logo_print

Udon in brodo di miso, il meglio della cucina giapponese

Udon in brodo di miso
Stampa

Le caratteristiche peculiari dell’udon in brodo di miso

Gli udon in brodo di miso sono una pietanza della tradizione giapponese, una pasto che incarna alla perfezione i principi della gastronomia del Giappone, a volte davvero diversa dalla nostra. Questo tipo di cucina è, infatti, molto più leggera e dai sapori interessanti ma tenui, con una maggiore preponderanza di brodi e liquidi. Gli udon in brodo di miso possono essere considerati alla stregua delle nostre minestre, sebbene si segnali una minore densità di ingredienti. Per quanto diversa, rispetto a quanto siamo abituati, questa ricetta può essere apprezzata da tutti i palati.

Tuttavia c’è qualche punto in comune con le minestre nostrane. Gli udon, infatti, non sono altro che un tipo di pasta. Possono essere paragonati ai nostri bucatini, anche se non sono cavi e sono addirittura più spessi. Gli udon sono anche mediamente più lunghi, morbidi ed elastici. Per il resto, anche in termini di ingredienti, sono semplicemente pasta. La ricetta tradizionale degli udon prevede l’uso della farina di grano tenero, ma nessuno vi vieta di utilizzare udon gluten-free (per quanto siano abbastanza difficili da reperire in Italia). Ad ogni modo, gli udon vengono cotti come la nostra pasta, sebbene vengano commercializzate varianti precote e disidratate (in questo è sufficiente aggiungere l’acqua bollente e lasciar riposare il prodotto per qualche minuto).

Cos’è il miso e quali sono le sue proprietà nutrizionali

Il miso, utilizzato nel nostro udon in brodo, è uno di quegli ingredienti che un europeo farebbe persino fatica a concepire. E’ infatti frutto di un trattamento che non ha quasi nulla a che vedere con quelli in uso in Occidente per la preparazione delle spezie. Anche il sapore è piuttosto sorprendente, per quanto delizioso. Il miso si presenta come una specie di crema molto densa e di un colore che va dal marrone all’amaranto. Nella sua accezione più pura, è frutto della fermentazione dei semi di soia, innescata dall’interazione con il fungo Koji. Altre varietà di miso, meno costose e un po’ più popolari, vengono realizzate a partire al riso, dall’orzo, dalla segale o altri cereali.

Udon in brodo di miso

Pur agendo come una spezia (quindi se ne impiega poco), il miso è di fatto un condimento. Il suo apporto calorico è medio, e si aggira sulle 200 kcal per 100 grammi. E’ ricco sia di proteine che di carboidrati, caratteristica sui generis per un ingrediente che viene impiegato come condimento o, addirittura, come spezia. Il miso è anche ricco di vitamine del gruppo B, di vitamina K (abbondantissima), potassio, calcio, ferro, fosforo e magnesio. E’ anche carico di sodio, ragione per cui va utilizzato in sostituzione del sale, e comunque in modo moderato, soprattutto se si soffre di ipertensione.

Le peculiarità dei funghi shiitake e il loro potere antiossidante

I funghi shiitake, utilizzati nel nostro udon in brodo di miso, sono funghi che crescono spontanei in tutta l’Asia orientale, Giappone compreso. Sono funghi diversi da quelli che popolano i boschi a ridosso del Mediterraneo. In primis, perché hanno un sapore più tenue, secondariamente perché possono essere consumati addirittura crudi. In Giappone vengono consumati a mo’ di insalata, con un po’ di timo e salsa di soia. Un’altra caratteristica dei funghi shiitake è la potenza nutrizionale, che è semplicemente fuoriscala per la categoria “funghi”. In genere, infatti, i funghi vengono tacciati di essere poco nutrienti. Lo shiitake, però, contiene sia carboidrati che proteine.

Per il resto, sono ricchi di vitamine e sali minerali. Il riferimento è in particolare alla vitamina D e a quelle del gruppo B, nonché al selenio, che è un formidabile antiossidante, allo zinco e al rame. Gli shiitake, al pari di molti funghi dell’area orientale, sono un toccasana per l’apparato cardiocircolatorio. Infatti contribuiscono ad abbassare il colesterolo cattivo e contrastano, o rallentano, i processi aterosclerotici. Gli shiitake, infine, contengono il lentinane, un importante antiossidante dalle forbiabili proprietà anti-tumorali. In questa ricetta, vengono cotti nel brodo e inseriti quasi a fine cottura.

Ecco la ricetta degli udon in brodo di miso:

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di udon di riso;
  • 100 gr. di miso;
  • mix verdure (cipolla, sedano, carota);
  • 120 gr. di funghi shiitake;
  • 1 pezzettino di zenzero fresco;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di salsa di soia.

Preparazione:

Per la preparazione degli udon in brodo di miso iniziate pulendo e sbucciando la cipolla, la carota e il sedano, poi tagliateli a pezzi piccoli. Rimuovete la buccia dallo zenzero e ricavatene delle fette sottili. Ora riempite una pentola con dell’acqua e versateci le verdure e le fette di zenzero. Accendete il fuoco e fate bollire, regolate di sale ed aggiungete la salsa di soia, poi abbassate la fiamma e fate cuocere per mezz’ora.

Nel frattempo versate il miso in una ciotola. Schiacciatelo con un cucchiaio e aggiungeteci un paio di mestoli di brodo bollente in modo da farlo sciogliere. Una volta che è ben sciolto, versate il miso nella pentola contenente le verdure e continuate a cuocere a fiamma bassa. Poi pulite per bene i funghi, tagliateli e versateli nella pentola. Fate cuocere il tutto per altri dieci minuti e poi inserite gli udon. Continuate a cuocere per il tempo indicato nella confezione degli udon. Infine servite il piatto caldo con il brodo.

udon


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti