Una vacanza alle Seychelles: tra Praslin e il coco de mer

Praslin: l’isola delle palme

Continua il mio racconto sul mio ultimo viaggio alle Seychelles, luogo in cui sono ritornata a dicembre e dove, diversi anni fa, sono stata per la mia luna di miele. Sono isole che nascondono al loro interno un fascino straordinario e dove natura, mare e storia si intrecciano. Quando si arriva, in barca o in aereo, sembra di trovarsi in una storia di pirati  e corsari, fra scogli e veri e propri tesori naturali.

Nell’ultimo post abbiamo lasciato le rocce maestose e le piantagioni di vaniglia dell’isola La Digue e ora ci addentriamo nella natura di Praslin, famosa per le sue spiagge paradisiache e per la sua natura lussureggiante. Un’isola in cui è più facile muoversi con i mezzi di trasporto visto che possono circolare sia autobus che auto. Una delle spiagge più impressionanti è quella di Anse Lazio, uno dei luoghi migliori in cui rilassarsi e perché no, fare colazione in riva al mare.

Il ‘coco de mer’: il seme più grande del mondo

Praslin è l’isola del coco de mer. Oltre alle spiagge, infatti, l’isola nasconde un altro tesoro inestimabile: la Vallée de Mai, una foresta antica, dichiarata patrimonio dell’UNESCO, grazie al suo ecosistema incontaminato. Qui si trovano le palme che producono questo seme, chiamato coco de mer, che può arrivare a pesare fino a 25 chili! Una passeggiata fra il gioco di luci e ombre che creano queste palme è un’esperienza incredibile e unica.

Qualche curiosità? Questo enorme seme viene chiamato anche “coco d’Amour“, per la sua somiglianza a un bacino femminile. In passato, si credeva che questa pianta fosse marina già che i suoi frutti venivano trovati solitamente in acqua. Fin dai tempi antichi, inoltre, grazie alla sua scarsità, era un simbolo di potere di grande valore. E lo è tutt’oggi, visto che acquistare uno di questi semi giganteschi può costare una fortuna!

Cucina creola: un mix di sapori e profumi

Per poter assaporare realmente la tipica cucina creola, risultato di secoli di influenza e di scambi con altri popoli, bisogna cercare di mangiare nei ristoranti del posto e, perché no, fare un giro nei mercatini per fare il carico di spezie. Gli ingredienti più utilizzati nella maggior parte della gastronomia delle Seychelles sono il pesce, solitamente grigliato o marinato, e il riso.

Fra gli altri prodotti tipici delle isole troviamo il latte di cocco, i cuori di palma, il polpo, spezie come la vaniglia, lo zenzero e il peperoncino e anche frutta del posto. Le banane,  ad esempio, sono protagoniste del kat kat, una specialità che si prepara, inoltre, con tonno, latte di cocco e spezie. Non perdetevi l’ultima parte del mio racconto, vi porterò su una delle isole più importanti delle Seychelles: Mahé.

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.