Food blogger: l’importanza di uno scatto

Sempre connessi in un mondo di immagini e sapori

Non è sempre facile la vita da food blogger, ci si rende presto conto di quanto siano importanti le parole, le immagini, i contenuti. Ogni elemento ha il suo peso ed è fondamentale per carpire l’attenzione del pubblico e trasmettere messaggi.

Con una passione forte, che speriamo si colga in ogni rigo, dedichiamo le nostre giornate a pensare a voi che ci seguite, cercando sempre contenuti interessanti e ricette sempre al passo. Sentitevi sempre i benvenuti qui su NonnaPaperina.it, perché così è e sempre sarà. Questo portale di ricette è un po’ come casa nostra, uno spazio di passioni, colori, sapori ed emozioni.

Click dopo click alla scoperta delle intolleranze alimentari

Il mestiere del food blogger è fatto di continue sperimentazioni. Sperimentando, per esempio, l’impiattamento del pandoro con crema Chantilly, melograno ed uva abbiamo cercato equilibrio ed eleganza. Una foto qualunque non sarebbe bastata, non trovate? Ebbene, ogni volta dobbiamo cercare la formula più adatta ed accattivante.

Food blogger

Oppure ancora, quando vi parliamo di oggetti quotidiani in relazione all’intolleranza al nichel o alla celiachia, il nostro obbiettivo è puntato su oggetti o alimenti familiari e dobbiamo dunque produrre immagini che suggeriscano questa quotidianità, allertando sulle possibili conseguenze di contatto in caso di allergia. Le intolleranze alimentari, d’altro canto, si celano a volte in alimenti e prodotti che fanno parte del nostro quotidiano ma che vanno conosciuti ed arginati.

Food blogger: il nostro mondo in una foto

Il mondo di una food blogger è certo fatto di sapori, ingredienti e profumi, ma più di ogni altra cosa la comunicazione web viaggia per immagini. Ed ecco come in un attimo si comprende l’importanza delle foto e conseguenzialmente di un buon device che ci consenta di cogliere l’istante al meglio. Spesso usiamo macchine fotografiche professionali, ovviamente, ma non sempre le portiamo con noi, mentre al contrario lo smartphone ci segue dovunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *