logo_print

Torta di liquirizia e carruba dal gusto diverso

Torta di liquirizia e carruba
Stampa

Torta di liquirizia e carruba, una particolare scelta degli ingredienti

La torta di liquirizia e carruba è un dolce davvero buono, soffice e dall’impatto visivo gradevole. Insomma, presenta tutte le caratteristiche che rendono una torta davvero buona! Presenta, però, alcuni elementi di divergenza rispetto alle normali torte. In primis è frutto di una scelta di ingredienti particolari, che punta a offrire sentori diversi ma allo stesso tempo in armonia tra di loro. Il riferimento è in particolare alla farina di carruba e alla liquirizia, che certamente sono rari da trovare insieme in una preparazione dolciaria, ma che in questa ricetta riescono a dare il meglio di sé.

Questa è una torta diversa dalle altre anche perché particolarmente soffice. Una parte consistente dell’impasto, infatti, è formata da un composto particolarmente spumoso. Questo è sicuramente un pregio, ma espone a un rischio: se la cottura non è sufficiente prolungata, vi è il pericolo che il dolce possa collassare su se stesso. Per questo motivo, vi consiglio di prolungare la cottura per qualche minuto in più se avete qualche dubbio. Certo, il dolce potrebbe attaccarsi allo stampo, ma in questo caso è sufficiente utilizzare una semplice spatola di gomma e fare leva sui bordi dello stampo stesso.

Le peculiarità della farina di carruba

La carruba, utilizzata nella nostra torta di liquirizia, è un frutto molto conosciuto soprattutto nel Sud Italia. Tuttavia, è utilizzato generalmente per l’alimentazione degli animali da allevamento. Pochi sanno, però, che dai suoi semi si può ottenere un’ottima farina. Come la polpa (scarsamente impiegata per l’uso alimentare) si caratterizza per un sapore molto forte, ma a differenza di quest’ultima è gradevolmente amarognola. Alcuni, addirittura, intravedono un richiamo forte al cacao. Ad ogni modo, la farina di carruba si distingue per le buone capacità di panificazione, sebbene richieda un “supporto”, in questo caso garantito dall’amido di mais.

Torta di liquirizia e carruba

La farina di carruba è anche un ingrediente salutare. Il riferimento è alle grandi quantità di vitamine, e in particolare della vitamina C, E e K. E’ anche una buona fonte di sali minerali, e in particolare di potassio, calcio, sodio, fosforo, magnesio, zinco, selenio e ferro. La farina di carruba, a differenza della polpa e dei suoi derivati, non è un lassativo (problema che disincentiva l’uso alimentare del frutto in sé). Tra le tante caratteristiche si segnala anche la totale assenza di glutine, in questo modo la torta può essere consumata anche dagli intolleranti a questa sostanza e dai celiaci.

Tutti i benefici nutrizionali della liquirizia

La liquirizia è uno degli ingredienti principali di questa torta, che da esso trae anche il nome. Nella fattispecie, viene impiegata la versione in polvere. Questa viene sciolta in acqua calda, la soluzione poi viene fatta raffreddare e infine integrata nell’impasto. La liquirizia non viene quindi impiegata come mero elemento decorativo, ma anzi impatta in maniera significativa sul risultato finale. In generale, la liquirizia rende la torta molto aromatica e intensa dal punto di vista organolettico.

La liquirizia è anche un alimento in grado di fare del bene all’organismo. Notoriamente contribuisce a calmare i sintomi del mal di gola, dell’acidità gastrica e della tosse. La liquirizia, poi, contribuisce ad aumentare la pressione sanguigna. Ciò rappresenta un vantaggio per chi soffre di ipotensione, ma uno svantaggio (e un rischio) per gli ipertesi. Questi ultimi, però, non devono temere nulla da questa torta, dal momento che le dosi sono abbastanza contenute.

Ecco la ricetta della torta di liquirizia e carruba:

Ingredienti:

  • 60 gr. di farina di carruba,
  • 200 gr. di amido di mais,
  • 16 gr. di lievito,
  • 250 gr. di zucchero di canna,
  • 250 gr. di uova (circa 5),
  • 80 gr. di acqua calda,
  • 20 gr. di liquirizia in polvere,
  • 160 gr. di olio di riso,
  • 2 gr. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della torta di liquirizia iniziate setacciando la farina di carruba insieme all’amido e al lievito. Sciogliete la liquirizia nell’acqua calda e fate raffreddare, poi aggiungeteci l’olio. Separate i tuorli dagli albumi. Unite i tuorli con lo zucchero e il sale, poi mescolate fino a ricavare un composto spumoso. Aggiungeteci anche l’acqua con la liquirizia e le farine. Montate a neve ferma gli albumi, poi inserite questo composto a quello precedentemente realizzato (quello con i tuorli, le farine e l’acqua con la liquirizia). Una raccomandazione, fatelo gradualmente ed un po’ alla volta. Versate il composto così ottenuto nello stampo e cuocete in un forno preriscaldato a 180 gradi per 45-50 minuti.

Fate raffreddare direttamente nello stampo, ma capovolto su una griglia per dolci, fino al completo raffreddamento. Un consiglio, se potete prolungate la cottura per qualche minuto. E’ infatti preferibile che il dolce sia un po’ più asciutto, piuttosto che rischiare che collassi su se stesso per l’eccessiva morbidezza. Certo, se prolungate la cottura vi è il rischio che si attacchi allo stampo, ma in questo caso è sufficiente applicare una spatola di gomma sui bordi, in modo da estrarlo senza rovinarlo.

Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


14-01-2019
Scritto da: Colombo Tiziana
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti