecco la ricetta delle ciambelline al cocco:

Ingredienti per 8 persone:

  • 50 gr. di farina di riso;
  • 50 gr. di amido di mais;
  • 100 gr. di farina di cocco;
  • 150 gr. di zucchero di canna finissimo per dolci;
  • 130 gr. di burro chiarificato;
  • 20 gr. di cocco rapè per lo spolvero;
  • 4 uova;
  • 2 cucchiaini di bicarbonato.

Preparazione:

Per la preparazione delle ciambelline al cocco iniziate riscaldando il forno a 180 gradi, operazione essenziale per ottenere una cottura efficace e omogenea. Fate ammorbidire il burro semplicemente facendo “riposare” fuori dal frigorifero. Poi prendete un robot da cucina ed amalgamate accuratamente tutti gli ingredienti, ad esclusione dei frutti rossi. Potete svolgere questa fase mescolando a mano, ma l’amalgama difficilmente risulterà completa e ci metterete comunque molto tempo. Dopo aver mescolato gli ingredienti, ricavate il succo dai ribes, filtrateli con un colino e aggiungetelo all’impasto. Mescolate il tutto e versate l’impasto con i ribes negli stampi per ciambelline già imburrati e infarinati. Mettete in forno per 45 minuti. Poi estraete i dolcetti e sformateli subito. Fateli raffreddare e concludete mettendo sopra un po’ di cocco.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


10-09-2019
Scritto da: Colombo Tiziana
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti