logo_print

Vasocottura: finalmente i sapori di una volta! 

vasocottura
Stampa

Sapori e profumi come mai sentiti prima…con la vasocottura!

La tecnica della vasocottura è un metodo di cottura assai antico: le nostre nonne usavano proprio cucinare in questo modo, avvalendosi del calore di camini e bracieri. Sicuramente starete pensando a qualche atavico strumento pesante ed ingombrante…niente di tutto ciò. Questo metodo di cottura, che da qualche anno a questa parte è tornato alla ribalta, si è sempre basato sulla cottura in vasetti di vetro.

D’altronde, non dovrebbe stupire più di tanto, visto che anche le conserve si basano proprio sull’utilizzo di barattoli in vetro da passare al fuoco, in questo caso, a bagnomaria. Molte fonti autorevoli e diversi rappresentanti del settore della nutrizione si sono di recente espressi sulla vasocottura affermando che trattasi del metodo di cottura più sano che ci possa essere. Il merito di cotanta genuinità è dovuto alla combinazione della cottura esterna (a vapore o con calore proveniente da forni e microonde) con quella che ha luogo nel vetro, naturale, in quanto può avere luogo senza l’uso di condimenti.

A cosa è dovuto il “plus” organolettico?

Tramite questa tecnica si ottengono ricette sane ma dal gusto amplificato. Aprire un vasetto di pietanze cucinate in questo modo permette di riscoprire i sapori di un tempo. Anche una semplice zucchina se cotta in vasocottura potrà rivelarsi molto più gustosa del normale, mantenendo anche il suo colore brillante. Questo avviene perché non ha luogo la dispersione del gusto e del profumo di una ricetta, cosa che accade in genere con il vapore da comune cottura in pentola.

Il plus organolettico trova ragion d’essere più nello specifico nel fatto che tutti gli ingredienti sono cotti in un vaso chiuso ermeticamente. Da ciò consegue che tutti gli aromi in vasocottura si mantengono al loro interno senza andare via, proprio come se cuocessimo in un “super cartoccio”. La cottura in ambiente ermetico, che ha luogo in modo peraltro veloce, consente di mantenere vividi i colori degli ingredienti, specialmente quelli delle verdure.

Inviti a pranzo/cena come risponde la vasocottura?

Servire le pietanze all’interno dei barattoli carini – a patto di non utilizzare vasetti “anonimi” o ancora peggio residui post bellici – ha un indubbio effetto gradevole alla vista, il tutto in maniera veloce ed economica risparmiando tempo, gas ed elettricità, cosa che, in occasione di inviti non è certo poca cosa. La vasocottura ci permette di presentare le pietanze ancora nel vaso per un effetto scenico senza pari.

Il risultato è sicuramente il seguente: con la vasocottura gli ospiti resteranno a bocca aperta, sorprendentemente meravigliati e stupiti. Inoltre questo metodo di cottura ci permette di dosare in maniera semplice le porzioni, evitando la fastidiosa distribuzione a tavola – o in separata sede con tutta l’attesa che ne deriva – delle pietanze. Una bella quantità di vantaggi come si vede!


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


02-09-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti