Colazione della festa della donna: giorno in rosa

colazione della festa della donna
Commenti: 0 - Stampa

8 marzo: la colazione della festa della donna

La colazione della festa della donna rappresenta il primo momento di una giornata interamente dedicata alle donne: l’8 marzo. È una giornata in rosa in cui di solito le donne festeggiano se stesse andando a cena con le amiche.

Ma perché non cominciare a festeggiare già di primo mattino con una bella colazione? Rinnegate il solito cornetto e cappuccino! Scegliete una colazione della festa della donna di classe! Cosa mangiare? Beh, dipende dai vostri gusti: dolce o salato? Siete a dieta o ve ne infischiate della linea in questo giorno da dedicare a voi? In qualunque caso, le idee non mancano: sapremo ben consigliarvi!

La festa della donna: per non dimenticare.

La festa delle donne viene collegata ad una triste data: 8 marzo 1908, quando vi fu un incendio in una fabbrica Tessile a New York appiccato dal proprietario che voleva punire lo sciopero delle donne che vi lavoravano. Ed è da allora che l’8 Marzo si celebra come il giorno in cui si ricordano tutte le conquiste e le battaglie delle donne a livello internazionale.

E oggi questa festa è ancora più sentita soprattutto dopo i femminicidi, le discriminazioni e le violenze che quotidianamente costellano la vita di una donna. E la mimosa rappresenta il simbolo di questa festa dal lontano 1946 ad opera di Rita Montagnana e Teresa Mattei che la scelsero come emblema di forza e femminilità.

Cosa mangiare alla colazione della festa della donna: innovazione o tradizione?

In questa giornata importante, chi non può partecipare ad una cena con le amiche per impegni vari può organizzare, a casa o in un bar, una bella colazione della festa della donna. Cosa mangiare? Basta farsi guidare dai sensi attraverso la tradizione per giungere fino alle innovazioni culinarie.

colazione festa donna ver

Per le tradizionaliste la colazione è “gialla” con un piccolo tortino mimosa dove le morbide curve del pan di spagna si sposano con una crema corposa e dolce: in questo pezzo di fine pasticceria si possono adagiare fragoline di bosco con panna o frutti di bosco con crema Chantilly. Per quelle, invece, attente alla linea è un must scegliere tè zenzero e limone dove intingere i macarons gialli: il potere disintossicante della bevanda neutralizza i glucidi dei famosi biscotti francesi.

Per quelle donne che, invece, non vogliono rinunciare alla linea, ma che sono comunque golose, la colazione della festa della donna riserva una bella macedonia di banana e mango con caramello: un incrocio di delizie che mettono a dura prova qualunque palato! E che dire invece delle schizzinose che bevono solo succo di mango e mela? Beh, di loro ridono quelle che amano una colazione salata continentale con uovo alla coque dove adagiare magari un bel crostino caldo con pancetta croccante e formaggio filante: alla faccia della dieta!

E tu, di che colazione della festa della donna sei??

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Merenda per i ragazzi

La merenda per i ragazzi, ecco le soluzioni...

La merenda pomeridiana non è solo un piacere. La merenda è da sempre considerata un piacere. Per gli adulti può arricchire un momento di pausa dal lavoro o, se fatta molto tardi, sancire la fine...

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...

Cucina cilena

Cucina cilena, ricette e curiosità di una tradizione...

Un approfondimento sulla cucina cilena Oggi vorrei introdurvi alla cucina cilena, una cucina che spesso non riceve gli onori che merita in quanto è offuscata da altre tradizioni gastronomiche,...

festa del papa

Festa del papà con un menu perfetto

Una ricorrenza da celebrare in allegria La Festa del Papà è una ricorrenza carica di significati, è l’occasione per dichiarare l’affetto che si prova per il proprio padre, ma anche per...

Festa di San Patrizio

Idee per la Festa di San Patrizio o...

Festa di San Patrizio o Saint Patrick’s Day, non solo una festa irlandese Quale migliore occasione dalla festa di San Patrizio, Saint Patrick’s Day, per fare la conoscenza della cucina...

08-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti