La base di un tipico piatto italiano: la pizza

la pizza
Commenti: 0 - Stampa

La base di un tipico piatto italiano: la pizza. Quando si fa un viaggio all’estero e ci si presenta come italiani, la prima cosa che viene in mente è “la Pizza>!”. Sicuramente è capitato di sentirvelo dire!

La pizza è la regina della tavola in Italia! Soffice e con la crosta croccante, o bassa e leggera, alta e morbida, con pomodoro e olive, tonno, capperi, margherita, marinara, mari e monti, persino con le patatine fritte, è buona sempre e specialmente ce n’è per tutti i gusti!

Bella e buona, ma se si decide di preparare la pasta della pizza può essere una preparazione che richiede diverse ore, questo perché il segreto di una buona base per la pizza è la lievitazione: più ore viene fatta lievitare, più sarà digeribile e leggera.

Esistono tanti prodotti già pronti che, con ingredienti sani e genuini, consentono di ottenere lo stesso risultato, ma con rapidità e semplicità. Io ultimamente utilizzo le basi pronte Exquisa: pratica e deliziosa, senza grassi idrogenati, senza lattosio, senza soia, adatti per ovo-latto-vegetariani, latto-vegetariani e vegani.

A questo punto sta a voi decidere il resto.Un consiglio: siate fantasiosi!

pizza con zola

La pizza: facilissima con le basi pronte

Preriscaldate il forno in modalità ventilata a 190° C, oppure a 200° C con l’impostazione forno statico. Intanto srotolate la pasta e lasciatela riposare per almeno quindici minuti.

Mettete l’impasto nella teglia, quindi, con l’aiuto di un cucchiaio versatevi sopra il sugo di pomodoro in modo da formare uno strato sottile e quanto più omogeneo possibile.

A questo punto, fate cuocere la pizza per circa 5 minuti, quando sarà pronta sfornatela, guarnitela con la mozzarella e conditela a piacere

Infine rimettete la teglia in forno per circa 10-15 minuti e proseguite la cottura, così che la mozzarella abbia il tempo di sciogliersi. Tagliatela a fette e servite il tutto.

pizza bianca con prosciutto e fichi

Curiosita sul piatto piu amato al mondo ne abbiamo?

Quale è l’origine della pizza margherita, il piatto più amato al mondo?

Ovviamente siamo a Napoli, nel XIX secolo, quando la ricetta più popolare era una schiacciata, una base bianca e croccante che veniva mangiata tra i vicoli della città.

A quel tempo, ogni anno, la Regina Margherita passava qualche mese nella Reggia di Capodimonte e tutti i cuochi della città facevano a gara per presentarle un piatto a lei dedicato. Tra tutti, Don Raffaele Esposito, un pizzaiolo, le intitolò una pizza, caratterizzata da ingredienti semplici, del territorio, freschi e molto saporiti, erano ovviamente la mozzarella, il pomodoro ed il basilico.

Il successo di questa pizza fu immediato, la Regina l’apprezzò così tanto che acconsentì perché questo nuovo piatto portasse il suo nome, ed ecco tutt’oggi la Pizza Margherita, la regina delle pizze.

Pizza con zucca, cipolle e gorgonzola, una variante speciale

La pizza con zucca, cipolle e gorgonzola è uno spuntino davvero goloso, ma allo stesso tempo salutare. Infatti, è realizzato principalmente con verdure valorizzate dal gorgonzola, uno dei formaggi più gustosi, che si sposa meglio con preparazione di questo tipo. In realtà, non si tratta di una vera e propria pizza, anche perché manca il pomodoro e il formaggio è usato più come guarnizione che come condimento di base. Allo stesso modo, è in grado di regalare parecchie soddisfazioni dal punto di vista organolettico, come da quello visivo. La pizza con zucca, cipolle e gorgonzola è uno snack che non si limita a essere squisito ma, in un certo senso, mette anche di buon umore.

La ricetta è semplicissima e praticamente banale. Si tratta di cuocere la zucca e la cipolla separatamente, stenderle sulla base della pizza e cuocere il tutto al forno. Infine, viene guarnita con il gorgonzola, che viene fatto sciogliere in modalità grill. Un alimento salutare, presente in questa pizza, è la zucca, un ortaggio apprezzato in tutto il mondo e dotato di eccellenti proprietà nutrizionali. La zucca è realmente un alimento prezioso, come si evince dalle straordinarie quantità di vitamine e sali minerali. Tra l’altro, contiene anche tantissimo betacarotene, che è una sostanza in grado di stimolare la produzione della vitamina A. Per quanto riguarda, invece, l’apporto calorico siamo veramente su livelli bassi, a tal punto che la zucca viene spesso consigliata in occasione delle diete dimagranti o estremamente ipocaloriche.

Un gorgonzola particolare

A dare un tocco di sapore in più a questa pizza con zucca e cipolle interviene il gorgonzola. Si tratta di un formaggio dal sapore davvero spiccato, che si differenzia nettamente dagli altri prodotti lattiero-caseari. Il merito va soprattutto alla presenza della muffa alimentare, che conferisce una decisa profondità organolettica. Si tratta, ovviamente, di un formaggio grasso, ma allo stesso tempo in grado di apportare tantissime proteine digeribili e caratterizzate da un elevato valore biologico. Come buona parte dei formaggi non stagionati, è ricco di calcio e fosforo.

Pizza con zucca cipolle e gorgonzola

Per questa ricetta consiglio il gorgonzola dolce, anche perché il “piccante” è indicato più per il consumo in solitaria che per fungere da ingrediente. Nello specifico, vi consiglio il gorgonzola Igor, realizzato da una delle aziende leader in Piemonte nella produzione di questo formaggio. L’azienda, infatti, rispetta fedelmente la tradizione utilizzando materie prime d’eccellenza. E’ raro trovare dei gorgonzola buoni e genuini come quelli di Igor.

Tutti i pregi della cipolla rossa

L’altro protagonista di questa pizza con zucca e gorgonzola è la cipolla. Non si tratta di una cipolla qualsiasi, bensì di quella rossa. È una variante diffusa soprattutto nel sud Italia, in particolare in Calabria, dove su tutte spicca la cipolla rossa di Tropea. La cipolla rossa si caratterizza per una maggiore presenza di antocianine, che sono responsabili del colore e di una formidabile azione antiossidante. In virtù di ciò, la cipolla rossa contrasta gli effetti  dei radicali liberi e contribuisce a prevenire il cancro. È una cipolla dal sapore piuttosto delicato che si sposa bene con il consumo a crudo. Molto spesso funge da ingrediente di insalate, ma può essere impiegata anche come ingrediente di ricette più o meno complesse, proprio come la pizza con zucca e gorgonzola.

Per il resto, la cipolla è una vera miniera di nutrienti. Contiene tantissimi sali minerali, tra cui spiccano lo iodio, lo zinco e il magnesio. Rilevanti sono anche le quantità di ferro, selenio (che ha una funzione antiossidante), vitamina E e vitamina C. La cipolla rossa è considerata un buon diuretico e un eccellente depurativo. Ovviamente, si caratterizza per un apporto calorico molto basso, pari a circa 20 kcal per 100 grammi. In occasione di questa ricetta, va cotta in un filo d’olio e distribuita sulla pizza.

Ecco la ricetta della pizza con zucca, cipolle e gorgonzola:

Ingredienti:

  • 1 rotolo di base per pizza,
  • 180 gr. di zucca pulita,
  • 150 gr. di gorgonzola Igor dolce,
  • 1 cipolla rossa,
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della pizza con zucca, cipolle e gorgonzola iniziate stendendo la base di pizza su una teglia rivestita con carta da forno. Poi fate la zucchina a cubetti e rimuovete la buccia dalla cipolla ricavando delle fette sottili. Il gorgonzola, invece, tagliatelo in piccoli pezzi. Ora imbiondite la cipolla in una padella antiaderente con poco olio.

In una padella a parte cuocete la zucca con un cucchiaio di olio d’oliva e fatela ammorbidire. Infine, fate intiepidire sia la zucca che la cipolla. Poi condite la base della pizza con la zucca, la cipolla e un cucchiaio di olio. Cuocete al forno per 15 minuti a 220 gradi. Concludete mettendo i pezzetti di gorgonzola e riscaldandoli al grill per pochi minuti. Servite e buon appetito!

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Migliori piatti stranieri

I migliori piatti stranieri più apprezzati al mondo

Perché un focus sui piatti stranieri? I migliori piatti stranieri fanno parte delle abitudini alimentari degli italiani. E’ una verità scontata, ma che dimostra come la cucina italiana non sia...

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

colazione per gli studenti

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti