Sifone in cucina: come utilizzarlo in 4 semplici passaggi

Tempo di preparazione:

Sifone in cucina: tutta una questione di tecnica

Vogliamo utilizzare il sifone al meglio e ottenere risultati sorprendenti in cucina? La parola d’ordine è tecnica. Perché solo un uso appropriato può garantirci risultati all’altezza delle nostre aspettative. Allora, il primo step è quello di fare una buona preparazione della base i cui ingredienti annoverano, a scelta (anche in base alla ricetta da seguire): frutta, carne, latte, panna, cioccolato, erbe, verdure, pesce, frutti di mare e tanto altro ancora.

Si procede poi con il riempimento: come regolarsi? Prima cosa in assoluto da rispettare è che tutto quello che mettiamo nel sifone va filtrato. L’impasto dovrà passare infatti in un ugello molto sottile di cui è dotato il sifone e se si dovesse intasare si perderà solo del tempo. Meglio utilizzare, allo scopo, un colino con un imbuto comodo, adeguato alla dimensione del sifone, così da filtrare direttamente in esso il composto senza fuoriuscite e senza sprechi.

Uso del sifone in cucina: avvitamento e mantenimento del composto

Il corretto avvitamento del sifone è poi il terzo passaggio essenziale. Questo si chiude avvitando la ricarica nel tappo, poi si agita in maniera vigorosa il sifone. Se si mettono più cariche del dovuto, stiamo tranquilli, il sifone non esploderà, solo stiamo buttando via cartucce. Quando si avvitano e svitano le ricariche, il sifone, contrariamente a quello che in maniera istintiva potremmo essere portati a fare, non va preso per la leva: anche se si fa meno fatica, possiamo in questo modo fare danni.

Il quarto passaggio è quello relativo al mantenimento in frigo del sifone. Quando lo si conserva l’ideale sarebbe tenerlo in orizzontale così che il composto riposto al suo interno sia distribuito su tutta la superficie dello strumento. In alternativa, lo si può anche tenere in verticale, ma in questo caso capovolto, in modo che il ripieno venga mantenuto in una posizione utile a farlo uscire senza schizzi e senza difetti. Le piccole spume, infatti, richiedono la perfezione estetica anche nei dettagli.

Uso del sifone: qualche consiglio finale

In fase di utilizzo, questo straordinario accessorio da cucina deve essere sempre agitato per bene, tenendolo orizzontale. Quando si sifona invece, il sifone va tenuto in posizione verticale, perfettamente perpendicolare al piatto; diversamente il rischio è quello che esca più gas del normale con il risultato di ottenere delle spume troppo piene di aria, esteticamente sgradevoli anche alla vista.

Quanto alla pulizia del sifone: questo va prima scaricato completamente dal gas, poi va aperto e tutte le parti di esso vanno rimosse. A seguire, si pulisce in maniera minuziosa la bocchetta. È possibile utilizzare anche qualche utile accessorio da cucina; tra questi il mercato offre guaine in silicone per non scottarsi ma anche bocchette lisce, rigate, quadrate, rettangolari, insomma di ogni genere, per liberare la fantasia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *