Zuppa di scorfano e sedano rapa, minestra deliziosa

Zuppa di scorfano e sedano rapa
Stampa

Cosa ha di speciale la zuppa di scorfano e sedano rapa?

La zuppa di scorfano con crostino di pane ai cereali e sedano rapa è una ricetta che mi è stata suggerita dal famoso chef Danilo Angè, un vero maestro quando c’è da coniugare ingredienti molto diversi tra di loro per dare vita ad abbinamenti insoliti ma di eccellenza. E’ il caso di questa zuppa di scorfano e sedano rapa, che è un vera sinfonia di sapori. La ricetta, per quanto frutto di un approccio raffinato alla cucina “ittica”, è in realtà molto semplice da realizzare. Forse è solo un po’ laboriosa, dal momento che prevede molte fasi, ma vi basterà seguirà le indicazioni che vi darò tra poco per non sbagliare.

Il protagonista di questa ricetta è lo scorfano, un pesce di acqua salata che è da secoli, se non da millenni, parte integrante della gastronomia ittica italiana. E’ un pesce poco calorico, poco grasso e ricco di proteine. Queste ultime, infatti, rappresentano ben il 20% del totale (praticamente come la carne rossa), mentre i grassi si attestano ad un livello inferiore allo 0,5%. I pochi grassi che contiene, poi, sono tutti “buoni”. Il riferimento è agli omega tre, che fanno bene al cuore, alla vista e alle funzioni cognitive. Lo scorfano è anche ricco di minerali, e in particolare di potassio, ferro, calcio e magnesio. A dire il vero è molto povero di vitamine, sebbene si segnalino tracce di vitamina C.

Gli insospettabili benefici del sedano rapa

Il sedano rapa, utilizzato nella zuppa di scorfano, è un tipico ingrediente di “terra”, dunque non è cosa di tutti i giorni gustarlo in una zuppa di pesce. D’altronde è questa la forza della zuppa di scorfano di Danilo Angè, ossia la capacità di abbinare e valorizzare ingredienti dal carattere diverso. Ad ogni modo, il sedano rapa è un ortaggio che fa parte della tradizione italiana, consumato con minestre e zuppe a base di legumi. Si caratterizza in primis per un apporto calorico incredibilmente modesto, che si aggira sulle 23 kcal per 100 grammi.

Zuppa di scorfano e sedano rapa

Il sedano rapa è apprezzato soprattutto per la quantità e la varietà di sali minerali. Infatti abbonda di ferro, potassio e manganese. Stesso discorso per le vitamine (in particolare la C) e per gli antiossidanti. Questi ultimi sono sostanze fondamentali per l’organismo, in quanto stimolano la rigenerazione cellulare, rallentano l’invecchiamento e soprattutto aiutano a prevenire il cancro. Il sedano rapa è famoso anche per la sua funzione digestiva e per le sue capacità depurative, le quali coinvolgono soprattutto il fegato.

Il contributo organolettico degli spinaci e le loro eccellenti proprietà

Anche gli spinaci giocano un ruolo importante in questa zuppa di scorfano. Equilibrano il sapore, rendendolo un po’ più lineare e meno forte. Nello specifico, gli spinaci vengono inseriti quasi a fine preparazione e versati nel brodo di pesce insieme agli ingredienti principali, come lo scorfano. Gli spinaci sono un vero toccasana per l’organismo, oltre ad essere una delle verdure più apprezzate in assoluto.

Sono abbastanza ipocalorici: 100 grammi di spinaci apportano solo 31 kcal. Inoltre sono ricchi di sali minerali quali il ferro, il calcio, il fosforo, il magnesio e soprattutto il potassio, che raggiunge concentrazioni rilevanti. Considerevole è anche l’apporto di vitamine, con esplicito riferimento alla vitamina C. Gli spinaci sono anche ricchi di fibre, il ché contribuisce a risolvere gli episodi di stipsi e garantisce una buona mobilità intestinale. Da segnalare anche una certa quantità di antiossidanti, che rendono gli spinaci un vero toccasana a livello salutistico.

Ecco la ricetta della zuppa di scorfano con crostino di pane ai cereali e sedano rapa:

Ingredienti per 6 persone:

  • 1,5 kg di scorfano;
  • 100 gr. di sedano, carote e cipolle;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 1 foglia di alloro;
  • 2 chiodi di garofano;
  • 200 gr. di pomodori maturi;
  • 400 gr. di sedano rapa;
  • 1 filone di pane ai cereali consentito;
  • 100 gr. di spinaci;
  • q. b. di olio extravergine di oliva;
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della zuppa iniziate togliendo le squame dallo scorfano, spinatelo per bene e riducete i filetti a dadini. Fate a cubetti le carote, il sedano e le cipolle, poi fate imbiondire il tutto in una pentola dove avrete messo a scaldare un filo d’olio. Inserite, poi, l’alloro, l’aglio e i chiodi di garofano che avete a disposizione. Infine aggiungete la testa dello scorfano e le lische per far insaporire, poi fate rosolare e coprite con acqua. Regolate con un po’ di pepe, sale (davvero poco) e versate anche i pomodori. Cuocete a fuoco lento fino a quando i liquidi non si saranno ristretti della metà, poi filtrate il tutto.

Ora pulite e togliete la buccia dal sedano rapa, poi fatelo a dadini e rosolatelo con un po’ di olio extravergine d’oliva, un po’ di sale e di pepe. Nel frattempo affettate il pane e tostatelo in forno per 4 minuti ad una temperatura di 200 gradi. Infine versate il brodo di pesce in una pentola, inserite lo scorfano tagliato a pezzi, gli spinaci e il sedano rapa che avete rosolato; poi aggiungete un po’ di pepe, di sale e continuate a cuocere per 10 minuti. Servite la minestra con il pane ai cereali tostato e buon appetito!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


26-05-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti