Cicerchia: il legume poco conosciuto e da riscoprire

Origini, tradizioni e impieghi delle cicerchie in cucina

La cicerchia è un antico legume tipico del Sud Italia impiegato sin dalla notte dei tempi per la preparazione dei piatti tipici della tradizione rustica, povera e prevalentemente contadina. Essa abbonda di minerali, è ricca di proteine e funge da valido alleato per la salute di cuore, denti, ossa e muscoli. Il lsuo sapore è molto simile a quello dei ceci, ma più delicato.

Le cicerchie si prestano alla realizzazione di piatti caldi ed avvolgenti, squisiti e nutrienti. Questo caposaldo della cucina tradizionale pugliese affonda le radici in un passato antichissimo che rischiamo con il tempo di perdere e che, invece, è tutto da valorizzare. Per farlo, possiamo impiegare questi legumi in mille modi. Tra tutte le preparazioni possibili assolutamente da provare è la crema di cicerchie.

La semplicità non richiede mai troppi ingredienti

Le cicerchie, come d’altronde tutti i legumi, per poter essere utilizzate in modo corretto, richiedono una preparazione precisa, sia per quanto riguarda l’ammollo che la cottura. Questi accorgimenti servono per permettere di mantenere inalterato il gusto particolare e renderle ancora più digeribili. Il sapore già di per sé delicato delle cicerchie non richiede l’uso di particolari aromi che le enfatizzino. Un bel cucchiaio di olio extravergine di oliva potrà bastare.

Cicerchia

Le cicerchie possono anche essere cotte in maniera più veloce e pratica, per chi volesse evitare i tempi un po’ lunghi previsti con l’uso della pentola normale è consigliata la pentola a pressione. Questo metodo permette di ridurre in maniera significativa i tempi di cottura di questi legumi mantenendone inalterato il tipico sapore che li contraddistingue. È con questa tecnica, volendo, che si può preparare ad esempio anche una golosa minestra di cicerchie.

La grande versatilità in cucina delle cicerchie

Questo legume così antico funge anche da condimento per la pasta prestandosi esso tantissimo a fungere da ingrediente principale per preparare sughi e creme. Tra i migliori abbinamenti che meglio di altri sono in grado di esaltarne il sapore vi è quello con il tonno e con i funghi. Invece il formato di pasta che meglio si abbina alle cicerchie è indubbiamente quello delle tagliatelle, anche se risultano davvero ottimi anche i cavatelli.

Cicerchia è quindi sinonimo di semplicità in cucina da sempre sfruttata per la preparazione di piatti diversi da regione in regione. Tra i piatti più conosciuti ci sono le sagne con le cicerchie, diffuse soprattutto in Molise: una pasta simile alle tagliatelle condita appunto con una crema di cicerchie, per realizzare la quale è questo legume è abbinato a peperoncino e lardo. In Lazio piatto tipico è quello delle laine con le cicerchie, una pasta particolare molto simile alle lasagne.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *